Agricoltura
Agricoltura
Territorio

In Puglia arriva Banca della Terra

Approvata legge su contrasto abbandono terreni agricoli

È stata approvata dal Consiglio regionale, all'unanimità, la proposta di legge che, apportando modifiche e integrazioni alla legge regionale 20 maggio 2014, n. 26 ("Disposizioni per favorire l'accesso dei giovani all'agricoltura e contrastare l'abbandono e il consumo dei suoli agricoli"), istituisce la "Banca della Terra di Puglia".
Si introduce, così, in Puglia uno strumento attraverso cui sarà possibile effettuare una ricognizione dei terreni incolti o abbandonati, di proprietà pubblica e privata, da affidare a chiunque, in forma singola o associata, voglia esercitarvi attività agricola.
La legge è il frutto di un lavoro congiunto tra il consigliere Enzo Colonna e Cristian Casili, entrambi sottoscrittori della proposta, e si è arricchita dei contributi del Presidente e di tutti i colleghi componenti della IV Commissione consiliare, dell'Assessore regionale Leo Di Gioia, delle strutture regionali nonché delle associazioni di categoria del mondo agricolo.

Gli aspetti peculiari della legge approvata oggi sono sinteticamente i seguenti:
- vengono definiti puntualmente tempi e procedure per il censimento delle terre incolte e abbandonate, pubbliche e private, e dei fabbricati rurali insistenti da parte dei Comuni, con la previsione di misure premiali nella concessione di finanziamenti della programmazione regionale a favore dei Comuni che diano seguito agli adempimenti fissati dalla legge e, per converso, di meccanismi sostitutivi attivabili dalla Regione in caso di inadempimento dei Comuni.
- Dal novero dei "terreni incolti o abbandonati" concedibili sono state escluse alcune fattispecie (in parte già previste dalla legge nazionale n. 440/1978) quali, ad esempio, le terre la cui messa a coltura agraria pregiudichi la stabilità del suolo o la regimazione delle acque; quelle che presentino un habitat naturale protetto; i terreni di pertinenza di case adibite ad abitazione; le aree boschive o destinate a rimboschimento; le aree di cave esaurite che hanno destinazione finale diversa da quella agricola; i terreni che negli strumenti urbanistici vigenti hanno destinazione diversa da quella agricola; i terreni oggetto di impegni derivanti dalla normativa europea.

- Con un ulteriore intervento sulla legge regionale preesistente (n. 26/2014), è stato meglio disciplinato il meccanismo di censimento e inserimento nella "Banca della Terra di Puglia" anche dei beni di proprietà pubblica in modo da coordinare e uniformare i criteri e le procedure di assegnazione, assicurando, come per quelli di proprietà privata, il rispetto di procedure di evidenza pubblica e prevedendo l'aggiornamento annuale degli elenchi dei terreni concedibili.
- Sono dettagliate le procedure di assegnazione con la definizione puntuale di ruoli e compiti di Comuni e Regione e conferendo maggiore efficacia agli strumenti operativi e una più ampia visibilità, attraverso la "Banca della Terra di Puglia", all'elenco dei terreni incolti e abbandonati pugliesi e, tra questi, a quelli disponibili per l'assegnazione.
- Gli elenchi informatici dei beni iscritti nella "Banca della Terra di Puglia" saranno accessibili al pubblico e integrati con il Sistema Informativo Territoriale della Regione Puglia (SIT) e con il Sistema Informativo Agricolo della Regione Puglia (SIARP).
- L'assegnazione dei terreni iscritti nella "Banca della Terra di Puglia" potrà avvenire su base volontaria, a seguito di espressa adesione al programma da parte del proprietario del terreno.
- Per quanto riguarda le terre incolte o abbandonate di proprietà privata per le quali non si sia acquisita la disponibilità del proprietario è previsto che il Comune favorisca l'incontro tra domanda e offerta (quindi, tra chi voglia coltivare i terreni e i relativi proprietari), demandando alla contrattazione tra le parti la stipulazione delle condizioni di utilizzo.

- Sono disciplinati, infine, i criteri di valutazione da seguire in presenza di più domande di assegnazione del medesimo bene. In particolare, nella graduatoria saranno preferite le istanze di soggetti residenti nel comune ove è situato il bene, quelle proposte da disoccupati, quelle che presentino un piano di coltivazione di qualità (con il ricorso, ad esempio, a tecniche di agricoltura biologica o a varietà locali o tradizionali) e quelle presentate da giovani al primo insediamento.

"Sono molto soddisfatto del lavoro compiuto per una legge che colloca la Puglia all'avanguardia nel contrasto all'abbandono delle terre - ha commentato Colonna - Un provvedimento importante e caratterizzante di questa legislatura, che contribuisce a riavviare il recupero a fini produttivi delle terre, ad agevolare l'accesso a nuovi percorsi occupazionali, a prevenire degrado delle campagne, dissesto idrogeologico e incendi. La coltivazione dei terreni ora incolti o abbandonati, mediante il coinvolgimento di chiunque voglia esercitare attività agricola, favorisce infatti il ripopolamento delle campagne, le produzioni locali, la difesa del territorio, la tutela dell'ambiente e la conservazione delle biodiversità".
  • Agricoltura
Altri contenuti a tema
Nuovo contratto provinciale agricolo Bari-Bat: la soluzione migliore per la crescita economica e sociale del comparto Nuovo contratto provinciale agricolo Bari-Bat: la soluzione migliore per la crescita economica e sociale del comparto La nota di CIA Agricoltori Italiani Puglia
Nuovo contratto agricolo: più trasparenza tra imprenditori e lavoratori agricoli Nuovo contratto agricolo: più trasparenza tra imprenditori e lavoratori agricoli Soddisfatti Coldiretti Bari e Confagricoltura Bari-BAT. Delusione per la CGIL che alla stipulazione dell'accordo fa marcia indietro
Siccità: In arrivo ulteriori agevolazioni per agricoltori Siccità: In arrivo ulteriori agevolazioni per agricoltori La Regione aumenta le agevolazioni sul carburante
Al via il bando per i giovani in agricoltura Al via il bando per i giovani in agricoltura Attivo il portale telematico della Regione per inserire le richieste di finanziamento
Soddisfazione Coldiretti su legge banca della Terra Soddisfazione Coldiretti su legge banca della Terra In Puglia terreni più costosi che in Francia e Germania
La Puglia punta sull'agricoltura sociale La Puglia punta sull'agricoltura sociale Investimenti da 160 milioni per progetti sull'ospitalità
Difficoltà e disagi nelle campagne pugliesi dopo l'ondata di maltempo Difficoltà e disagi nelle campagne pugliesi dopo l'ondata di maltempo Insufficenti i mezzi dei consorzi di bonifica. Appello per Arif e Protezione civile
Agricoltura in ginocchio Agricoltura in ginocchio Chiesto lo stato di calamità dal Movimento riscatto
© 2001-2017 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.