cine teatro centrone mastrogiacomo
cine teatro centrone mastrogiacomo
La città

Il Comune a caccia di contenitori culturali

Il Mastrogiacomo ed il Centrone nel mirino dell’amministrazione Lagreca

L 'assenza di spazi pubblici attrezzati ed idonei per una produzione culturale di qualità in tutte le stagioni dell'anno è uno dei limiti della città di Gravina ed uno dei crucci dell'amministrazione Lagreca. Un bisogno diventato sempre più pressante all'indomani della notizia, comparsa nei mesi scorsi, della chiusura del cinema Sidion, chiusura poi rinviata, a quanto pare, al prossimo ottobre.

E' diventato prioritario allora per la civica amministrazione colmare questo vuoto che ostacola lo sviluppo della città, caratterizzato negli ultimi decenni dalla vocazione culturale, artistica, musicale e cinematografica di Gravina. Carenza di contenitori per svolgere eventi che possano accogliere il grande pubblico che accorre ad eventi straordinari.

Manca, quindi, una struttura pubblica- dicono da Palazzo di Città- "idonea a mettere a riparo dalle avverse condizioni atmosferiche e da altri fattori sfavorevoli, ove realizzare in maniera attrezzata spettacolo, musica e teatro, non solo nei mesi estivi ma in tutto l'anno, con un conveniente numero di posti e servizi relativi ai grandi investimenti privati e pubblici".

Una carenza che "rischia di compromettere l'ulteriore crescita culturale della città, di non utilizzare al meglio eventuali investimenti e di vanificare gli sforzi e il sacrificio finora sopportati dall'amministrazione comunale per rilanciale il settore culturale". Una esigenza più volte manifestata anche dalle tante associazioni culturali che in virtù di questa assenza sono strozzate nella loro crescita.

E allora che fare? L'idea dell'amministrazione è quella di recuperare alcuni importanti e storici contenitori culturali, attualmente in disuso e di proprietà privata, acquisendoli al patrimonio pubblico e ristrutturarli per metterli a disposizione della comunità. Si pensi all'imponente struttura di via de Gasperi, rappresentata dal cinema Centrone, oppure allo storico Cineteatro Mastrogiacomo nella vicina piazza Scacchi: due immobili, ubicati nel cuore della città, hanno sempre svolto la funzione di polo multidisciplinare per il Cinema, il Teatro, gli Spettacoli Musicali.
Entrambe le strutture sono state messe in vendita dalle rispettive proprietà: una occasione che l'amministrazione comunale ha deciso di valutare per poter finalmente sopperire alla grave mancanza di spazi idonei ad ospitare eventi di grande portata.

Una opportunità che il governo cittadino ha deciso di valutare sia pur riservandosi di intraprendere la strada più percorribile. Anche perché l'investimento non è di poco conto: secondo quanto trapelato dalla Casa Comunale per l'acquisto del cinema Centrone servirebbero circa 2 milioni e 500mila euro; invece gli eredi Mastrogiacomo per l'immobile di piazza Scacchi chiederebbero poco meno di un milione. Se a questo si aggiunge che per la ristrutturazione del Mastrogiacomo servirebbero più di 2 milioni, mentre per il Centrone le cifre superano i 10 milioni, si capisce bene che l'operazione va estremamente ponderata. Anche perché la decisione finale spetta comunque al consiglio comunale.

Tutte considerazioni che però non spaventano la giunta Lagreca. Infatti – conferma l'assessore al bilancio Leo Vicino- "il nostro obiettivo è di recuperarli entrambi. Se per il Centrone abbiamo già avuto un incontro in Regione per il reperimento di finanziamenti pubblici, per il Mastrogiacomo cercheremo le somme necessarie in proprio, senza però gravare sulle casse comunali".

La palla adesso passa nelle mani del Dirigente del Servizio Patrimonio che dovrà verificare la fattibilità di ogni proposta ed il relativo valore congruo, così da poter valutare l'opportunità dell'acquisto da parte del Comune e- concludono da via Vittorio Veneto- della convenienza alla ristrutturazione necessaria".

Gravina incrocia le dita e spera…
  • Comune di Gravina in Puglia
  • Cinema
  • cinema centrone
Altri contenuti a tema
Visita Ministro della Cultura annullata Visita Ministro della Cultura annullata Gennaro Sangiuliano non potrà essere più a gravina a causa di impegni istituzionali
Intitolazione piazza a Giovanna Frangipane della Tolfa Intitolazione piazza a Giovanna Frangipane della Tolfa La cerimonia in programma mercoledì 29 maggio
Servizio Civile Universale, Il Comune aderisce alla rete di Anci Puglia Servizio Civile Universale, Il Comune aderisce alla rete di Anci Puglia Obiettivo: migliorare la qualità della vita e dei servizi comunali e offrire coinvolgimento attivo ai giovani
Patto locale per la Lettura, pubblicato avviso Patto locale per la Lettura, pubblicato avviso Per l’adesione c’è tempo fino al 31 maggio
Gravina avrà il suo Parco Regionale Geo-Archeologico Gravina avrà il suo Parco Regionale Geo-Archeologico Chiusa la prima fase che porterà alla perimetrazione dell’area protetta
Centro storico, il sindaco convoca gli operatori economici Centro storico, il sindaco convoca gli operatori economici Obiettivo: approfondire le questioni che riguardano il cuore della città
Al via i punti di facilitazione Al via i punti di facilitazione Finanziati dalla Regione Puglia con il progetto “Rete dei servizi di facilitazione digitale”
Gravina protagonista della terza tappa del tour appalti Asmel Gravina protagonista della terza tappa del tour appalti Asmel L’evento dedicato all’aggiornamento normativo per enti e comuni
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.