ospedale2 2
ospedale2 2
Cronaca

“Pizzo sulle forniture Asl”

Ai domiciliari due dirigenti pubblici. Il Comando Provinciale Carabinieri di Bari informa

Su ordine di custodia cautelare ai domiciliari disposto dal Gip del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica, i militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Bari e i Carabinieri della sezione di Polizia giudiziaria hanno arrestato questa mattina Vito Caiati, 63 anni di Bari, ex direttore amministrativo del presidio ospedaliero di Altamura e Putignano, e Michele Dibattista, 59 anni di Gravina di Puglia, responsabile dell'Ufficio Economato dello stesso presidio ospedaliero. Sono accusati di peculato, falsità ideologica in atti pubblici, frode in pubbliche forniture e concussione.
La Procura di Bari ha, inoltre, disposto il sequestro preventivo d'urgenza di 783,499,84 euro, che la Asl di Bari avrebbe dovuto ancora pagare (ma non lo ha ancora fatto) al fornitore che risulta indagato nella stessa inchiesta. Sono stati sequestrati anche cinque computer nella disponibilità di Vito Caiati. Sui suddetti beni mobili la Procura intende, altresì, sperimentare la possibilità che questi possano essere immediatamente messi a disposizione dell'attività giudiziaria. Possibilità che rinviene dall'applicazione del, cosiddetto, "Pacchetto sicurezza" che stabilisce che gli Uffici giudiziari possano utilizzare "Beni mobili anche registrati".

Agli inizi del 2010, a seguito di accertamenti interni, la dirigenza della Asl di Bari riscontrava pesanti anomalie nella gestione amministrativa della presidio ospedaliero Altamura-Putignano: nel solo 2009 erano stati acquistati prodotti (materiale di cancelleria, mobili per ufficio, computer e programmi operativi) sempre da imprese riconducibili a un commerciante operante nella zona di Bitonto-Palo del Colle – per circa 700mila euro. Gli acquisti, tutti riconducibili a Vito Caiati, erano stati frazionati artificiosamente e senza mai effettuare ricerche di mercato o meglio simulando una comparazione che avveniva sempre fra le società (create ad hoc) riconducibili sempre allo stesso soggetto, che nell'inchiesta è stato denunciato. Il tutto a spregio alle precise procedure per l'affidamento delle forniture agli enti pubblici, previste dalla normative in materia. Di tutto ciò veniva informata l'Autorità giudiziaria che avviava un'inchiesta.
E' con questo metodo che Vito Caiati, con la fattiva collaborazione di Michele Dibattista, è riuscito a creare un peculiare sistema di frode alla Asl per la quale lavorava. Un rapporto di lavoro che ai due, in modo particolare al Caiati, ha portato benefici sia in denaro (questi pretendeva il 20% dell'importo delle forniture richieste) ma anche beni come televisori, computer e mobili. Regalie che l'imprenditore – titolare di ben cinque società operanti tutte nello stesso settore – sosteneva e che recuperava aumentando il prezzo degli articoli forniti anche del 1.200%. E' così che un frigo-bar che ha come prezzo di mercato circa 300 euro, alla Asl arrivava a costare oltre 1.800. Poltrone che costavano circa 1.300 euro l'una, computer che superavano anche i 2.000 euro. Ma la truffa avveniva anche sugli articoli di cancelleria: un cd veniva pagato anche 0,80 centesimi, il doppio del prezzo di mercato.


La differenza tra il costo reale e quello che veniva fatturato per essere, poi, pagato dalla Asl serviva a pagare la tangente al Caiati e recuperare i soldi spesi nei tanti regali personali che quest'ultimo pretendeva dall'imprenditore e lì dove il recupero non era sufficiente l'indagato provvedeva anche ad emettere fatture per articoli mai consegnati. Numerosi, poi, i regali che l'ex direttore del presidio ospedaliero riceveva, la maggior parte espressamente richiesti: dai portamonete e le borse ai televisori cd e il computer Apple per la moglie dell'arrestato, finanche le sedie per la casa. Ma il fornitore, ancorché fosse vessato dall'attività concussoria del Caiati, pur di non perdere la Asl come cliente si è persino offerto di svolgere il ruolo di autista a servizio dell'ex dirigente Asl.
L'attività investigativa della Guardia di Finanza e dei Carabinieri della Pg, coordinati dalla Procura, ha permesso non solo di scoprire il fraudolento sistema con il quale venivano effettuate le forniture alla Asl per oltre un milione di euro, ma ha impedito che altri circa 800mila, già stanziati, fossero liquidati. Limitando così il danno economico nei confronti dell'ente pubblico.
La sperimentazione, poi, delle norme del Pacchetto Sicurezza metterà subito a disposizione degli Uffici giudiziari cinque computer di ultima generazione (fra i quali un Imac da 22 pollici, un Apple, un Toshiba portatile e due Acer). I pc che erano stati frutto di una "tangente" diventeranno a breve strumenti per una Giustizia più efficiente.

© 2001-2023 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.