Ailanto nel Parco
Ailanto nel Parco
Territorio

Parco dell'Alta Murgia, eliminata infestazione dalla pianta ailanto

Una specie asiatica molto invasiva

Nel Parco nazionale dell'Alta Murgia oltre 680 aree sono state liberate dall'infestazione della specie invasiva asiatica "Ailanthus altissima", l'ailanto. Si è concluso un progetto che ha avuto inizio ad ottobre 2013, approvato dalla Commissione Europea, nell'ambito del Programma Life dell'Unione Europea.

Soddisfazione è stata espressa dal maggiore Giuliano Palomba del Reparto Carabinieri Parco Nazionale Alta Murgia e dal coordinatore del progetto Maurizio Vurro, dirigente di ricerca Cnr-Ispa. Circa 200 ettari sono stati interessati da "interventi a basso impatto ambientale", basati su trattamenti localizzati direttamente nel tronco delle piante indesiderate. Il progetto ha visto coinvolti come partner il Reparto Carabinieri del Parco Nazionale dell'Alta Murgia, l'Ente Parco, l'Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali (Arif) della Regione Puglia, tutti coordinati dal CNR-Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari di Bari.

I trattamenti si sono svolti in tutta l'area protetta. L'ailanto è tra le specie arboree più dannose e diffuse in Europa e rappresenta una grave minaccia per la biodiversità, in quanto poco esigente e a crescita molto rapida. Nelle aree naturali del Parco si era diffusa formando "popolamenti monospecifici ad alta densità", sottraendo spazio alle specie autoctone e producendo cambiamenti significativi in termini di composizione floristica. Le piante di ailanto, inoltre, avevano invaso manufatti di importanza architettonica e storica, quali antichi jazzi e mungituri, aree limitrofe alle cisterne interrate, masserie abbandonate, sino a nasconderle o renderle inutilizzabili.

Oltre agli interventi diretti di controllo svolti sul territorio, il progetto ha permesso anche di svolgere azioni di informazione e sensibilizzazione della popolazione ai temi riguardanti la salvaguardia della biodiversità, la gestione del territorio e la dannosità delle specie aliene invasive. Non è mancato il dibattito per l'utilizzo del "glifosate", il cui impiego è stato approvato in quanto ritenuto necessario per debellare questa specie arborea.
  • Ente Parco Nazionale dell'Alta Murgia
Altri contenuti a tema
Il Parco dell'Alta Murgia ha le sue guide ufficiali Il Parco dell'Alta Murgia ha le sue guide ufficiali In tutto sono venti. Pubblicato l'albo al termine del percorso di formazione
Sacchetti di plastica vietati, controlli nei Comuni del Parco Sacchetti di plastica vietati, controlli nei Comuni del Parco Attività dei Carabinieri del Reparto forestale Alta Murgia
Cinghiali nel Parco dell'Alta Murgia, aumentano le catture Cinghiali nel Parco dell'Alta Murgia, aumentano le catture Sono ancora tanti ma popolazione inizia a ridursi
Parco Alta Murgia: bilancio dei Carabinieri su attività a tutela dell’area protetta Parco Alta Murgia: bilancio dei Carabinieri su attività a tutela dell’area protetta Aumenta il numero dei controlli e diminuisce quello dei reati
Emergenza cinghiali, il Parco intensifica attività Emergenza cinghiali, il Parco intensifica attività Il presidente Tarantini: “Urgente agire in modo sinergico”
Il "Pallone" di Gravina in vetrina al Cheese 2019 Il "Pallone" di Gravina in vetrina al Cheese 2019 L'Alta Murgia presente alla fiera del formaggio di Bra (Cuneo)
Cinghiali: un piano in cinque azioni del Parco dell'Alta Murgia Cinghiali: un piano in cinque azioni del Parco dell'Alta Murgia Con Anci, Federparchi, Ispra e Conferenza Stato Regioni per affrontare il problema degli ungulati
Lupi e cinghiali nel Parco, Coldiretti chiede interventi a tutela di agricoltori e allevatori Lupi e cinghiali nel Parco, Coldiretti chiede interventi a tutela di agricoltori e allevatori Incontro con il nuovo presidente Tarantini
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.