Bosco Difesa Grande. <span>Foto Carlo Centonze</span>
Bosco Difesa Grande. Foto Carlo Centonze
Scuola e Università

Laboratori didattici al bosco Difesa Grande

Intesa tra Comune e Istituto d’istruzione superiore “Bachelet-Galilei”

Il bosco Difesa Grande si apre alle scuole e diventa culla di studi e conoscenza. Su proposta dell'assessore al verde pubblico Felice Lafabiana, concordata con l'assessorato alla pubblica istruzione guidato da Maria Nicola Matera, la giunta municipale presieduta dal sindaco Alesio Valente ha dato disco verde all'intesa con l'Istituto d'istruzione superiore "Bachelet-Galilei" di Gravina.

Nei giorni scorsi, a seguito del confronto avviato già da tempo con l'assessorato al verde pubblico, l'istituto scolastico gravinese, a mezzo della sua dirigente scolastica Antonella Sarpi, aveva messo nero su bianco un calendario di iniziative finalizzate a favorire il legame tra le attività didattiche ed il bosco, per le sue risorse e peculiarità individuato come oggetto di studi ma anche quale sede privilegiata degli stessi.

Da qui l'idea, ora tradotta in realtà, di fare di Difesa Grande il teatro e la cornice di specifici laboratori. «Il nostro bosco – ricorda l'assessore Lafabiana – è un bene di inestimabile valore, per flora e fauna ma pure per il patrimonio storico culturale che esso rappresenta. Valorizzarlo significa tutelarlo. Farne meta di studenti e ricercatori è solo un passo in questa direzione».

I laboratori programmati si svolgeranno presso il vivaio comunale "San Nicola la Macchia", tra il Febbraio ed il Maggio prossimi. Saranno coinvolti, in particolare, decine di studenti del I e II biennio dell'indirizzo professionale agrario "Servizi per l'agricoltura e lo sviluppo rurale". Pianificate due uscite mensili per ciascun gruppo, chiamato a cimentarsi su materie varie e tutte qualificanti ai fini del percorso scolastico intrapreso: dall'ecologia alla pedagogia passando per l'agronomia e le tecniche di allevamento vegetale ed animale, fino all'economia agraria ed alla legislazione di settore, il tutto attraverso lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche.

«L'iniziativa del "Bachelet-Galilei" – chiosa Lafabiana – è encomiabile e per questo merita di essere sostenuta ed essere anzi presa a modello: è la strada giusta per preservare e rendere fruibile un sito ambientale di grande pregio, ma pure per formare cittadini consapevoli, sensibili e rispettosi dell'ambiente. È un obiettivo essenziale: ci auguriamo possa divenire regola comune».
  • Bosco
  • I.P.S.I.A. "G. Galilei"
  • Comune di Gravina in Puglia
  • Bosco Difesa Grande
  • Comune
Altri contenuti a tema
Pianificazione Urbana e Ristrutturazione Edilizia, secondo incontro Pianificazione Urbana e Ristrutturazione Edilizia, secondo incontro L'Amministrazione Comunale si confronta con la comunità per una definizione condivisa di sviluppo della città
1 Candidatura Capitale Cultura 2027, cercasi esperto Candidatura Capitale Cultura 2027, cercasi esperto Un soggetto autorevole che si occupi della preliminare progettazione del processo di candidatura
Codice comportamento dipendenti comunali, avviso del Comune Codice comportamento dipendenti comunali, avviso del Comune Coinvolgimento della comunità con proposte e osservazioni entro il 22 febbraio
Primo appuntamento con la legge regionale 36/2023 Primo appuntamento con la legge regionale 36/2023 A Palazzo di Città un Tavolo tecnico su pianificazione urbana e ristrutturazione edilizia
First Lego Challenge, l’IISS “Bachelet-Galilei” c’è First Lego Challenge, l’IISS “Bachelet-Galilei” c’è L’istituto gravinese premiato per il miglior progetto innovativo e assicurata partecipazione al premio "Oltre la robotica”
4 Pianificazione Urbana e Ristrutturazione Edilizia, se ne discute al Comune Pianificazione Urbana e Ristrutturazione Edilizia, se ne discute al Comune Condivisione e partecipazione per costruire la Gravina di domani alla luce della nuova legge regionale 36 del 2023
Il Comune partecipa al Bando Inte.R.SS.eca Il Comune partecipa al Bando Inte.R.SS.eca Per realizzare interventi su infrastrutture adibite ai servizi sociali e socio-assistenziali
Incendi boschivi: al Comune 100 mila euro Incendi boschivi: al Comune 100 mila euro Per progetti volti alla previsione, prevenzione e contrasto del rischio incendi boschivi e di interfaccia urbano rurale
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.