illuminazione
illuminazione
La città

Pubblica illuminazione, tante segnalazioni di strade al buio

Risponde assessore Cavallera: “Non sono meno illuminate ma valuteremo migliorie"

L'idea che la città sia meno luminosa del passato si è diffusa tra la popolazione. Il passaggio dai tradizionali corpi illuminanti a Sap (Sodio ad Alta Pressione), alle nuove luci al Led, non ha convinto la cittadinanza che sembra abbia bocciato il nuovo corso intrapreso dal governo cittadino circa la pubblica illuminazione. Tante le segnalazioni giunte alla redazione di GravinaLife.

Lamentele di cui si è fatto portavoce anche il consigliere comunale di opposizione, Vincenzo Varrese, che ha chiesto (è proprio il caso di dirlo) "lumi" all'amministrazione circa i provvedimenti che si intendono mettere in campo per migliorare la situazione.

Lamentele che però, a detta dell'assessore Giovanni Cavallera, delegato alla gestione della pubblica illuminazione, non hanno fondamento di verità, se non nella percezione che le strade siano meno illuminate.

"Bisogna necessariamente fare un distinguo tra effetto luminoso e quantità di luce emessa dalle nuove lampade a led", sottolinea Cavallera, che spiega come l'introduzione dei nuovi impianti illuminanti garantisca un minore inquinamento luminoso e una maggiore nitidezza, con un sostanziale miglioramento della qualità della illuminazione offerta alla comunità.

"Capisco e comprendo chi si lamenta, credendo che la città sia meno illuminata, ma non è così. E' chiaro che la percezione della luminosità della città da parte dei cittadini è apparentemente diminuita, visto che prima si utilizzavano lampioni che illuminavano a 360 gradi, mentre adesso i led, per loro naturale impiego, illuminano uno spettro di 90 gradi, ma questo non vuol dire che la città sia meno illuminata, anzi al contrario il livello di illuminazione e la pulizia di immagine con le luci a led sono sicuramente migliorati ", precisa l'assessore Cavallera che intende tranquillizzare la popolazione.

"Quando l'opera di installazione dei nuovi punti luce giungerà a completamento - conclude - laddove si verificherà che l'illuminazione risulti essere inferiore ai valori medi imposti dalla legge, l'amministrazione comunale interverrà aumentando la potenzialità, oppure istallando nuovi corpi illuminanti".
  • Illuminazione pubblica
Altri contenuti a tema
4 "Lampade a led, la città resta al buio" "Lampade a led, la città resta al buio" Varrese interroga l’amministrazione comunale
4 Pubblica illuminazione, affidato il servizio alla Consip Pubblica illuminazione, affidato il servizio alla Consip €10.426.968,01 per la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti per i prossimi 9 anni
2 Pubblica illuminazione: prorogato il contratto alla ditta DIPE s.r.l. Pubblica illuminazione: prorogato il contratto alla ditta DIPE s.r.l. Eseguirà i lavori di manutenzione e gestione per il prossimo trimestre
Impianto di pubblica illuminazione Impianto di pubblica illuminazione Da Palazzo di Città un avviso pubblico per la manutenzione ordinaria
Pronti i lavori per l'illuminazione pubblica Pronti i lavori per l'illuminazione pubblica Spesa prevista è di 45mila euro
Illuminazione pubblica ennesima gara Illuminazione pubblica ennesima gara Palazzo di città stanzia 45.000 euro per la manutenzione ordinaria
Pubblica illuminazione, ancora interventi di manutenzione Pubblica illuminazione, ancora interventi di manutenzione Dopo le segnalazioni dei cittadini palazzo di città stanzia 13.000 euro
Strade ancora al buio Strade ancora al buio I cittadini denunciano: “Così ci lasciano in balia dei ladri”
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.