saldi invernali 62
saldi invernali 62
Territorio

Saldi al via dal 3 gennaio

Sconti in anticipo per stimolare i consumi e aiutare il settore del commercio

Saldi in anticipo di 48 ore per l'inverno 2015.

Si parte il 3 gennaio con l'auspicio che un il fine settimana in più possa invogliare i consumatori e dare ossigeno ad un comparto già gravemente provato dalla contrazione dei consumi.
Ad approvare il provvedimento la giunta regionale seguendo le direttive di quanto disposto in Conferenza delle Regioni di accogliere formalmente le istanze delle organizzazioni imprenditoriali del settore del commercio "tenuto conto del perdurare del periodo di crisi economica e dell'opportunità di poter garantire ai consumatori acquisti maggiormente convenienti".
"Si è trattato di un provvedimento indispensabile in un momento in cui non si deve lasciare nulla intentato – spiega l'assessore regionale alle attività produttive Loredana Capone - Abbiamo bisogno di dare una spinta ai consumi e in tempi di crisi, e dopo il salasso delle tasse di questi giorni, i cittadini sono indotti a spendere solo se lo trovano particolarmente conveniente".
"La Regione Puglia – aggiunge l'assessore – rinnova il suo impegno a sostenere il settore posto che abbiamo già messo in atto una serie di interventi per aiutare le imprese commerciali a contrastare la congiuntura negativa: con 12 milioni di euro abbiamo agevolato oltre 800 piccole imprese del commercio; abbiamo semplificato la normativa attraverso il codice del commercio, eliminando i passaggi non necessari e arcaici per contribuire così alla riduzione dei costi di gestione degli esercizi; con i Distretti Urbani del Commercio abbiamo lavorato all'integrazione tra politiche commerciali e politiche urbanistiche. Ma molto resta ancora da fare: i piani commerciali che i Comuni stentano ancora a predisporre, gli stessi distretti che fanno fatica a trovare vera disponibilità nelle amministrazioni".
L'obiettivo del provvedimento di anticipare i saldi è anche quello di rendere omogenea, su tutto il territorio nazionale, la data di inizio delle vendite di fine stagione così da permettere a ciascuna regione restare competitiva e rispondere in modo adeguato al difficile momento attraversato dal sistema delle vendite a livello nazionale.

Ai consumatori restano le solite raccomandazioni: innanzitutto raffrontare sempre il prezzo originario con quello scontato. Il negoziante, infatti, ha l'obbligo di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale. È importante conservare lo scontrino perché, in caso il prodotto sia danneggiato, il negoziante deve provvedere a ripararlo o a sostituirlo. L'acquirente è tenuto a denunciare il difetto entro due mesi dall'acquisto. Negli altri casi, la possibilità di cambiare il capo d'abbigliamento o il prodotto è rimessa alla discrezionalità del commerciante. I capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo.
  • Commercio
  • Regione Puglia
  • Saldi
Altri contenuti a tema
Assistenza scolastica, appello ai Prefetti per evitare ritardi Assistenza scolastica, appello ai Prefetti per evitare ritardi Intervengono i Garanti regionali per i minori e i disabili
La Puglia meta turistica preferita dagli italiani La Puglia meta turistica preferita dagli italiani Emiliano e Capone: “Risultato straordinario"
1 Nuove imprese: altri 23 milioni di euro per il bando NIDI Nuove imprese: altri 23 milioni di euro per il bando NIDI La Regione Puglia rifinanzia la misura
1 Stanziati fondi per sistemare l'acquedotto Sant'Angelo e Fontane della Stella Stanziati fondi per sistemare l'acquedotto Sant'Angelo e Fontane della Stella Delibera della Regione Puglia per mettere in sicurezza opere di interesse pubblico o storico
Assegni di cura, protestano le famiglie Assegni di cura, protestano le famiglie Il Garante regionale dei disabili chiede adeguate soluzioni
1 Lavoro, in Puglia meno disoccupati che nel Sud Italia Lavoro, in Puglia meno disoccupati che nel Sud Italia Disoccupazione giovanile in calo del 7,8 per cento
Fondi comunitari all'agricoltura, la Regione ammette i ritardi Fondi comunitari all'agricoltura, la Regione ammette i ritardi Ma scarica le responsabilità: "Colpa dei ricorsi". La Puglia rischia di perdere 176 milioni
Museo civico, la Regione chiama a rapporto il Comune Museo civico, la Regione chiama a rapporto il Comune L'ente convocato per spiegare il perché della chiusura
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.