feuille morte
feuille morte
La città

Perché morire a 16 anni?

La "vera" vita è "fuori". Fuori dove? Fuori! Qualunque fuori... Lettera aperta

Chi si fa questa domanda è una persona che con Max Pezzali può ben dire di essere a "( il mio )secondo tempo". Una persona che non teme doversi presentare per quella che è. Sono un'insegnate di Religione, più o meno conosciuta. Come tale vi aspettereste, come dire, un sermone. Ebbene, no!
Nessun riferimento teologico, ma semplicemente un accorato appello, o meglio una partecipata reazione all'ennesima tragedia del Sabato sera: Perché morire a 16 anni?
Una domanda scontata, a ridosso di un evento che porta dolore.. e chi vuoi che non avverta dolore... MA, ma!
La domanda non è retorica, merita una risposta. La domanda si impone e si impone con prepotenza. Ce la poniamo tutte le volte in simile circostanze, ma forse poi la dimentichiamo.
Scrivo, quindi, solamente per dar voce alla domanda e per non dimenticare..., perché la risposta, penso, può tentare di darla ciascuno di noi..., giovane o adulto.... e, sono certa, che qualsiasi risposta ci porterebbe a riconoscere un denominatore comune e a pronunciare la stessa parola: RESPONSABILITA'!!!
Forse questa parola può non piacere ad alcuni o addirittura infastidire, ma a pensarci bene: cosa vuole dire e, soprattutto, a chi vuole riferirsi.
Certamente non solo ai giovani...
La responsabilità è una categoria umana che riguarda tutti, nessuno escluso...; riguarda " in primis" noi adulti.
Sono anni che lavoro con i giovani e vi assicuro che quando li incontro..., con loro incontro anche gli adulti..., adulti- educatori delle diverse botteghe e piazze..., volti a me anonimi...ma tutti, in un modo o nell'altro, presenti lì davanti a me..., nel vissuto dei ragazzi...
I giovani, pur così pieni di vita, il più delle volte e per certi versi, mi si presentano come appesantiti..., pensano di sapere tutto e di non avere niente da imparare...
La"vera" vita per loro non è nella scuola, non è negli oratori o nei circoli culturali e nemmeno nelle famiglie... La "vera" vita è "fuori". Fuori dove? Fuori! Qualunque fuori...
Certamente, non è il caso di questa giovane ragazza che questa notte ci ha lasciati..., era fuori semplicemente per una festa di compleanno...
Ciò non toglie che la domanda si sia imposta (perchè morire a 16 anni?) e la nostra memoria, ferita da altre giovani vite andate..., ci obbliga a pensare...
L'inquietudine dei giovani interpella fortemente noi adulti. Il loro bisogno di "evasione" è una spia che ci rimanda a loro bisogni più veri che noi adulti abbiamo il dovere di intercettare e portare alla luce.... I giovani attendono di essere riconosciuti e accolti nella loro identità profonda e valorizzati...
Quanto potenziale umano sciupato....anche nelle nostre scuole!
Più volte vado dicendo che i giovani possono dare di più di quanto noi permettiamo loro di dare... o di non dare.. gia! Perchè alcuni di loro non fanno in tempo...

Pina Lombardi
  • Pina Lombardi
Altri contenuti a tema
Grande interesse per l’incontro-dibattito con Robert Cheaib Grande interesse per l’incontro-dibattito con Robert Cheaib “I giovani d’oggi sono alla ricerca di felicità”
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.