Lettere alla redazione

Sviluppare il commercio cittadino partendo dal mercato quindicinale

Lettera aperta di Franco Cazzorla

Gentile Redazione

l'associazione "Ite ad Joseph" e l' Associazione Imprenditori Murgiani, in comunione di intenti, vogliono promuovere azioni concrete per avviare un processo di crescita e di sviluppo per la nostra città, anche con altre associazioni e persone che ci auguriamo vogliano unirsi a noi, per costruire nuove progettualità e insieme protenderci in una nuova epoca. L'immobilismo imprenditoriale e produttivo in cui ristagna la città e solo portatore di sfiducia e di disoccupazione. Desideriamo invertire il trend e porgere alla città motivi di speranza e di lavoro cominciando dal basso per risollevare il pericoloso declino in cui sta precipitando l'Italia.
Quanto, con l'aiuto di San Giuseppe, riusciremo a porgere alla città non ha finalità politiche o amministrative, ma vuole, con Papa Francesco, guardare al futuro con fiducia, speranza e Amore. La prima azione che desideriamo porgere è una lettera aperta al Consiglio Comunale oltre che al sindaco e all'assessore alle attività produttive, per sollecitare interventi al fine di dare sviluppo cominciando dall'ultima delle attività produttive cittadine " il commercio".
In questo ambito, valutiamo ci possano essere spazi per sviluppare diverse nuove imprese commerciali in più categorie con molti addetti e professionalità, oltre che valorizzare molti locali ove queste attività potrebbero svolgere l'esercizio.

"GRAVINA MERCANTILE "
E' necessario, purtroppo, prendere atto che molti acquisti vengono effettuati fuori città anche per la carente possibilità di scelta, dovuta dalla mancanza di attività mono marca e aziende in franchising oltre che alla totale assenza di esercizi commerciali di primo prezzo. Altra dolente nota è l'eccessivo sviluppo del mercato quindicinale, dovuto al solo fatto che si svolge il venerdì, che porta via da Gravina molti capitali senza nessun ritorno occupazionale, anzi. La chiusura momentanea del mercato ortofrutticolo e ittico di via Genova produsse l'apertura di oltre 30\40 nuovi esercizi commerciali, certamente il solo trasferimento del mercato quindicinale dal venerdì al sabato, produrrà spazio per tante nuove attività commerciali.
Importante è l'esame della situazione del mercato quindicinale anche per quanto riguarda la sua ubicazione. Attualmente si svolge in una area adiacente a Villa Margherita, sprovvista di tutti i fondamentali servizi igienici indispensabili ai mercatari e ai clienti; una marea di persone che trattano anche alimenti senza che possano usufruire di bagni e di un' area per lavarsi le mani, una situazione insostenibile paragonabile ai mercati del medioevo. Anche dal punto di vista della sicurezza e della prevenzione siamo messi molto male, con notevoli disagi per i domicilianti nel quartiere e dulcis in fundo il mercato lascia una immensa quantità di rifiuti che sono pagati interamente dai cittadini perché i pochi proventi incassati dalla occupazione del suolo pubblico non confluiscono nel budget per la raccolta e lo smaltimento del rifiuti solidi urbani. La nostra proposta verte sul trasferimento del mercato quindicinale da svolgersi il sabato (mattina) sul viale centrale della zona P.I.P, che è ampiamente servito dai servizi igienici degli adiacenti parchi, che offre diverse vie di accesso in visione sicurezza, è ricco di parcheggi e non molesta, anche igienicamente, alcun abitante.

Guardiamo con attenzione ai circa duecento posti di lavoro che una tale ipotesi venga accolta dall'Amministrazione Comunale, pur sapendo che vi sono altre proposte che riteniamo mortificherebbero ulteriormente il già asfittico Commercio cittadino.
E' gradito il parere di ogni persona, associazione, istituzione, sia a sostegno di quanto proposto che in avversione tramite e-mail seguente indirizzo: [email protected]
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.