Ailanto nel Parco
Ailanto nel Parco
Territorio

Parco dell'Alta Murgia, eliminata infestazione dalla pianta ailanto

Una specie asiatica molto invasiva

Nel Parco nazionale dell'Alta Murgia oltre 680 aree sono state liberate dall'infestazione della specie invasiva asiatica "Ailanthus altissima", l'ailanto. Si è concluso un progetto che ha avuto inizio ad ottobre 2013, approvato dalla Commissione Europea, nell'ambito del Programma Life dell'Unione Europea.

Soddisfazione è stata espressa dal maggiore Giuliano Palomba del Reparto Carabinieri Parco Nazionale Alta Murgia e dal coordinatore del progetto Maurizio Vurro, dirigente di ricerca Cnr-Ispa. Circa 200 ettari sono stati interessati da "interventi a basso impatto ambientale", basati su trattamenti localizzati direttamente nel tronco delle piante indesiderate. Il progetto ha visto coinvolti come partner il Reparto Carabinieri del Parco Nazionale dell'Alta Murgia, l'Ente Parco, l'Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali (Arif) della Regione Puglia, tutti coordinati dal CNR-Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari di Bari.

I trattamenti si sono svolti in tutta l'area protetta. L'ailanto è tra le specie arboree più dannose e diffuse in Europa e rappresenta una grave minaccia per la biodiversità, in quanto poco esigente e a crescita molto rapida. Nelle aree naturali del Parco si era diffusa formando "popolamenti monospecifici ad alta densità", sottraendo spazio alle specie autoctone e producendo cambiamenti significativi in termini di composizione floristica. Le piante di ailanto, inoltre, avevano invaso manufatti di importanza architettonica e storica, quali antichi jazzi e mungituri, aree limitrofe alle cisterne interrate, masserie abbandonate, sino a nasconderle o renderle inutilizzabili.

Oltre agli interventi diretti di controllo svolti sul territorio, il progetto ha permesso anche di svolgere azioni di informazione e sensibilizzazione della popolazione ai temi riguardanti la salvaguardia della biodiversità, la gestione del territorio e la dannosità delle specie aliene invasive. Non è mancato il dibattito per l'utilizzo del "glifosate", il cui impiego è stato approvato in quanto ritenuto necessario per debellare questa specie arborea.
  • Ente Parco Nazionale dell'Alta Murgia
Altri contenuti a tema
Non è finito l'attacco ai boschi dell'Alta Murgia Non è finito l'attacco ai boschi dell'Alta Murgia Oggi circa 80 ettari bruciati nel territorio del Parco nazionale
Parte il progetto “Masserie 2.0” Parte il progetto “Masserie 2.0” Migliorare la connettività per promuovere il territorio del Parco dell’Alta Murgia
Il Parco dell’Alta Murgia vara il suo piano antincendi Il Parco dell’Alta Murgia vara il suo piano antincendi Coinvolte aziende agricole, Arif e Cnr. Lancio di una campagna social
Devastante incendio nel Parco dell'Alta Murgia, denunciato un agricoltore Devastante incendio nel Parco dell'Alta Murgia, denunciato un agricoltore Molto rapide le indagini dei carabinieri
Prevenzione incendi, il Parco si affida agli agricoltori Prevenzione incendi, il Parco si affida agli agricoltori L'anno scorso fiamme in 87 ettari di bosco dell'Alta Murgia. Ieri già 40 a Minervino
1 Parco Alta Murgia, attivato servizio “Prenota la tua visita” Parco Alta Murgia, attivato servizio “Prenota la tua visita” Una semplice procedura online. Le guide pronte per accompagnare gli escursionisti
1 Parco dell'Alta Murgia, riprenderanno le catture dei cinghiali Parco dell'Alta Murgia, riprenderanno le catture dei cinghiali Le attività sono ferme da mesi per l'emergenza. Agricoltori danneggiati
Eco-pattuglie nel Parco dell'Alta Murgia Eco-pattuglie nel Parco dell'Alta Murgia I carabinieri sorveglieranno il territorio in mountain-bike
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.