ulivi danneggiati dal gelo
ulivi danneggiati dal gelo
Territorio

Olio, quest'anno la produzione è precipitata

Coldiretti Puglia: prodotto "made in Italy" costerà almeno 7-8 euro al litro

A causa di ripetuti eventi meteorologici avversi durante tutto l'anno la produzione di olio della Puglia quest'anno si è drasticamente ridotta. Le ultime avversità meteorologiche hanno dato il colpo di grazia perché hanno spezzato tantissimi ulivi.

Sale infatti il conto dei danni sull'olivicoltura pugliese, a seguito degli ultimi eventi calamitosi, come la tromba d'aria e i nubifragi che hanno colpito le province di Brindisi e Taranto. Secondo la Coldiretti Puglia ''la stima del danno è salita a 1 miliardo e 600 milioni di euro''. Le gelate di febbraio e marzo nelle province di Bari, Bat e Foggia e le grandinate violente dei mesi successivi hanno decimato la produzione mentre l'ultima ondata di maltempo ha provocato gravissimi danni agli ulivi. Del totale, circa un miliardo di perdita di reddito viene attribuito alle ripercussioni nefaste dell'emergenza 'xylella'.

''Il 2018 sarà ricordato come l'annus horribilis per l'olivicoltura pugliese che conta i danni di un clima ostile e impietoso e di calamità naturali di gravità incalcolabili - sostiene il neo eletto presidente Savino Muraglia -. La stima del danno ormai è salita a 1 miliardo e 600 milioni di euro, perché al crollo produttivo in termini di olive e olio va sommata la perdita del patrimonio strutturale degli ulivi. Per il ripristino del potenziale produttivo serviranno risorse ingenti e straordinarie''.

Già richieste le verifiche in campo per la declaratoria di calamità naturale per gli eventi appena trascorsi. E' forte la preoccupazione di Coldiretti Puglia poiché la brusca diminuzione di olio extravergine pugliese può far crescere le importazioni di olio dall'estero. ''Se si vuole acquistare un vero extravergine 'made in Italy' - mette in guardia la sigla di categoria - bisogna fare attenzione ai prodotti venduti a meno di 7-8 euro al litro che non coprono neanche i costi di produzione. I tre elementi da tenere sempre d'occhio sono prezzo, anno di produzione e scadenza''. La Puglia, terra vocata all'olivicoltura, solo nel primo trimestre 2018 ha importato 43,3 milioni di euro di olio extravergine da Grecia e Tunisia.
  • Olio
Altri contenuti a tema
Olio "made in Puglia", crolla la produzione Olio "made in Puglia", crolla la produzione Per quest'anno si prevede un calo drastico del 58%
"Sò" figlia e custode delle nostre radici "Sò" figlia e custode delle nostre radici Inaugurata la Scuola dell'Olio Extravergine d'Oliva del Frantoio Raguso
Xylella: l'olio pugliese mantiene la qualità e non diffonde il batterio Xylella: l'olio pugliese mantiene la qualità e non diffonde il batterio L'Abbate (M5S): "Alle bugie della guerra commerciale dei partner stranieri, rispose l'Accademia Nazionale dell'Olivo e dell'Olio di Spoleto a giugno 2015"
3 A picco la produzione di olio in Puglia A picco la produzione di olio in Puglia E' allarme truffe per Coldiretti
2^ Edizione di "Extrabio" al Frantoio Raguso 2^ Edizione di "Extrabio" al Frantoio Raguso Un viaggio alla scoperta del biologico e del mangiar sano
Olio spagnolo commercializzato come extravergine italiano Olio spagnolo commercializzato come extravergine italiano Scoperta rete criminale tra Puglia e Campania, 8 indagati e una frode da 13 milioni di euro
Extrabio 2015 Extrabio 2015 Un successo targato Biofrantoio Raguso
ExtraBio: Festa dell'olio Biologico ExtraBio: Festa dell'olio Biologico Domenica 25 ottobre la 1° edizione
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.