deposito nucleare
deposito nucleare
Territorio

Italia Viva: stop al deposito nucleare

Accolto con favore il documento di opposizione della Regione Puglia

Italia Viva Gravina esprime soddisfazione per il documento prodotto dalla regione Puglia in risposta alla mappa della Cnapi (Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee) che ipotizza, tra i luoghi adatti ad ospitare il deposito unico nazionale di scorie radiottive, alcuni siti collocati in Puglia nei comuni di Laterza, Altamura e Gravina.

Il pool di esperti messo in piedi dal Governo regionale - affermano i renziani- "smonta inesorabilmente" l'analisi della Sogin, confermando il netto rifiuto dei territori della Murgia Barese e Tarantina ad ospitare il deposito di scorie nucleari ed il relativo Parco Tecnologico. Un pericolo maggiore di quanto non sia stato detto. Con il passare dei giorni, infatti, sono emersi particolari e tante "verità celate di una gravità sconcertante" - dicono dalla locale sezione di Italia Viva. Ci si riferisce a ciò che sarebbe previsto all'interno del sito, chiamato ad ospitare "un vero e proprio deposito 'matrioska' che avrebbe accolto per almeno 3 secoli materiali ad attività media e bassa (specchietto per le allodole), ma anche materiale micidiale come il plutonio per almeno mezzo secolo". Il tutto in aree geografiche come la Murgia, notoriamente di natura carsica.

Un rischio che la Regione Puglia e le comunità dei territori interessati non intendono correre, ribadendo il proprio perentorio diniego.

"Quando la politica va a braccetto con la scienza e ascolta i territori si raccolgono sempre buoni frutti" - è il commento di IV Gravina, ricordando di aver già espresso in passato il proprio dissenso rispetto alla Cnapi. "Sappiamo che la strada è ancora lunga e perciò bisognerà continuare ad affermare le nostre ragioni restando uniti" - è il commento finale dei renziani gravinesi.
  • Scorie
  • Scorie nucleari
  • Deposito Nucleare
  • Italia viva
Altri contenuti a tema
Scorie nucleari: prosegue il confronto con associazioni e cittadini Scorie nucleari: prosegue il confronto con associazioni e cittadini Un incontro nella sala consiliare con la presenza del geologo Antonio Fiore
Deposito nucleare, al seminario Sogin le ragioni del “no” di Gravina Deposito nucleare, al seminario Sogin le ragioni del “no” di Gravina Il geologo Fiore ha esposto le motivazioni tecniche
Seminario Deposito Scorie, sessione per Puglia e Basilicata Seminario Deposito Scorie, sessione per Puglia e Basilicata Partecipa anche il Comune di Gravina
Opposizione al deposito nucleare, continua il percorso partecipato Opposizione al deposito nucleare, continua il percorso partecipato Il 26 ottobre la discussione nel seminario nazionale
Seminario Deposito scorie, il comitato scrive al Comune Seminario Deposito scorie, il comitato scrive al Comune Chiesto incontro per concordare iniziative di sostegno alla battaglia sul “No” alle scorie nucleari
Rifiuti radioattivi, iniziati gli incontri sul deposito nazionale Rifiuti radioattivi, iniziati gli incontri sul deposito nazionale Il Comune di Gravina parteciperà. Ad ottobre la sessione Basilicata-Puglia
Deposito scorie, il comitato non abbassa la guardia Deposito scorie, il comitato non abbassa la guardia Richiesta di partecipazione al seminario nazionale della Sogin
1 Italia viva: un incendio che “brucia” Italia viva: un incendio che “brucia” Il partito si interroga sulle responsabilità di un disastro evitabile
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.