pappalardi filippo
pappalardi filippo
Cronaca

Pappalardi fu arrestato ingiustamente

La Corte d'appello riconosce un indennizzo da 65.000 euro

Filippo Pappalardi sarà risarcito dallo Stato italiano perché fu incarcerato ingiustamente.

Questo quanto disposto dalla Corte d'appello di Bari che ha riconosciuto un indennizzo di 65.000 euro a favore del padre dei due fratellini, Ciccio e Tore Pappalardi scomparsi nel 2006 e ritrovati, due anni dopo, sul fondo di una cisterna del casolare poi ribattezzato la "Casa delle cento stanze".
Pappalardi fu inizialmente accusato di aver assassinato i suoi figli e il 27 novembre del 2007 fu rinchiuso in carcere.
Dopo tre mesi l'uomo fu scagionato e contro di lui caddero tutte le accuse.

Nel ricorso presentato dall'avvocato Angela Aliani, la difesa ha chiesto un risarcimento di 516.000 euro ma la Corte di appello ne ha concessi 65.000 di cui 20.000 per la ingiusta detenzione e 45.000 euro invece rappresentano il ristoro per il danno morale subito.
  • Filippo Pappalardi
Altri contenuti a tema
Ciccio e Tore, il padre Filippo Pappalardi non si arrende Ciccio e Tore, il padre Filippo Pappalardi non si arrende Nuovo appello per conoscere tutta la verità: "Ditemela e finalmente avrò pace"
Scomparsa di Ciccio e Tore, il caso è chiuso Scomparsa di Ciccio e Tore, il caso è chiuso La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso di Filippo Pappalardi
Riaprire il caso sulla morte di Ciccio e Tore Riaprire il caso sulla morte di Ciccio e Tore Filippo Pappalardi presenta ricorso contro l’archiviazione disposta dal Tribunale dei minori
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.