Elicottero dei carabinieri sorvola Gravina
Elicottero dei carabinieri sorvola Gravina
Cronaca

Operazione Coppia di regine, due donne gestivano lo spaccio

I nomi degli arrestati finiti in carcere

E' stata denominata ''Coppia di regine'' l'operazione antidroga nelle province di Matera e di Bari che oggi ha portato all'arresto di 7 persone (ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dal tribunale di Potenza) e 21 fermi di indiziato di delitto.

Due i gruppi sgominati, uno con base a Irsina e l'altro a Gravina in Puglia, legati da interessi economici. Dalle indagini, coordinate dalla Dda di Potenza e di Bari, è emerso il ruolo di guida delle donne, per entrambi i gruppi. L'indagine è partita dalla ricostruzione di un giro di spaccio di droga in provincia di Matera, poi si è estesa alla limitrofa provincia di Bari, e sono diventate due le direzioni distrettuali antimafia - Potenza e Bari - a coordinare le attività investigative. E' stato ricostruito un ingente volume di traffico di sostanze stupefacenti, il 'core business' dell'attività illecita. Ricostruito pure un singolo caso di usura, contestato ad alcuni indagati, per aver richiesto la restituzione di un piccolo prestito a percentuali elevatissime, circa il 1000 per cento.

Le indagini sono state condotte dai carabinieri delle Compagnie di Matera e Tricarico, in collaborazione con i militari di Bari e Gravina in fase esecutiva. Il territorio interessato è quello delle province di Matera e Bari ed il periodo temporale investigato parte dal giugno 2016 fino ad arrivare al mese di dicembre 2020. I reati contestati, a vario titolo, sono l'associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e detenzione a fini di spaccio di stupefacenti (artt. 73 e 74 D.P.R. 309/1990).

L'attività investigativa è stata sviluppata mediante intercettazioni telefoniche ed ambientali, pedinamenti, perquisizioni e sequestri, sfociati anche in arresti in flagranza di reato, ha portato alla luce un fiorente traffico di sostanze stupefacenti, favorito in particolare dai collegamenti tra le due organizzazioni criminali, che garantivano costantemente il rifornimento e la disponibilità di consistenti quantitativi di droga, tra Irsina e Gravina. In particolare, i traffici delittuosi dei due sodalizi, sono venuti alla luce grazie allo sviluppo di alcuni elementi d'indagine, acquisiti nel corso di specifica attività tesa a contrastare un giro di spaccio di droga tra minorenni a Irsina, da cui emergeva l'approvvigionavano dello stupefacente da un'organizzazione criminale presente su quel territorio. I successivi accertamenti hanno permesso di delineare l'attuale contesto criminale, connotato dalla presenza dei citati sodalizi criminali gravitanti nei Comuni di Irsina e Gravina.

Il nome dell'operazione "Coppia di Regine" nasce dal fatto che, nell'ambito dei due sodalizi criminali, sia a Irsina che a Gravina, chi coordinava tutte le operazioni connesse con il traffico della droga, erano due donne:
  • la prima ad Irsina, la quale impiegava per le operazioni di spaccio, anche diversi minorenni, tra cui i propri due figli, dei quali uno di appena nove anni;
  • la seconda a Gravina, invece, compagna di altro soggetto (capo e promotore dell'organizzazione gravinese), dato che quest'ultimo era sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. (con tutte le limitazioni di libertà personale che ne scaturivano, tra cui il divieto di utilizzare apparati cellulari), coordinava per suo conto le attività di approvvigionamento dello stupefacente da Bari e le successive operazioni di smercio.
Nel corso delle varie fasi investigative, è emerso che alcuni componenti del sodalizio gravinese, che fornivano gran parte dello stupefacente al gruppo presente su Irsina, erano affiliati al clan Risoli, attivo nella provincia di Bari. Nel corso dell'attività d'indagine sono stati complessivamente sottoposti a sequestro circa 700 gr. di sostanze stupefacenti di vario tipo, cocaina, marijuana e hashish, nonché contestati numerosi episodi di spaccio.

Sono stati resi noti i nomi delle 7 persone arrestate e finite in carcere, con ordinanza del Tribunale di Potenza. Sono: Rocco Caprio di Gravina; Giovanna Gramegna di Irsina; Francesco Paolo Piancazzi di Matera; Francesco Mariani di Gravina; Saverio Bisaccia di Bari; Saverio Versetto di Gravina; Giuseppe Lorusso, nato a Bari.
  • Droga
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Guida sotto effetto di droghe e provoca incidente Guida sotto effetto di droghe e provoca incidente Un giovane gravinese denunciato a Matera
Spaccio di droga, 48enne in manette Spaccio di droga, 48enne in manette L'arrestato percepiva reddito cittadinanza e ora lo perderà
Controlli antidroga della Polizia, un arresto Controlli antidroga della Polizia, un arresto Sorpreso un 43enne. In casa aveva anche materiale esplodente
Luisa ritrovata dai carabinieri, sta bene Luisa ritrovata dai carabinieri, sta bene Ieri non era rientrata a casa ed è stata presentata denuncia
"Aiutatemi, sono caduta nella scarpata". Soccorsa una donna "Aiutatemi, sono caduta nella scarpata". Soccorsa una donna L'episodio è avvenuto nei pressi della pineta
Due fratelli arrestati per spaccio di droga Due fratelli arrestati per spaccio di droga Sono stati scoperti dai carabinieri ad Altamura
Cambio al Comando Carabinieri di Gravina Cambio al Comando Carabinieri di Gravina Dopo 16 anni lascia il luogotenente carica speciale Morisco
Sicurezza sul lavoro, denunciati imprenditori di Gravina e Matera Sicurezza sul lavoro, denunciati imprenditori di Gravina e Matera Attività di controllo dei carabinieri nella città dei Sassi
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.