Collina adiacente via Deledda
Collina adiacente via Deledda
La città

A Gravina vale più un pezzo di terra o la sicurezza dei suoi abitanti?

Preoccupazione in via Deledda. Un cittadino interroga l'Amministrazione

Quando inizieranno i lavori?

E' questo l'interrogativo che frulla costantemente nelle menti dei cittadini di via Deledda, di cui è Michele Saltarella a farsi portavoce, preoccupati per lo stato in cui si trova la collina adiacente le proprie abitazioni, il cui terreno, da anni, mostra sempre più segnali di cedimento.

Il progetto definitivo, redatto dal dirigente Michele Stasi, riguardante la regimentazione delle acque, la sistemazione del versante in frana e il risanamento dei canali calcarei, è stato approvato dalla Giunta lo scorso dicembre e trasmesso in Regione. Da allora, nessun'altra comunicazione.

"Noi abitanti di via Deledda - esordisce Saltarella - siamo stati abbandonati da un'Amministrazione che non è capace di dare inizio ai lavori per la messa in sicurezza di questa collina che ci sta, piano piano, franando in testa. Ma, si sa, che in questo paese è più importante un pezzo di terra che la sicurezza delle persone, infatti basta che qualche proprietario terriero si opponga all'esproprio per far scadere i termini del finanziamento regionale, giusto?" e, rivolgendosi direttamente al primo cittadino Alesio Valente, chiede pubblicamente: "perché non attua quanto è in suo potere in materia di sicurezza pubblica, che le permetterebbe di agire nell'immediato nella fattispecie ostacolazione da parte di privati? Perché in questo paese è più importante non essere espropriato un pezzo di terra che fare un opera pubblica, per lo più finanziata dalla Regione, per la sicurezza dei cittadini che vi abitano?".
Non solo per i cittadini, ma anche per le generazioni del domani, essendo ubicati ai piedi della collina il Liceo Scientifico "Giuseppe Tarantino" e l'ITE "Vittorio Bachelet".

All'amministrazione e al sindaco Valente il compito di dare una risposta concreta e specifica all'interrogativo lanciato dal nostro lettore, in merito alle prossime azioni che intende compiere per la risoluzione del problema critico e la tutela dell'incolumità pubblica.
Via Deledda - Foto di Michele Saltarella
  • Via Deledda
  • Rischio idrogeologico
Altri contenuti a tema
Rischio idrogeologico, Emiliano critica il Governo Rischio idrogeologico, Emiliano critica il Governo Per il presidente pugliese i fondi del Sud sono stati spesi per il Nord
Via Deledda, la messa in sicurezza diventa realtà Via Deledda, la messa in sicurezza diventa realtà Operai a lavoro per arginare la frana
5 Rischio idrogeologico in via Deledda: a quando l'avvio ai lavori? Rischio idrogeologico in via Deledda: a quando l'avvio ai lavori? La risposta del primo cittadino Alesio Valente e del Responsabile del procedimento l'Ingegnere Michele Stasi
Via Deledda, siglato in Regione l’accordo per non perdere i fondi europei Via Deledda, siglato in Regione l’accordo per non perdere i fondi europei Il sindaco Valente: «Manteniamo gli impegni: a breve l’apertura dei cantieri»
Dissesto Idrogeologico, fondi anche a Gravina Dissesto Idrogeologico, fondi anche a Gravina Un milione di euro per via Deledda
Allarme Coldiretti, il territorio pugliese a rischio idrogeologico Allarme Coldiretti, il territorio pugliese a rischio idrogeologico Occorre dare attuazione alla normativa sui Consorzi di Bonifica
Al via i lavori di bonifica della provinciale 53 Gravina - Matera Al via i lavori di bonifica della provinciale 53 Gravina - Matera La città metropolitana si fa carico dei costi ma resta il nodo delle competenze
Un piano comunale per studiare il rischio idrogeologico del territorio di Gravina Un piano comunale per studiare il rischio idrogeologico del territorio di Gravina La proposta presentata dal Movimento Rivoluzionario per lo sviluppo metropolitano
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.