IAT Gravina trasferito presso il Museo Civico
IAT Gravina trasferito presso il Museo Civico
La città

Museo civico, si attende l’aggiudicazione per la gestione

La Regione incalza per l’apertura

Due le proposte progettuali candidate alla gestione del museo civico di Gravina. La notizia è stata confermata nel corso dell'incontro svoltosi presso l'assessorato regionale alla cultura dove sono stati convocati il primo cittadino e il responsabile del procedimento Onofrio Tragni.

La convocazione, decisa dalla dirigente regionale del servizio cultura, era finalizzata a conoscere lo stato dell'arte in merito alla riapertura e gestione del museo civico, parte fondamentale del Sistema dei musei finanziato dalla Regione Puglia. Come si ricorderà a marzo 2017 l'amministrazione comunale aveva inaugurato la sede di piazza Benedetto XIII assicurando l'allestimento delle sale e il ritorno dei reperti archeologici entro le settimane successive al taglio del nastro.

Da allora tanti i mesi trascorsi con la struttura affidata per ben due volte alla Fondazione Santomasi prima di trasferire anche l'ufficio informazione turistica. Dei reperti, a distanza di due anni, nemmeno l'ombra.

La questione è tornata di attualità dopo le sollecitazioni del consigliere regionale Mario Conca che hanno convinto gli uffici regionali a riaccendere i riflettori valutano al possibilità di ritirare il finanziamento concesso nel 2007.

Rischio almeno per il momento scongiurato grazie alle giustificazioni del responsabile del procedimento che ha rassicurato in merito all'imminente conclusione della gara per l'allestimento e la gestione del museo civico alla quale hanno partecipato due società.

Come si ricorderà il bando diffuso dal Comune mira alla individuazione di un soggetto a cui affidare l'allestimento del museo civico previa la "repertoriazione, catalogazione ed eventuale restauro ai fini del trasporto e della esposizione degli oltre 700 reperti archeologici" oltre alla gestione integrata del "Museo Civico Archeologico" con l'area archeologica del "Padre Eterno".

In pratica il vincitore del servizio dovrà occuparsi in prima battuta della pulitura, schedatura, trasporto, e eventuale restauro dei reperti per poi procedere all'allestimento museale. Finita questa prima fase resta sotto la responsabilità dell'aggiudicatario anche i servizi di apertura e chiusura dei locali, le attività di custodia e controllo, biglietteria e prenotazione visite ed eventi, l'accoglienza del pubblico, l'organizzazione di corsi post universitari, attività didattiche e laboratoriali.

Nel pacchetto figurano anche iniziative di comunicazione e la gestione, manutenzione e allestimento finalizzato alla fruizione del parco archeologico del Padre Eterno. Un progetto che per diventare realtà, data la natura dei molteplici servizi, ha ancora bisogno di molto tempo per concretizzarsi.

Tuttavia, almeno per il momento Palazzo di città ha scongiurato un altro debito fuori bilancio.
  • Museo Civico
Altri contenuti a tema
1 Museo civico, affidata la gestione Museo civico, affidata la gestione Contratto triennale per far vivere il contenitore storico-culturale
Museo civico, la Regione chiama a rapporto il Comune Museo civico, la Regione chiama a rapporto il Comune L'ente convocato per spiegare il perché della chiusura
2 Tempi lunghi per il completamento del museo civico Tempi lunghi per il completamento del museo civico All'appello mancano la catalogazione e l'allestimento delle sale
1 Museo civico: che fine hanno fatto i reperti? Museo civico: che fine hanno fatto i reperti? La gestione affidata alla Fondazione ma Burdi ignora la vicenda
Personale di Pino Navedoro a Gravina Personale di Pino Navedoro a Gravina Dal 5 al 30 settembre presso il Museo archeologico
Musei, stop agli ingressi gratuiti e aperture straordinarie anche di sera Musei, stop agli ingressi gratuiti e aperture straordinarie anche di sera Direttive difficili da applicare a Gravina
Stanziati i fondi per il sistema dei musei Stanziati i fondi per il sistema dei musei Il Civico torna nell'ex seminario
Che fine ha fatto il  museo archeologico? Che fine ha fatto il museo archeologico? Recuperato il finanziamento regionale il museo torna nel seminario diocesano
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.