guardia di finanza
guardia di finanza
Cronaca

Sequestrate aree non autorizzate con ingenti quantità di rifiuti edili

Attività della Guardia di Finanza nel territorio murgiano. Tre persone denunciate

Le cave e gli impianti di smaltimento dei rifiuti passati al setaccio nel territorio della Murgia. La Compagnia altamurana della Guardia di Finanza ha concluso una serie di ispezioni di polizia ambientale durata alcuni mesi ed ha denunciato tre persone perché, in altrettante cave, erano state create discariche abusive o accumulati depositi incontrollati di rifiuti.

I controlli sono stati svolti ad Altamura, Gravina e Santeramo. Tre ditte operanti nel settore - una per ciascun Comune - sono finite sotto la lente di ingrandimento per lo smaltimento illecito di rifiuti speciali non pericolosi, vale a dire quelli derivanti da demolizioni e ristrutturazioni edili. I militari, guidati dal capitano Arcangelo Raffaele Gennari, hanno sequestrato in tutto oltre 6.000 tonnellate di rifiuti speciali e sequestrato le aree direttamente occupate dagli stoccaggi dei materiali che, invece, avrebbero dovuto seguire altre procedure.

Infatti queste aree, pur facendo parte del perimetro delle tre aziende sottoposte a verifica, non sono autorizzate per questo utilizzo. Eppure si erano creati grandi accumuli di rifiuti, in qualche caso di grande rilevanza. Tutto questo in violazione del cosiddetto "Codice dell'ambiente" (decreto legislativo 152 del 2006). Tali grandi quantità avrebbero potuto essere destinate anche ad attività di frantumazione e riciclo ma il ciclo corretto dello smaltimento si è inceppato per la scelta di occupare delle pertinenze in cui queste operazioni non sono consentite.

La legge prevede a carico dei proprietari di mettere in atto attività di ripristino dello stato dei luoghi, rispettando le prescrizioni ambientali imposte dalla stessa autorità giudiziaria e dall'agenzia regionale per la protezione dell'ambiente.
  • Guardia di Finanza
  • Rifiuti
Altri contenuti a tema
1 Ecopulizia, volontari al lavoro Ecopulizia, volontari al lavoro Raccolti rifiuti nelle periferie. Piantati alberi e seminati semi per una città più sostenibile
Rifiuti: un Ccr a Gravina, arriva la firma del contratto Rifiuti: un Ccr a Gravina, arriva la firma del contratto Sei mesi per la realizzazione del centro di raccolta comunale
Rifiuti ingombranti: molte richieste per il ritiro a domicilio Rifiuti ingombranti: molte richieste per il ritiro a domicilio Oltre 5187 interventi di prelievo nei Comuni dell’Aro Ba/4
4 Abiti usati abbandonati per strada, l’amministrazione fa sul serio Abiti usati abbandonati per strada, l’amministrazione fa sul serio Assessore Calculli annuncia: "Fototrappole in zona"
Centri comunali di raccolta, si attende la firma del contratto Centri comunali di raccolta, si attende la firma del contratto La Regione incalza l’Unicam: "Realizzare i Ccr o perdita del finanziamento"
CCR, in dirittura d’arrivo la firma dell’appalto CCR, in dirittura d’arrivo la firma dell’appalto Dopo una battuta d’arresto riprende per i Centri Comunali di Raccolta
1 Centro di raccolta rifiuti, si cambia Centro di raccolta rifiuti, si cambia Dismesse le isole ecologiche itineranti. Ecco le tipologie da conferire
Abbandono di rifiuti, campagne trasformate in discariche Abbandono di rifiuti, campagne trasformate in discariche Un problema che riguarda tutta la regione. Il triste fenomeno anche a Gravina
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.