Valente
Valente
La città

Duc: si parte con un percorso partecipato

Valente: “I lavori preseguiranno senza alcun rallentamento”.

"Garantisco personalmente l'impegno dell'amministrazione a portare avanti il progetto del Duc, comunque vada la vicenda strettamente politica".

Si aprono con queste rassicuranti parole del sindaco Alesio Valente i lavori del percorso partecipato che porterà all'istituzione a Gravina del Distretto Urbano del Commercio. Un incontro, tenutosi nel primo pomeriggio di giovedì nell'aula consiliare comunale, che in assenza del dimissionario assessore al commercio, Nicola Lagreca, si è limitato ad essere un appuntamento strettamente informativo. "Mi auguro che il lavoro possa essere portato avanti dall'assessore, che intanto ringrazio per quanto fatto finora", aggiunge il primo cittadino, "ma se così non fosse i lavori proseguiranno senza subire alcun rallentamento".

A presentare quello che è il Duc e come può aiutare la città a crescere dal punto di vista commerciale e turistico, sono stati i rappresentati delle associazioni commerciali: il presidente di Confcommercio, Michele Capone e il presidente di Confesercenti, Oronzo Rifino. Presenti in aula, oltre ad alcuni cittadini, anche alcuni rappresentanti delle associazioni di consumatori come Federconsumatori, Confconsumatori e Assoutenti.

I Duc hanno l'obiettivo primario di promuovere l'aggregazione tra commercianti per ottimizzare le risorse, promuovere i prodotti del territorio, aiutare la relazione tra commercio e turismo locale e migliorare gli spazi pubblici attraverso la riqualificazione urbana. Il tutto contando sulle risorse messe a disposizione della Regione, che potranno arrivare a finanziare fino al 70% del costo dell'intervento.

A Gravina per il momento si sta lavorando per coinvolgere il più possibile i soggetti interessati e si è già pensato ad una possibile delimitazione dell'area del distretto. lL'idea iniziale sarebbe quella di creare un'area commerciale partendo dall'area fiera, importante risorsa all'interno del nostro tessuto urbano, per proseguire su corso Aldo Moro, passando per la pineta comunale e il Parco Robinson. Da via Fontana la Stella ci si potrebbe immettere sul parco naturalistico delle gravine oppure attraversando via Garibaldi si raggiungerebbe il centro storico e le maggiori piazze della città, senza escludere, infine, via San Sebastiano.

A questo incontro introduttivo seguirà nei prossimi giorni un tavolo tecnico. L'amministrazione sta predisponendo un avviso pubblico rivolto a tutti gli organismi pubblici e privati, ma anche ai singoli cittadini: il tavolo "genererà idee, costituirà progetti e darà una linea a quello che si vuole fare del commercio e del turismo in città", come ha spiegato Michele Capone.

I presenti, ancora troppo pochi secondo Oronzo Rifino, si sono mostrati soddisfatti e dopo la presentazione generale hanno dato vita ad un dibattito. Anche l'associazione commercialisti, a cui era stato affidato il compito di aggiornare il vecchio Piano del commercio secondo le nuove normative, ha mostrato vivo interesse per l'iniziativa. Sul finale il presidente di Confconsumatori ha sottolineato come in realtà non siano da sensibilizzare solo i commercianti, ma anche i consumatori, che andrebbero indirizzati verso un nuovo modo di fare shopping.
10 fotoVerso il distretto urbano del commercio
Incontro informativo DucIncontro informativo DucIncontro informativo DucIncontro informativo DucIncontro informativo DucIncontro informativo DucIncontro informativo DucIncontro informativo DucIncontro informativo DucIncontro informativo Duc
    © 2001-2017 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.