Ospedale della Murgia Fabio Perinei
Ospedale della Murgia Fabio Perinei
Ospedale e Sanità

Ospedale della Murgia, Stea: "diventa il fiore all'occhiello della nostra sanità"

Stanziati fondi per l'acquisto delle attrezzature

Più di un milione e mezzo di euro stanziati dalla Giunta della Regione Puglia con fondi rinvenienti dalla variazione al bilancio di previsione del 2019 e destinati alla realizzazione di piastra servizi e acquisto delle attrezzature necessarie al completamento ed alla piena funzionalità dell'ospedale della Murgia "Perinei", ma anche l'entrata a regime del servizio di emodinamica e della Utic e un numero complessivo di posti letto, distribuiti nei vari reparti, che si avvicina al raddoppio rispetto agli attuali.

"Così il nosocomio dell'Alta Murgia diventa uno dei fiori all'occhiello della nostra sanità pubblica", sottolinea Gianni Stea, assessore regionale all'ambiente e da anni in prima linea per lo sviluppo del Perinei. Stea per l'occasione ringrazia il presidente Michele Emiliano e il direttore del dipartimento salute della Regione, Vito Montanaro, per quanto fatto nell'ambito del piano di riordino a servizio dell'intera comunità e per una struttura che ha un bacino di utenza di circa 200mila persone.

"Grazie all'attenzione che la Regione Puglia sta dedicando al Perinei, stiamo raggiungendo - in collaborazione con i vertici della Asl e con tutto il personale medico e paramedico - l'obiettivo di rendere perfettamente operativo un ospedale all'avanguardia. E' il momento di voltare definitivamente pagina, non con altre inutili rassicurazioni, ma con fatti concreti. L'augurio - ma anche la promessa di una mia personale costante attenzione a quanto accadrà - è che in tempi brevi si possa giungere all'adeguamento del numero di personale e di sempre più efficaci apparecchiature ".
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.