pecore
pecore
Associazioni

In arrivo... le pecore antincendio

L’Ente Parco Nazionale dell’Alta Murgia affida agli ovini la prevenzione degli incendi. Brucando erba secca riducono la possibilità di diffusione delle fiamme

Un incendio è difficile da contrastare anche con un gran dispiego di forze e mezzi. Il miglior modo per limitare i danni è la prevenzione. Il fenomeno degli incendi estivi ha allertato le istituzioni spingendole a cercare nuove soluzioni. Una soluzione che a primo acchito può sembrare eccentrica, e strappare anche qualche sorriso incredulo, è quella adottata dall'Ente Parco Nazionale dell'Alta Murgia: affidare agli ovini la prevenzione degli incendi.

Da sempre gli ovini svolgono un'importantissima funzione antincendio, semplicemente nutrendosi di sterpaglie ed arbusti. Questo riduce la possibilità di espansione delle fiamme. Ogni ecosistema ha degli efficaci meccanismi di autodifesa, che tuttavia si reggono su equilibri fragili, un tassello mancante a lungo termine può portare a grandi disastri naturali. Sempre più spesso questi equilibri vengono sconvolti dai cambiamenti apportati dall'uomo all'ambiente. Un'area di 3.74.40 ettari nel territorio di Grumo Appula, dove un tempo gli erbivori erano massicciamente presenti, verrà ripopolata. L'intervento si configura all'interno di un'opera di rinaturalizzazione dei terreni, che sono stati confiscati alla criminalità organizzata e concessi a titolo gratuito all'Ente Parco dal Prefetto di Bari.

Dunque la soluzione non è nuova, e forse non è neanche propriamente una soluzione. Qui si tratta più della scoperta di un tassello mancante e del tentativo di reintegrarlo nell'ecosistema, tentativo che da più di un decennio è perseguito con successo in Francia e Svizzera. In Italia si è tentato già in Valle Seriana, anche qui con buoni risultati.
  • Ente Parco Nazionale dell'Alta Murgia
  • Antincendio
  • Pecore
Altri contenuti a tema
Parco dell'Alta Murgia, il programma del 2021 Parco dell'Alta Murgia, il programma del 2021 Si punta sulla candidatura a GeoParco Unesco
I tesori del Parco dell'Alta Murgia in 5 francobolli I tesori del Parco dell'Alta Murgia in 5 francobolli Per Gravina scelta la dolina del Pulicchio
Un Parco per api e farfalle Un Parco per api e farfalle Progetto del Parco dell’Alta Murgia per la tutela degli insetti impollinatori
Tarantini nel direttivo della Federparchi Tarantini nel direttivo della Federparchi Il presidente del Parco nazionale dell’Alta Murgia consigliere dell’organo nazionale
Sergio Costa in visita al Parco dell’Alta Murgia Sergio Costa in visita al Parco dell’Alta Murgia L'ente presenta candidatura Geoparco Unesco e le azioni per lo sviluppo sostenibile
Ministro per l'ambiente Costa in visita al Parco dell'Alta Murgia Ministro per l'ambiente Costa in visita al Parco dell'Alta Murgia Con il presidente Tarantini incontrerà autorità locali e regionali
Non è finito l'attacco ai boschi dell'Alta Murgia Non è finito l'attacco ai boschi dell'Alta Murgia Oggi circa 80 ettari bruciati nel territorio del Parco nazionale
Parte il progetto “Masserie 2.0” Parte il progetto “Masserie 2.0” Migliorare la connettività per promuovere il territorio del Parco dell’Alta Murgia
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.