sede pd gravina
sede pd gravina
Politica

Primarie Pd, a Gravina avanti Bonaccini Ma in Italia vince Schlein

A Gravina si va verso il commissariamento

Non succede… ma se succede? Ed è successo. I votanti sono stati su tutto il territorio nazionale 1 milione e 098.623, che hanno decretato con il 53,75% (587.010) la vittoria di Elly Schlein su Stefano Bonaccini, che di voti ne ha totalizzati 505.032 pari al 46,45%.
Questo l'esito delle primarie del Partito Democratico. Un esito inatteso, con le regioni del Sud sostanzialmente schierate con Bonaccini e con il Nord che, invece, ha portato al clamoroso risultato. In Puglia, infatti, Bonaccini ha totalizzato 45.680 voti pari al 55,9% contro i 36.043 voti della Schlein che corrispondono al 44,1%.

Esito del voto regionale sostanzialmente confermato anche a Gravina, dove gli iscritti al voto del Pd sono stati 553 con 550 voti validi dei quali 400 sono andati a Bonaccini e 150 a Schlein. "Una giornata di grande partecipazione- afferma Mino Matera, uno dei reggenti della sezione "Pappalardi" dei Dem, e candidato alla prossima segreteria. "Benché io abbia apertamente sostenuto Bonaccini, come larga parte del circolo, posso dire di essere comunque soddisfatto della vittoria di Elly Schlein. È lei che ha meglio interpretato la domanda di cambiamento che la nostra base reclama da tempo" -continua Matera che poi aggiunge: "A lei, quindi, l'onere e l'onore di guidare il partito e non deludere ancora una volta un popolo, quello democratico e progressista, che da troppo tempo è in attesa di un vero riscatto".

"Vittoria che apre nuovi scenari, forse anche a livello locale" -è il commento di Giuseppe Lapolla, esponente di Articolo 1 che ha appoggiato la candidatura di Schlein.

E proprio per ciò che riguarda la situazione a livello locale, Matera glissa un po' mantenendosi sul generico, con dichiarazioni di circostanza, senza entrare nel merito della competizione "Per ciò che riguarda quello che accade e accadrà a livello locale, è giunto il tempo di ricostruire una comunità che sappia ascoltare e interpretare davvero i bisogni e le attese dei cittadini. Una comunità che finalmente si lasci alle spalle il passato, aprendo a nuove energie: giovani, anziani, vecchi e nuovi tesserati, chiunque abbia voglia di dare il proprio contributo alla ricostruzione del campo del centro sinistra, per riportare il pd al centro di un nuovo e ambizioso progetto politico e di governo, anche in questa città"- afferma il candidato alla guida del partito democratico di Gravina.

Intanto al momento la competizione tra i due candidati alla segreteria cittadina, Mino Matera e Angela Moramarco è sospesa, con le carte in mano alla segreteria provinciale che con molta probabilità opterà per il congelamento delle elezioni, commissariando la sezione e affidandola al segretario regionale Domenico De Santis.
  • Partito Democratico
Altri contenuti a tema
Elezioni europee, si scaldano i motori Elezioni europee, si scaldano i motori Primo incontro presso il Partito Democratico con la candidata Shady Alizadeh
Tanto rumor per nulla Tanto rumor per nulla Comunicato del Partito Democratico
Pd: “sul caso della tufara restano i nostri dubbi!” Pd: “sul caso della tufara restano i nostri dubbi!” Comunicato del Partito Democratico sulla vicenda della vendita della Cava “La Tufara”
Piano urbanistico B4/3, il Pd replica all’amministrazione Piano urbanistico B4/3, il Pd replica all’amministrazione Pd: “Risposta stizzita dell’amministrazione ci è apparsa fuori luogo”
Pd: “sull’urbanistica tanto rumore per nulla” Pd: “sull’urbanistica tanto rumore per nulla” Critiche dei Dem alle politiche urbanistiche dell’amministrazione Lagreca: “semplice propaganda politica”
Autonomia differenziata, se ne parla a Gravina Autonomia differenziata, se ne parla a Gravina Incontro del PD con il Segretario Cgil Falco, l’On. Pagano e il consigliere regionale Paolicelli
Pd, Mino Matera nell’esecutivo di Terra di Bari Pd, Mino Matera nell’esecutivo di Terra di Bari Matera sarà Coordinatore della Segreteria Provinciale
Pd Gravina, “SOS bosco Difesa Grande” Pd Gravina, “SOS bosco Difesa Grande” Un bosco abbandonato e ignorato. Ma cosa sta succedendo, cosa si può fare e cosa si deve fare?
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.