associazione gravina 17_19
associazione gravina 17_19
La città

Gravina 2017- 2019, idee e progetti per la città del futuro

Cittadinanza, turismo e cultura sotto la lente del nuovo gruppo associativo

Mondo politico e associativo in fermento. Se nel 2015 si sono fermati per studiarsi reciprocamente, il 2016 sarà l'anno del dibattito politico, culturale in vista della nuova chiamata alle urne che attende i cittadini per il 2017.
Nei giorni scorsi è nata ufficialmente una nuova associazione politico -culturale denominata Gravina 2017-2019. Un nome che racchiude in se il programma associativo indicando due date importanti: il 2017 anno in cui i cittadini gravinesi saranno chiamati al voto per l'elezione del sindaco e del nuovo consiglio comunale e il 2019 anno in cui Matera sarà capitale europea della cultura.

"Due date simbolo – scrivono gli attivisti del gruppo - perché la vetrina offerta da Matera 2019 è una opportunità più unica che rara per Gravina, è un treno al quale abbiamo l'obbligo di agganciarci per dare risalto e ribalta alle nostre bellezze artistiche, archeologiche, storiche e naturali e per creare le condizioni per un autentico sviluppo turistico".
Tra i fondatori e animatori di questa associazione ci sono Michele Laddaga, Michele Vitucci, Vincenzo Varvara, Fedele Raguso, gli ex consiglieri comunali Luigi Serangelo, Pietro Cappiello, Salvatore Buonamassa, Vito Petrone e Leo Vicino, tanti giovani come il già responsabile giovanile dell'API Francesco Lovere o il consigliere di facoltà di giurisprudenza Erri Nacucchi, l'avvocato Franco Marino e molti altri amici.
"Da semplici amici, interessati al bene della città, aldilà delle colorazioni politiche, vogliamo costruire qualcosa di nuovo – fa sapere Michele Laddaga uno dei fondatori del gruppo - Le enormi ricchezze del nostro territorio, sono lì in attesa che qualcuno le faccia rifulgere, per renderle utili e produttive; vorremmo che, una volta per tutte, i gravinesi si liberino dello stato volontario di minorità intellettuale. Vorremmo poter dimostrare che l'interesse generale debba oltrepassare i particolari e anche compensarli; basta volerlo".

Parola d'ordine: cambiamento.

Una parola troppo abusata negli ultimi anni su cui tuttavia gli attivisti pongono l'accento: "Il vero cambiamento, più che nella giovane età, sta negli atteggiamenti e in un modo innovativo di porsi e operare, mentre ancora oggi assistiamo al solito spettacolo desolante della politica finalizzata ai soliti tatticismi per restare a galla e mai per affrontare e risolvere gli ormai decennali problemi della nostra città. Non crediamo che questo oggi stia accadendo, per questo motivo insieme a tanti amici abbiamo deciso di impegnarci in prima persona".
Impegno che si concretizzerà in azioni e iniziative già dai primissimi mesi del prossimo anno.
  • Leo Vicino
  • Associazione politico- culturale
Altri contenuti a tema
Valente e lo staff che non piace alle opposizioni Valente e lo staff che non piace alle opposizioni Fratelli d’Italia contro il bando per l’assunzione di un addetto stampa
Battesimo partecipato per l’ Associazione “Gravina 2017-19” Battesimo partecipato per l’ Associazione “Gravina 2017-19” Laddaga: “Oggi non nasce un partito, ma una piattaforma programmatica”
Eolico, quattro soldi nelle casse comunali Eolico, quattro soldi nelle casse comunali Vicino attacca su bilancio: paese svenduto
Accoglienza immigrati, Vicino a testa bassa contro il sindaco Accoglienza immigrati, Vicino a testa bassa contro il sindaco "Spreco di denaro pubblico e contentino ad un consigliere comunale".
Cambio della giunta, Vicino parte all'attacco Cambio della giunta, Vicino parte all'attacco Parole pesanti conto il sindaco e i partiti della maggioranza: "Situazione mortificante"
A Palazzo di città manca un piano per le assunzioni A Palazzo di città manca un piano per le assunzioni Vicino torna all'attacco: "Amministrazione incapace"
Il Pallone di Gravina finisce alla Corte dei Conti Il Pallone di Gravina finisce alla Corte dei Conti Vicino chiede spiegazioni sull'ultima campagna di marketing
Petizione contro la Tasi, il centro destra in piazza Petizione contro la Tasi, il centro destra in piazza Pesanti critiche contro l'amministrazione Valente
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.