Distribuzione kit gratuiti per raccolta differenziata
Distribuzione kit gratuiti per raccolta differenziata
La città

Differenziata: è emergenza anziani

dopo le difficoltà ecco alcune richieste da parte dei cittadini

Quando inizia una rivoluzione colturale, ed il "porta a porta" lo è, inevitabilmente è accompagnata da una serie di problematiche che poi ricadono sull'intera collettività.
Sono pervenute in redazione numerose sollecitazioni a rendere pubblici i disagi causati dalla raccolta differenziata ad anziani e disabili.

La prima criticità è soprattutto per chi vive in condomini privi di ascensore o in case singole: riuscire a portare (trascinare) i bidoni pieni sotto casa scendendo le scale e riportarli su non è per nulla facile e mette a rischio il già precario equilibrio di molti anziani, che rischiano di cadere e farsi male. A questo si aggiunge l'oggettiva difficoltà, soprattutto che per i meno acculturati, di comprendere come differenziare i rifiuti.
Tenendo conto dei "numeri", ovvero degli anziani presenti sul territorio, soprattutto nel centro storico cittadino, non tutti tanto fortunati da avere accanto parenti o potersi permettere badanti, la situazione è davvero molto seria e andrebbero valutate soluzioni alternative in via preventiva, essendo per altro vicinissime la partenza della raccolta differenziata porta a porta e la dipartita dei cassonetti.

Vi riportiamo alcuni suggerimenti ed idee raccolte ascoltando la testimonianza di alcuni anziani del centro storico. Soluzioni che richiamano spesso la saggezza dei tempi che furono. Una delle soluzioni proposte potrebbe essere quella di distribuire bidoncini su misura, ovvero meno pesanti e ingombranti, magari da attaccare ad una corda, come si faceva una volta, quando i cassonetti non esistevano ed il netturbino raccoglieva quotidianamente il sacchetto della spazzatura.
Per la differenziazione dei rifiuti il problema è più complesso.
Tra le soluzioni e proposte raccolte vi è quella di distribuire opuscoletti con disegnini che facciano capire la tipologia di rifiuti da conferire, mantenendo una minima tolleranza in caso di errore. Più figure e meno scritte poiché per molti anziani alcune parole risultano incomprensibili.
Altra richiesta d'aiuto rivoltaci è poter avere delle "lezioni frontali".

Volontari o operatori che aiutino gli anziani a comprenderne il significato attraverso delle dimostrazioni pratiche, anche ripetute nel tempo.
Altra richiesta giunta in redazione è la creazione immediata di Isole Ecologiche, da posizionare in punti strategici della città presso cui possano essere conferiti rifiuti in giornate ed orari diversi, permettendo così agli anziani di delegare occasionalmente il conferimento ad amici in visita o parenti, e a quegli adulti che per motivi di lavoro non possono rispettare gli orari ed i giorni di conferimento.
Suggerimenti che almeno in parte ci si augura che l'Amministrazione Comunale e l'azienda appaltatrice del servizio raccolgano positivamente per tentare di risolvere i disagi quotidiani di utenze deboli, quali anziani e disabili, che non sempre possono contare sull'aiuto di parenti e amici.
    © 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.