isole ecologiche itineranti
isole ecologiche itineranti
Territorio

Centri fissi di raccolta, Calculli: “Ancora un po’ di pazienza”

Intanto si intensificano i controlli e arrivano le multe. Rischio aumento costi per impurità organico

"Ancora qualche giorno di pazienza, a breve vi sarà comunicata la data dell'attivazione del servizio". Sono queste le parole dell'assessore al decoro e all'igiene urbana, Paolo Calculli, alla domanda che riguarda i centri di raccolta fissi.

Gli uffici sono al lavoro e ci sono le ultime procedure da limare per l'entrata in funzione dei centri di raccolta che andranno a sostituire le isole ecologiche itineranti. Difficilmente si riuscirà a rispettare la data del 15 giugno, così come stabilito in un primo momento, anche se l'assessore assicura che lo slittamento dovrebbe limitarsi "solo a pochi giorni".

Anche perché nei centri di raccolta andranno anche conferiti quei rifiuti ingombranti che adesso, possono essere smaltiti solo chiamando a domicilio l'azienda che gestisce il servizio, con liste di attesa lunghissime e che hanno fatto registrare un incremento del fenomeno dell'abbandono.

Anche per questo- assicura Calculli- "Subito dopo aver attivato il servizio, ripartiranno le bonifiche delle zone più colpite dagli abbandoni e inoltre verranno effettuati miglioramenti ai punti di raccolti fuori dal centro abitato".

Intanto, si intensificano i controlli effettuati dalla polizia locale sugli abbandoni e sugli errati conferimenti che hanno portato all'elevazione di diversi verbali.

Anche perché, con l'arrivo dell'estate, i rifiuti per strada fuori dagli orari di conferimento, rappresentano un segno di inciviltà e mancanza di rispetto verso la collettività, dice Calculli, che ad un anno di distanza dall'attivazione della raccolta porta a porta è ancora alle prese con l'ottimizzazione del servizio.

Tant'è che, adesso, dovrà affrontare un'altra gatta dal pelare di non secondaria importanza, visto che ci potrebbero essere degli aumenti anche per i cittadini.

Infatti –spiega l'assessore- adesso bisognerà affrontare la questione che riguarda il superamento del 2 per cento dell'impurità dei rifiuti organici.
Sono cambiate le percentuali di impurità assegnate dalla Regione al Comune di Gravina, con l'eventuale superamento della soglia che comporterà l'aumento dei costi del conferimento in discarica.

Purtroppo – conferma Calculli- dai primi controlli effettuati a campione si è constatato il superamento di tale soglia. Di qui l'invito a porre maggiore attenzione "nello smaltimento della frazione umida/organico al fine di scongiurare aumenti dei costi sul conferimento in discarica dello stesso".

Roberto Varvara
  • Rifiuti
Altri contenuti a tema
1 Ecopulizia, volontari al lavoro Ecopulizia, volontari al lavoro Raccolti rifiuti nelle periferie. Piantati alberi e seminati semi per una città più sostenibile
Rifiuti: un Ccr a Gravina, arriva la firma del contratto Rifiuti: un Ccr a Gravina, arriva la firma del contratto Sei mesi per la realizzazione del centro di raccolta comunale
Rifiuti ingombranti: molte richieste per il ritiro a domicilio Rifiuti ingombranti: molte richieste per il ritiro a domicilio Oltre 5187 interventi di prelievo nei Comuni dell’Aro Ba/4
4 Abiti usati abbandonati per strada, l’amministrazione fa sul serio Abiti usati abbandonati per strada, l’amministrazione fa sul serio Assessore Calculli annuncia: "Fototrappole in zona"
Centri comunali di raccolta, si attende la firma del contratto Centri comunali di raccolta, si attende la firma del contratto La Regione incalza l’Unicam: "Realizzare i Ccr o perdita del finanziamento"
CCR, in dirittura d’arrivo la firma dell’appalto CCR, in dirittura d’arrivo la firma dell’appalto Dopo una battuta d’arresto riprende per i Centri Comunali di Raccolta
1 Centro di raccolta rifiuti, si cambia Centro di raccolta rifiuti, si cambia Dismesse le isole ecologiche itineranti. Ecco le tipologie da conferire
Abbandono di rifiuti, campagne trasformate in discariche Abbandono di rifiuti, campagne trasformate in discariche Un problema che riguarda tutta la regione. Il triste fenomeno anche a Gravina
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.