comune
comune
La città

Mantenere la città pulita: il Comune accusa i cittadini

Non tutto compete all'Amministrazione comunale!. Bisogna "riportare decoro ed igiene in ampie zone comunali ma di proprietà privata"

Gravinalife denuncia, il cittadino chiede, i gravinesi vivono e respirano l'aria malsana del degrado di alcune zone locali, e l'amministrazione che fa? Rilancia.
Cercando di venirne fuori elegantemente, estrapolando una via d'uscita alla querelle ambientale in salsa locale, ecco che cosa si legge in un comunicato pervenutoci questa mattina proprio dal Palazzo di città: "Bisogna combattere e non più tollerare l'inciviltà. Vi è ora la necessità che si estirpi la malsana e diffusa convinzione che è sempre a spese dell'Amministrazione Comunale che le cose debbono essere fatte, anche quando competono ai cittadini. Proprio da questa considerazione nasce l'Ordinanza Dirigenziale n. 19 del 20 aprile 2011, che ha come unica finalità riportare decoro ed igiene in ampie zone comunali ma di proprietà privata. Un'Ordinanza con la quale si vuole porre un freno e limitare lo stato di degrado e di abbandono soprattutto di molte aree a verde private".

Insomma un'ordinanza, tra l'altro, poco "sponsorizzata" che circa un mese fa veniva sottoscritta e che si rendeva necessaria "data la noncuranza e la leggerezza con la quale i proprietari dei terreni ne curano decoro e sicurezza. Da qui l'obbligo ai proprietari di assumersi ogni responsabilità...Alla Polizia Municipale è stato dato mandato di controllare la corretta osservanza del presente provvedimento e di applicare, in caso di riscontrate violazioni, le sanzioni del caso".

Ma prima del 20 aprile scorso i privati non avevano alcun obbligo? La forza pubblica era in vacanza?
Dal 20 aprile ad oggi ci sono privati a cui sono state comminate delle sanzioni?
Come i cavoli a merenda, ci giunge un comunicato che, intanto nulla di nuovo aggiunge a quello che dovrebbe essere da sempre il ruolo della forza pubblica di fronte ad infrazioni del genere; ed in secondo luogo lo stesso comunicato non discolpa certo i "residenti" del Palazzo di Città, dal non aver provveduto a rimuovere il pattume che pure compete alla stessa amministrazione, negli spazi appunto comunali.
Vogliamo ricordare la questione della zona P.I.P.? Solo dopo essere finiti sulla homepage di Gravinalife, dall'amministrazione si sono interessati alla pulizia, e voilà la zona P.I.P., per lo meno gli spiazzali da noi fotografati, al momento non presentano rifiuti.

D'accordo che i privati debbano provvedere alla manutenzione di quanto rientra negli spazi di cui sono proprietari esclusivi, ma d'altro canto al Palazzo di città compete  garantire e "mantenere una città pulita e decorosa", senza SE e senza MA.
E se una delle soluzioni corrisponde a sanzionare i contravventori, che lo si faccia pure, ma prendiamo atto che siamo in ritardo! Se l'ordinanza n.19 fosse davvero esecutiva...dovrebbe essere questa la regola! 
ordinanzaDocumento PDF
  • Degrado
  • Amministrazione Divella
  • Pulizia
Altri contenuti a tema
Nuova giornata di Eco-pulizia Nuova giornata di Eco-pulizia Iniziativa promossa dalla III commissione consiliare
Il Comune promuove una giornata di eco-pulizia Il Comune promuove una giornata di eco-pulizia Obiettivo: sensibilizzare e responsabilizzare i cittadini al rispetto del patrimonio turistico
Giornata del volontariato ambientale Giornata del volontariato ambientale Anche a Gravina pronti a liberare alcune aree periferiche dall’invasione della plastica
3 Iniziati i servizi di lavaggio stradale Iniziati i servizi di lavaggio stradale Multate e rimosse le vetture di intralcio Appello del comandante della Polizia Locale a rispettare i divieti
Abbandono dei rifiuti, nuova giornata di volontariato e pulizia Abbandono dei rifiuti, nuova giornata di volontariato e pulizia Appuntamento nel piazzale dello stadio
Lavaggio delle strade, si parte con la sperimentazione Lavaggio delle strade, si parte con la sperimentazione Ordinanza del Comune. Le vie interessate dovranno essere libere da auto
Ripuliamo la città e rispettiamo l’ambiente Ripuliamo la città e rispettiamo l’ambiente Le associazioni PlasticFree e 2hands ancora impegnate in attività di pulizia
Piccoli ecologisti crescono Piccoli ecologisti crescono Un gruppo di giovanissimi volontari impegnato a pulire la pineta
© 2001-2023 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.