Bambino emarginato a scuola
Bambino emarginato a scuola
Scuola e Lavoro

Atto discriminatorio nei confronti di un bambino autistico

Emarginato dai genitori dei compagni, per dare un segnale agli educatori

Quale "buon esempio" si dà ai propri figli inducendoli ad emarginare un compagno "speciale"? E' questa l'inclusione sociale che quotidianamente si professa?

Questa è la storia di un bambino autistico, che per privacy chiameremo Marco, vittima di un atto discriminatorio da parte dei suoi compagni di classe i quali, su consenso dei genitori, non si sono presentati a scuola la mattina del 15 ottobre scorso. Abbandono giustificato dalle famiglie come un messaggio rivolto a tutti coloro che seguono il bambino nel suo percorso di vita, affinché raggiunga l'autonomia personale e sociale - logopedista, educatore, insegnante di sostegno, psicomotricista, pedagogista - , e cioè che Marco è un "pericolo" per gli altri, perché incapace di gestire al meglio le proprie emozioni in situazioni di stress e frustrazione, il che comporta una manifestazione imprevedibile della sua ansia.

"Il DSA (Disturbo dello Spettro Autistico) - spiega la pedagogista del Centro Pedagodico "Upendi", Caterina Valerio - "è definita dalla Società Italiana di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza come "un disturbo pervasivo dello sviluppo tra i più complessi e preoccupanti dell'età evolutiva, in vista del fatto che la sua fenomenologia colpisce la funzionalità del soggetto e permane per tutta la vita", e prevede una compromissione dell'interazione sociale, della comunicazione, delle abilità di gioco, interessi ristretti, ripetitivi, stereotipati, reazioni forti ai cambiamenti, presenza di routine non funzionali".

Marco dunque è un bambino colpevolizzato per qualcosa che va al di là delle sue capacità, e che invece di trovare la comprensione e l'affetto degli amici per il suo guardare la realtà da una prospettiva diversa, ha ricevuto solamente indifferenza.
E la cosa più grave e triste di tutta questa vicenda è che non ci si è curati delle ripercussioni sul piano psicologico ed emotivo del bambino.

"Integrazione - afferma Mario Iacovelli l'educatore che ha denunciato la vicenda - non vuol dire solo amare, ma soprattutto considerare. Considerare che chi si ha difronte è una persona e non una patologia. Una persona con tutte le sue caratteristiche, i suoi limiti e le sue potenzialità da far emergere, per vivere in sintonia con sé stessi e con gli altri".

Marco ha sofferto tanto in queste settimane, manifestando il suo dolore con irrequietezza e angoscia, un malessere che ha spinto la madre, amareggiata e indignata per il comportamento delle altre famiglie, a lottare per dare la possibilità al figlio di ricominciare da zero, in una nuova classe, con nuovi compagni e nuove insegnanti.
Una lotta che ha il sapore di vittoria, grazie all'aiuto di due docenti che hanno deciso di accogliere il bambino nella propria sezione, superando i limiti logistici - e mentali - che impedivano il trasferimento di Marco in un'aula differente del proprio Istituto.

Da allora Marco vive la realtà scolastica in maniera differente: ha ritrovato finalmente la serenità.

Una storia che non avremmo mai voluto raccontare, ma che ci auguriamo possa essere d'esempio per non commettere più simili errori in futuro.
  • Scuola
  • Inclusione sociale
  • Autismo
  • Associazione Upendi
Altri contenuti a tema
Scuola, 230mila euro a Gravina per adeguamenti Covid Scuola, 230mila euro a Gravina per adeguamenti Covid M5S interroga amministrazione sul da farsi
Approvato il calendario scolastico Approvato il calendario scolastico La Puglia tra le ultime a ripartire: prima campanella il 24 settembre
Scuola: la campanella suonerà il 24 settembre Scuola: la campanella suonerà il 24 settembre Si attende l'ufficialità. La Regione propone una data dopo le elezioni
1 Maturità: 'Questa notte è ancora vostra' Maturità: 'Questa notte è ancora vostra' I presidi cantano Venditti per i loro studenti
Contributi scolastici in corso di liquidazione Contributi scolastici in corso di liquidazione Rimborsi per scuola dell’infanzia, buoni mensa e servizio di trasporto scolastico
Scuole paritarie, arrivano i fondi Scuole paritarie, arrivano i fondi Per le strutture educative di bambini da 0 a 6 anni
Terapie bambini speciali, il Comune è con i genitori Terapie bambini speciali, il Comune è con i genitori Sindaco e assessori scrivono ad Asl e Regione per risolvere il problema
Pc agli alunni: la didattica a distanza della Savio-Fiore Pc agli alunni: la didattica a distanza della Savio-Fiore Riflessioni della dirigente scolastica Antonella Accettura
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.