studenti bachelet progetto nao
studenti bachelet progetto nao
Scuola e Lavoro

Nao manda gli studenti del Bachelet alle finali di Bologna

Grande soddisfazione per il concorso Nao Challenge 2017-2018

Appuntamento a Bologna per la sfida finale.

Intanto all'istituto "Bachelet – Galilei " indirizzo Meccatronica è già tempo di festeggiamenti e grandi soddisfazioni dopo aver superato con successo la semifinale del concorso nazionale "Nao Challenge 2017-2018" svoltosi a Pozzuoli e indetto dalla scuola di robotica di Genova.
L'istituto gravinese, grazie alla collaborazione e alla preparazione dimostrata tra insegnati e studenti ha brillantemente superato la semifinale e si è qualificato per le finali nazionali di robotica che si svolgeranno il 5 maggio a Bologna.
Il progetto ha coinvolto il Dirigente Scolastico, Antonella Sarpi, insieme agli insegnati Cassandra Petrone, Ignazio Tavani, Francesaco Lombardi e Domenica Mastrogiacomo.
Protagonisti gli alunni della 4 H e 4I dell'ITT Meccatronica e 2 studentesse della Scuola Media Inferiore "Ettore Pomarici Santomasi" di Gravina in Puglia.
La gara, raccontano dall'istituto, ha messo in risalto le competenze tecniche di programmazione degli allievi acquisite grazie al corso di studio frequentato. Gli studenti delle due classi hanno dimostrato preparazione e padronanza nell'utilizzo di software impegnativi previsti dal bando di gara, oltre ad aver dimostrato , nel corso della gara, ottime capacità comunicative e lavoro di squadra.

Il tema della gara era "l'invecchiamento attivo".
Per soddisfare le richieste del bando il lavoro si è svolto in due fasi. Una prima fase informativa in cui i ragazzi hanno colto i bisogni e le esigenze degli anziani sulla base delle quali hanno programmato Nao, un robot capace di interagisse con gli umani, per soddisfare il benessere fisico di questi ultimi attraverso il risveglio muscolare.
Nella seconda fase spazio al divertimento e al ricordo dei tempi passati con Nao che diventa ballerino provetto e segue lezioni di tarantella impartite dagli stessi anziani di cui si è precedentemente preso cura.

"La scuola e soprattutto i ragazzi si sono distinti nella progettazione e programmazione, dimostrando dimestichezza nell'utilizzo dei vari software grazie anche all'aiuto dei docenti che li hanno guidati con professionalità e soprattutto grande passione. Il nostro Istituto ITT "BACHELET" Meccatronica di Gravina in Puglia, si fregia di questo ottimo traguardo raggiunto, l'unico Istituto della Regione Puglia, Basilicata, Calabria e Molise a prendere parte alla finale Nazionale a Bologna" commentano gli insegnati.

NAO CHALLENGE è un concorso annuale organizzato da Scuola di Robotica, in collaborazione con SoftBank; svoltosi inizialmente in Francia nel 2014, è giunta in Italia nel 2015 diventando la manifestazione dedicata alla robotica umanoide per scuole secondarie di secondo grado più grande del mondo. L'obiettivo principale è di accrescere la consapevolezza degli studenti, motivarli e formarli nell'uso della robotica umanoide con l'ausilio di progetti multi-tecnologici e innovativi. Attraverso la programmazione e lo sviluppo di un sistema meccatronico, gli studenti creano scenari in cui ottimizzano le capacità del robot.

La gara è stata progettata in collaborazione con gli insegnanti, in modo da adattarla ai diversi progetti scientifici, tecnologici e tecnici per studenti dai 14 ai 18 anni.
Un concorso prestigioso per le scuole che vi partecipano ma soprattutto una grande opportunità per gli studenti coinvolti che possono acquisire competenze tecniche e di programmazione, sviluppare capacità di Problem Solving, organizzative e di lavoro di squadra, sviluppare creatività e capacità di comunicazione e soprattutto iniziare a confrontarsi praticamente con il mondo che li ospiterà dopo il diploma.
IMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WA
    © 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.