trasportorifiuti
trasportorifiuti
La città

I sindacati attaccano il Comune di Gravina

Critiche per le cartelle sulla tassa dei rifiuti relativa al 2005. Anche Moretti (S.E.L.) interviene sulla questione

I sindacati di CGIL, CISL e UIL di Gravina hanno rilasciato un documento sinergico contro l'amministrazione gravinese, rea – secondo le tre organizzazioni – dell'invio, in questi giorni, di centinaia di cartelle e bollettini sulla tassa dei rifiuti solidi urbani relativa all'anno 2005 "in maniera indiscriminata e arbitraria". La città, "già tartassata dal Sindaco Divella per l'odiosa tassa sui loculi cimiteriali continua a subire con forza queste cartelle pazze".

"Stiamo attivando le strutture e gli organi delle Associazioni dei Consumatori per la verifica e la legittimità di tale procedimento emanato dal Comune di Gravina – dicono i rappresentanti gravinesi di CGIL, CISL e UIL –. Non difendiamo certo gli evasori e le frodi, però diciamo che il Comune dopo 10 anni di lotta all'evasione e all'elusione fiscale e tributaria, avrebbe cumulato una banca dati di elevato rispetto, tanto d'aver individuato i più incalliti nemici evasori".

I tre sindacati hanno anche invitato i cittadini destinatari delle "cartelle pazze" a rivolgersi presso le loro sedi per intraprendere un'azione a tutela degli stessi abitanti.

"Ormai l'amministrazione Divella sta diventando l'incubo di questa Città – conclude il documento diffuso dalle tre sigle sindacali –: disoccupati in aumento, opifici in chiusura, commercianti e pensionati disperati, famiglie monoreddito. Una città diventata più povera, addormentata. C'è tanto da preoccuparsi".

Anche il consigliere Raffaele Moretti (Capogruppo S.E.L.) è intervenuto su questo fenomeno delle "cartelle pazze". Per Moretti si è venuto a creare un "effetto bizzarro: l'evasore consapevole, mimetizzato, senza case da sequestrare né auto da bloccare, se la cava spesso, mentre il cittadino che ogni anno compila il modello TARSU, paga regolarmente, deve subire l'onta, la perdita di tempo e il dramma di vedersi recapitare la letterina di Natale dal Sindaco Divella. Si chiede, pertanto, di bloccare immediatamente questo invio sconsiderato di cartelle-pazze e di chiamare a raccolta le forze sociali, politiche e di categoria per affrontare il problema".
  • Comune di Gravina in Puglia
  • Sindacati
  • Tarsu
Altri contenuti a tema
Resta aperto l'ufficio di stato civile Resta aperto l'ufficio di stato civile A disposizione solo per atti urgenti
1 Tari: data di scadenza errata, si paga il 1° giugno Tari: data di scadenza errata, si paga il 1° giugno L’invio delle cartelle era stato già programmato prima della delibera di rinvio
1 Il Comune attiva il numero sociale Il Comune attiva il numero sociale A disposizione prioritariamente per anziani e immunodepressi
Coronavirus, chiuse le aree break Coronavirus, chiuse le aree break Ordinanza del sindaco Valente per evitare assembramenti
Chiusi cimitero e parchi, restare a casa se non è necessario uscire Chiusi cimitero e parchi, restare a casa se non è necessario uscire Nuove disposizioni per evitare assembramenti. Accesso all’area cimiteriale solo per tumulazioni programmate
Coronavirus: nuovi orari per i supermercati Coronavirus: nuovi orari per i supermercati Il Sindaco Valente: “Cerchiamo di garantire un servizio a domicilio. Restate a casa”
Coronavirus, rinviato pagamento Tari Coronavirus, rinviato pagamento Tari Il Comune sta valutando altre iniziative per andare incontro alla cittadinanza
1 Coronavirus, attivato il Coc a Gravina Coronavirus, attivato il Coc a Gravina Il centro operativo comunale fornirà informazioni e assistenza ai cittadini
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.