guardia di finanza
guardia di finanza
Cronaca

"Operazione antivirus", altri sequestri di igienizzanti e mascherine

Anche ad Altamura e Gravina

Secondo atto dell'operazione ''Antivirus'' del comando provinciale della Guardia di finanza di Bari. Nelle province di Bari e Barletta Andria Trani sono stati sequestrati oltre 5.300 articoli sanitari, tra mascherine di protezione individuale, detergenti e guanti in lattice, commercializzati in violazione delle disposizioni recate dal codice del consumo e in materia di sicurezza dei prodotti.

Nei giorni scorsi erano già stati sequestrati oltre 30.000 prodotti (mascherine protettive, gel e salviette per le mani), posti in commercio con modalità fraudolente e truffaldine, per un valore di mercato di circa 220.000 euro, a seguito di oltre 30 perquisizioni effettuate in ben 22 Comuni delle province di Bari e Bat. In particolare, le imprese destinatarie dei sequestri avevano messo in vendita gel e salviette igienizzanti per le mani presentandoli, con scritte e simboli ingannevoli sulle confezioni nonché con messaggi pubblicitari, come prodotti con azione disinfettante e, comunque, a prezzi decisamente più alti rispetto a quelli praticati prima dello scoppio dell'emergenza sanitaria in Italia per il Covid-19.

Dopo questa operazione sono state incrementate le analisi di rischio, attraverso le numerose banche dati disponibili in uso al corpo e con attività di riscontro delle segnalazioni pervenute da numerosi cittadini a carico di farmacie, ferramenta e commercianti all'ingrosso e al dettaglio, oppure attraverso note piattaforme di e-commerce, di saponi, detersivi e profumi che vendevano articoli sanitari correlati all'emergenza del coronavirus. In questo modo sono stati effettuati gli ulteriori sequestri. I titolari delle attività economiche sono stati segnalati alle rispettive camere di commercio e ora rischiano una sanzione amministrativa fino a oltre 25.000 euro, la cui misura sarà determinata in ogni singolo caso facendo riferimento al prezzo di listino di ciascun prodotto e al numero delle unità messe in vendita.

I militari della Compagnia di Altamura hanno sottoposto a sequestro amministrativo, presso una ferramenta di Altamura e presso un commerciante di saponi e detersivi di Gravina, oltre 1.000 mascherine di protezione individuale non sicure per la salute dei consumatori, in quanto prive di marcatura CE e di indicazioni in lingua italiana.
  • Guardia di Finanza
  • Sequestro
Altri contenuti a tema
Indagine sui contributi comunali, la minoranza attacca Indagine sui contributi comunali, la minoranza attacca Per le forze di opposizione “Assordante il silenzio della maggioranza”
Contributi comunali, l'indagine va avanti Contributi comunali, l'indagine va avanti Accertamenti sui beneficiari che non avevano i requisiti
15 Contributi assegnati senza controllo, denunciato dipendente comunale Contributi assegnati senza controllo, denunciato dipendente comunale Indagine della Guardia di finanza. L'indagato ha patteggiato
Confiscati beni archeologici in terracotta Confiscati beni archeologici in terracotta Erano illecitamente detenuti in un'abitazione di Gravina
GdF, sequestro beni a imprenditore gravinese GdF, sequestro beni a imprenditore gravinese L’uomo si era appropriato di 71mila euro di denaro pubblico
2 Sequestro di impianti fotovoltaici, nuovi particolari sull'operazione Sequestro di impianti fotovoltaici, nuovi particolari sull'operazione La zona interessata è vicina al Sic Difesa Grande
Gravina, sequestrati dieci impianti fotovoltaici Gravina, sequestrati dieci impianti fotovoltaici Con l'accusa di truffa per ottenere gli incentivi. Sequestrati beni per 40 milioni in tutta Italia
Sequestro di beni alla Tradeco per 3,7 milioni di euro Sequestro di beni alla Tradeco per 3,7 milioni di euro Per indebite compensazioni d'imposta
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.