Acquedotto pugliese
Acquedotto pugliese
Territorio

Niente piogge e l'Aqp riduce ancora la potenza nelle reti

Piano straordinario per evitare la siccità

Se non dovesse piovere nemmeno una goccia, la riserva idrica costituita dagli invasi lucani si esaurirà a marzo nonostante ogni possibile taglio all'erogazione.
Questo il futuro tracciato dal presidente dell'Acquedotto Pugliese, Nicola De Sanctis, in audizione alla Camera per parlare di crisi idrica nelle regioni italiane. Uno scenario surreale con cui occorre fare i conti ed è per correre ai ripari che dal prossimo primo novembre Aqp ridurrà nuovamente la pressione.

Nel corso della sua relazione De Sanctis ha spiegato chiaramente che se gli invasi del Sinni e del Pertusillo si esaurissero, rimarrebbe a secco metà della popolazione pugliese: quasi 2 milioni di persone (soprattutto la Puglia meridionale, visto che il Barese è in gran parte servito dalle sorgenti del Sele-Calore). E, oltretutto, lo svuotamento del Pertusillo lascerebbe senza acqua anche 10mila abitanti della Basilicata.
La situazione dell'approvvigionamento idrico non è uguale in tutta la Puglia: il Salento può contare sull'apporto dei pozzi, e allo stesso tempo il Foggiano può attingere alla diga del Fortore il cui livello non è ancora considerato allarmante. Il vero nodo sono Bari e la Bat, che vengono servite dalle sorgenti del Sele-Calore il cui apporto attuale è molto più basso rispetto ai 5mila litri al secondo garantiti in situazione normale. Tuttavia, spiegano i tecnici di Aqp, non ci sarà alcun effetto «macchia di leopardo» perché le manovre di regolazione compenseranno gli eventuali squilibri.

In questi giorni Acquedotto pugliese e Regione sono a lavoro per approntare un piano di azioni straordinarie, che prevede il recupero dei 30-35 milioni di metri cubi presenti nella diga del Cogliandrino, un affluente del Sinni che alimenta la centrale idroelettrica Enel di Masseria Nicodemo, ai 40-45 milioni presenti nel Sarmento (con i lavori di rifunzionalizzazione già in corso l'acqua si potrebbe spostare a Monte Cotugno), allo sfruttamento della diga di San Giuliano (oggi destinata all'agricoltura), che si potrebbe recuperare - tramite il Sinni - riattivando la stazione di pompaggio di Bernalda e garantendo così circa 1.200 litri al secondo.
  • Acquedotto Pugliese
Altri contenuti a tema
1 Crisi idrica: da oggi nuove riduzioni della pressione Crisi idrica: da oggi nuove riduzioni della pressione Acquedotto Pugliese invita a cittadini a verificare il corretto uso dei serbatoi domestici
Emergenza idrica: ulteriori misure di contenimento dei consumi idrici Emergenza idrica: ulteriori misure di contenimento dei consumi idrici Dal 10 Novembre Aqp riduce nuovamente la pressione
Poca acqua nelle riserve, Aqp abbassa la pressione Poca acqua nelle riserve, Aqp abbassa la pressione Da oggi possibili disagi per le abitazioni agli ultimi piani
Ancora siccità e riserve idriche dimezzate: s'invita ad un uso corretto dell'acqua Ancora siccità e riserve idriche dimezzate: s'invita ad un uso corretto dell'acqua Il Comune di Gravina sostiene la campagna di sensibilizzazione di Acquedotto Pugliese
1 Bonus idrico: pubblicato il bando Bonus idrico: pubblicato il bando C'è tempo dal 1° settembre al 31 dicembre 2017 per presentare domanda
AAA cercansi consiglieri pugliesi coerenti per votare odg per ripubblicizzare Acquedotto pugliese AAA cercansi consiglieri pugliesi coerenti per votare odg per ripubblicizzare Acquedotto pugliese Il prossimo Consiglio regionale dia il via al percorso di ripubblicizzazione di AQP: subito l'istituzione di un tavolo tecnico paritetico.
L'Aqp deve rimanere pubblico L'Aqp deve rimanere pubblico Ennesimo appello del Comitato Acqua Bene Comune
Da Acquedotto pugliese continuano i lavori dopo l'emergenza gelo Da Acquedotto pugliese continuano i lavori dopo l'emergenza gelo Sostituiti 8000 contatori
© 2001-2017 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.