cibus 2024 coldiretti
cibus 2024 coldiretti
Territorio

Cibus: Coldiretti Puglia, Sos cibo Made in Italy; dal semaforo ai fake

I fronti ancora aperti in Europa che minacciano l’agroalimentare nazionale

L'olio extravergine di oliva come quello pugliese marchiato con il bollino giallo, etichette allarmistiche sul vino che dopo l'Irlanda arrivano anche in Belgio, esportazioni di frutta e verdura di IV gamma messe a rischio dalla direttiva sul packaging e prodotti importati dall'estero che diventano magicamente italiani grazie a minime lavorazioni. Sono questi gli attacchi al Made in Italy a tavola, denunciati da Coldiretti al Cibus di Parma, il Salone Internazionale dell'Alimentazione a Parma (Padiglione 8 Stand K024).

Dall'olio extravergine d'oliva ai formaggi fino ai salumi sono solo alcuni dei prodotti di qualità del Made in Italy a tavola bocciati senza appello dall'etichetta a colori nutriscore che rischia di affermarsi in Europa, con i bollini allarmistici che, basandosi sulla presenza di determinate sostanze calcolate su 100 grammi di prodotto e non sulle effettive quantità utilizzate, favoriscono prodotti artificiali di cui in alcuni casi non è nota neanche la ricetta e finiscono per escludere paradossalmente alimenti sani e naturali – afferma Coldiretti Puglia – con un grave danno per il sistema agroalimentare tricolore proprio in un momento in cui potrebbe essere l'elemento di traino di un piano strategico di internazionalizzazione per far crescere la presenza del Made in Italy sui mercati stranieri. Alcuni gioielli del made in Italy a tavola sono classificati con la lettera "E" in rosso (il "rating" peggiore") ma lo stesso olio extravergine d'oliva, riconosciuto da tutti come elisir di lunga vita, può vantare appena una "C" mentre bevande gassate e cibi ultraprocessati di cui spesso non è nota neppure la ricetta vengono promossi a pieni voti col bollino verde e la lettera "A". Un rischio anche per la salute dei consumatori che la prossima Commissione Europea dovrà scongiurare definitivamente.

Nonostante i risultati ottenuti da Coldiretti con le mobilitazioni a Bruxelles, dal ritiro della direttiva agrofarmaci alla semplificazione della Pac, solo per citarne alcuni, sono diversi i fronti ancora aperti che minacciano i record dell'agroalimentare italiano. Un esempio è il sistema Nutriscore, l'etichetta a semaforo che sembrava congelata, ma alla quale il Portogallo ha recentemente aperto le porte andando ad aggiungersi a Francia, Germania, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo. Un sistema sostenuto dalle multinazionali che penalizza prodotti simbolo della Dieta Mediterranea, non fornendo informazioni ma facendo scattare l'allarme su alcuni prodotti per condizionare le scelte alimentari dei cittadini. E infatti vengono utilizzati i colori del semaforo, giallo, rosso e verde per indicare la salubrità dell'alimento, concentrandosi solo su alcune sostanze nutritive come zucchero, grassi e sale, ma senza tener conto delle quantità assunte.

Ma la nuova Unione che uscirà dalle urne di giugno è chiamata anche ad assicurare maggiore trasparenza su quanto i suoi cittadini portano in tavola, sostenendo la proposta di legge europea promossa dalla Coldiretti per introdurre l'obbligo dell'indicazione di origine in etichetta su tutti i cibi in commercio. Al Cibus Coldiretti ha portato alcuni esempi dei prodotti scoperti nel corso della Mobilitazione al Brennero, dove diecimila agricoltori hanno verificato assieme alle forze dell'ordine il contenuto di tir e autobotti. Si va dai pomodori San Marzano olandesi alle cosce di maiale danesi pronte a diventare prosciutti tricolori, fino al formaggio che richiama le Alpi ma prodotto nel Nord Europa. Il tutto sfruttando la norma dell'ultima trasformazione prevista dall'attuale codice doganale dei cibi che permette ai prodotti esteri di diventare 100% italiani con lavorazioni anche minime.

Se l'azione Coldiretti ha salvato dalla scure bottiglie di vino e vasi per i fiori, resta in bilico l'ortofrutta di IV Gamma, dove il futuro di insalata in busta o confezioni di pomodorini è affidato a deroghe a livello nazionale. Il rischio è una miriade di posizioni differenti che potrebbe danneggiare soprattutto le esportazioni di frutta e verdura tricolore.
Rischia peraltro di allargarsi anche la follia delle etichette allarmistiche sul vino dopo che l'Irlanda ha ottenuto il via libera dalla Commissione Europea ad adottare sulle bottiglie di vino e birra avvertenze terroristiche che non tengono conto delle quantità e con il Belgio che ha annunciato l'intenzione di seguire la stessa strada.

Coldiretti si batte a tutti i livelli per frenare alcune storture Ue che minacciano il futuro dell'agroalimentare nazionale, facendo crollare la produzione e mettendo in contrapposizione agricoltura e ambiente, auspicando che la futura Commissione faccia scelte più consapevoli e non ideologiche, risolvendo le problematiche ancora aperte che pesano ancora sui bilanci delle imprese agricole europee, ma anche affermando i principi della reciprocità delle regole e della trasparenza verso i cittadini su quanto portano in tavola. Un obiettivo che Coldiretti sostiene con una grande raccolta di firme per una legge di iniziative popolare che imponga l'obbligo dell'indicazione di origine su tutti i prodotti alimentari in commercio nella Ue.
3 fotocibus 2024 coldiretti
etichetta a semaforoetichetta allarmenofakeinitaly
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Grano turco scaricato a Gravina e Altamura Grano turco scaricato a Gravina e Altamura A darne notizia la Coldiretti Puglia che chiede di far valere il principio di reciprocità
Cinghiali: con siccità aumentano scorribande per cibo e acqua Cinghiali: con siccità aumentano scorribande per cibo e acqua Coldiretti Puglia, subito piano straordinario contenimento
Stalle: coldiretti, Sos alimentazione animali Stalle: coldiretti, Sos alimentazione animali Diminuzione degli allevamenti dai 2.311 del 2019 ai 1.978 del 2023. in pericolo anche produzioni formaggi della Murgia
Fiera San Giorgio, fiera degli agricoltori Fiera San Giorgio, fiera degli agricoltori Intervista al presidente provinciale Coldiretti Mirko Raguso
Acqua: Coldiretti Puglia, salta condotta a Gravina Acqua: Coldiretti Puglia, salta condotta a Gravina Un centinaio di Mc in fumo e campagne allagate
Grano: Coldiretti Puglia, prezzo crolla anche ad Altamura Grano: Coldiretti Puglia, prezzo crolla anche ad Altamura A 323 €/Ton (-16€); ma il canadese quota 387 €/Ton
Furti di Natale: Coldiretti Puglia, stalle sotto assedio Furti di Natale: Coldiretti Puglia, stalle sotto assedio Da vacche ad agnelli fino a pecore il fenomeno aumenta a ridosso delle festività; Ultimo episodio ad Altamura
Coldiretti, Cinghiali: selecontrollori a caccia anche in aree protette Coldiretti, Cinghiali: selecontrollori a caccia anche in aree protette Si stima siano oltre 250mila gli esemplari presenti nella regione
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.