Arresto
Arresto
Cronaca

Palpeggia una donna e aggredisce forze dell'ordine, arrestato 35enne

E' un ghanese. Durante i controlli è rimasto ferito il comandante della Polizia locale

Ha palpeggiato una donna all'ufficio postale e poi si è scagliato contro le forze dell'ordine intervenute per identificarlo, ferendo il comandante della Polizia Locale. Con queste accuse un cittadino di nazionalità ghanese di 35 anni, senza fissa dimora e privo di permesso di soggiorno, è stato arrestato nel corso di un intervento congiunto dei Carabinieri della Stazione di Gravina e degli agenti della Polizia Locale.

I fatti si sono verificati attorno alle 17 di ieri pomeriggio, all'ingresso delle Poste in via De Gasperi. L'uomo ha prima palpeggiato una giovane residente in città e poi, di fronte alla reazione della donna e della madre che la accompagnava, ha staccato un ramo da un albero brandendolo contro le due per intimidirle, prima di allontanarsi. Sul posto sono prontamente intervenute una pattuglia di Carabinieri Forestali ed una della Polizia Locale, quest'ultima agli ordini del maggiore Nicola Cicolecchia. Sulla base delle indicazioni fornite dalla vittima e dai testimoni, nel giro di pochi minuti militari ed agenti sono riusciti ad individuare l'uomo nella vicina piazza Scacchi, fermandolo per procedere alla sua identificazione.

Ma all'atto dei controlli lo stesso ha assalito gli operanti, aggredendoli fisicamente prima di finire in manette ed essere trasferito in caserma per le procedure di rito. Nel corso della colluttazione, in particolare, il maggiore Cicolecchia è rimasto ferito alla mano sinistra ed al volto, riportando lesioni giudicate guaribili in dieci giorni dai medici del Pronto Soccorso dell'Ospedale della Murgia, ad esito degli accertamenti sanitari effettuati. L'indagato, invece, è stato ristretto nel carcere di Bari, a disposizione dell'autorità giudiziaria: dovrà rispondere di violenza sessuale, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Sulla vicenda, intanto, si registra la presa di posizione del sindaco Alesio Valente. "Ringrazio pubblicamente le forze dell'ordine - dice il primo cittadino - per il lavoro che quotidianamente svolgono, tra non poche difficoltà e tanti rischi, per garantire la sicurezza in città. Un affettuoso saluto rivolgo al comandante Cicolecchia, formulandogli auguri di pronta guarigione: ha testimoniato, una volta ancora, un forte senso di attaccamento al dovere. A nome dell'intera comunità gravinese esprimo apprezzamento per il coraggio e l'abnegazione dimostrati: siamo fieri ed orgogliosi di lui".
  • Arresto
  • Violenza sessuale
Altri contenuti a tema
Ruba alle lavanderie automatiche, preso giovane gravinese Ruba alle lavanderie automatiche, preso giovane gravinese Arrestato dai carabinieri dopo lunghe indagini
Furti di rame, arrestato un quarantenne Furti di rame, arrestato un quarantenne Bloccato dai Carabinieri lungo la provinciale Acquaviva – Santeramo
Furto in gioielleria: manette per donna incensurata Furto in gioielleria: manette per donna incensurata Merce restituita alla legittima proprietaria
1 Spacciatore evade dai domiciliari Spacciatore evade dai domiciliari Fermato dai carabinieri e condotto in carcere
Spaccio di droga, pregiudicato in manette Spaccio di droga, pregiudicato in manette Fermato dai carabinieri nel centro abitato
Ladro recidivo arrestato dai Carabinieri Ladro recidivo arrestato dai Carabinieri Bloccato mentre tentava furto in appartamento
Assalto ai tir, c'è anche un gravinese tra gli arrestati Assalto ai tir, c'è anche un gravinese tra gli arrestati Sette persone in carcere tutte affiliate al clan Parisi
In manette la banda dei bancomat In manette la banda dei bancomat Hanno assaltato banche, poste e appartamenti per un totale di 500.000 euro
© 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.