palestra Grottasolagne
palestra Grottasolagne
La città

"De profundis" per lo sport gravinese

L’assenza di strutture mette in ginocchio le società: "L’amministrazione è colpevolmente assente"

"Senza strutture non c'è futuro per lo sport a Gravina".
Litigare tra società sportive per accaparrarsi qualche ora in più in palestra è una aberrazione dello sport e della società civile: è una guerra tra poveri che non porta da nessuna parte, se non all'annientamento delle realtà sportive che con molti sacrifici portano avanti le proprio attività.

Queste le amare considerazione che abbiamo raccolto tra appassionati atleti e allenatori di squadre amatoriali di sport che prevedono lo svolgimento delle attività in spazi chiusi, costretti a Gravina a barcamenarsi e a "litigarsi" spazi orari in palestra, a causa dell'atavica assenza di strutture sportive idonee allo svolgimento di attività agonistiche.
Poche palestre scolastiche, di dimensioni non regolamentari, spesso interessate da lavori di manutenzione che ne inficiano l'uso e a volte anche negate alle società sportive dai dirigenti scolastici per impedimenti legati ai regolamenti di istituto.

Un'immagine desolante acuita ancor più dalla pochezza della programmazione di questa "distratta" amministrazione che, in materia di sport, non può certamente darsi un voto sopra la sufficienza, nonostante la strombazzata realizzazione (anche in questo caso, chissà quando) di una piscina comunale.

In una situazione così disarmante sono in pochi quelli che ancora non hanno gettato la spugna.

Per fare sport in una città come Gravina votata al calcio, (con il "Pallone" che nonostante tutto non riesce nemmeno ad avere tutto quel supporto di cui necessiterebbe: vedi la copertura delle tribune dello stadio "Vicino", di cui in questi giorni si discute la realizzazione), ci vuole tanto coraggio e passione.

Emblema di tutto questo tran tran sono sicuramente la Palestra di Via Dante, per metà inagibile; e il rudere di Grottasolagne, che invece un certificato di agibilità non l'ha mai avuto e che di tanto in tanto viene tirata in ballo per progetti che fino ad ora non hanno portato a nulla, se non a illudere gli sportivi di questa città.

Roberto Varvara
  • Sport
Altri contenuti a tema
Powerlifting, Filippo Mascellaro campione italiano Powerlifting, Filippo Mascellaro campione italiano Sul gradino più alto del podio nella categoria sub-master 35-39 anni
Sport per tutti, il sostegno della Regione Sport per tutti, il sostegno della Regione Stanziati 1.400.000 euro per manifestazioni, eventi e associazioni sportive
Raffaele Urgo campione di stecca Raffaele Urgo campione di stecca Il 26enne gravinese tra i protagonisti dei campionati nazionali di biliardo a cinque birilli
I padiglioni della fiera per le attività sportive I padiglioni della fiera per le attività sportive Provvedimento della giunta per venire incontro agli sport al chiuso in questa fase di emergenza
Palestre scolastiche, il Comune scrive alle scuole Palestre scolastiche, il Comune scrive alle scuole Lettera della vicesindaca Matera ai dirigenti scolastici per la ripartenza di attività sportive
Verrà riqualificato il campetto in via Pozzo Pateo Verrà riqualificato il campetto in via Pozzo Pateo 100mila euro dalla Regione per il punto sport
Powerlifting, Gravina "quattro su quattro" Powerlifting, Gravina "quattro su quattro" Un week end da incorniciare per i quattro atleti gravinesi partecipati alle gare di Coppa Campioni
1 Il campetto di via Scotellaro candidato ai finanziamenti regionali Il campetto di via Scotellaro candidato ai finanziamenti regionali Un progetto redatto dall'ufficio tecnico comunale
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.