10404338 10205122338888898 7524015774954770569 n
10404338 10205122338888898 7524015774954770569 n
La città

Alberi pericolanti: dopo le segnalazioni un primo sopralluogo

I pini in via Tripoli non rappresenterebbero un pericolo per la sicurezza pubblica.

Numerose negli ultimi mesi le segnalazioni fatte da cittadini e associazioni per spronare l'amministrazione comunale a compiere interventi di messa in sicurezza del verde pubblico.

Ultima quella inviata a Palazzo di città dal cittadino Mario Conca, per sottolineare la pericolosità sia dei pini in via Tripoli, in prossimità degli uffici sede del Giudice di Pace, sia di quelli all'ingresso dell'Ospedale di "Santa Maria del Piede". Alberi visibilmente inclinati su una strada dall'intenso traffico non solo automobilistico ma anche e pedonale, le cui radici sono ormai emerse provocando pericolosi dislivelli sul manto stradale e sul marciapiedi.

In risposta alle sollecitazioni, l'assessore con delega all'ambiente, Vito Loglisci, insieme al responsabile dell'ufficio municipale preposto, Franco Parisi, ha effettuato un sopralluogo in via Tripoli a cui ha preso parte anche un tecnico specializzato, incaricato dal Comune di svolgere un controllo sulle condizioni degli alberi. Da questa prima analisi non sarebbe emerso alcun problema, "la pianta sarebbe in buona salute - spiega l'assessore - e, soprattutto, secondo lo specialista interpellato, non presenterebbe criticità tali da far temere una sua caduta al suolo". Si attende ora la relazione ufficiale che il professionista farà recapitare in Comune, per poi valutare gli eventuali interventi necessari. Dalla casa comunale fanno sapere inoltre che nei prossimi giorni proseguirà l'attività di monitoraggio su altre zone segnalate dai cittadini negli ultimi tempi.

La vicenda della sicurezza del verde pubblico era già finita agli onori della cronaca con la caduta, nel corso dell'anno, di alberi e rami all'interno del parco "Robinson". Tante le segnalazioni e le proposte provenienti in questo caso dall'associazione "Bosco-città", che ha più volte ribadito la pericolosità di molti arbusti della pineta, ormai giunti a completa maturità, e per questo soggetti a cedimenti strutturali.
3 fotoPini pericolanti in zone trafficate del paese
Pini pericolantiPini pericolantiPini pericolanti
  • Comune di Gravina in Puglia
  • Verde pubblico
  • Associazione Bosco-città
  • Vito Loglisci
Altri contenuti a tema
Assegnati i lavori, Capotenda sarà fruibile da tutti Assegnati i lavori, Capotenda sarà fruibile da tutti Opere di riqualificazione e abbattimento delle barriere architettoniche
Lavoro: un patto in tre punti chiave Lavoro: un patto in tre punti chiave Ecco cosa prevede il protocollo d'intesa firmato da Comune e sindacati
1 Reddito di cittadinanza, la commissione consiliare "bacchetta" Lafabiana Reddito di cittadinanza, la commissione consiliare "bacchetta" Lafabiana L’assessore aveva convocato i beneficiari con un post social
Wiki Loves Monuments: due gravinesi tra i vincitori Wiki Loves Monuments: due gravinesi tra i vincitori Gli autori degli scatti sono stati accolti dal sindaco Valente al Comune
Comune e sindacati siglano un protocollo d'intesa Comune e sindacati siglano un protocollo d'intesa Valente: "Un percorso condiviso per tutelare i lavoratori e favorire la crescita della città"
Giornata della trasparenza: convegno al Comune Giornata della trasparenza: convegno al Comune Lunedì 13 Gennaio incontro pubblico sul tema del nuovo diritto di accesso civico
Gravina tra i Comuni vincitori del bando regionale “Puglia Partecipa” Gravina tra i Comuni vincitori del bando regionale “Puglia Partecipa” Al Comune 16.000 euro per incoraggiare la cittadinanza attiva
Verde pubblico: nasce un gruppo di lavoro Verde pubblico: nasce un gruppo di lavoro Assessorato e associazioni insieme per il bene comune. Lafabiana: «Intesa fondamentale per una Gravina migliore»
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.