Lavori al Liceo
Lavori al Liceo "Tarantino"
Territorio

Via Quasimodo: finalmente iniziati i lavori

Lavori attesi da anni per una strada ubicata in un punto nevralgico della città

Dopo lunghi anni di attesa, finalmente via Quasimodo tornerà ad essere perfettamente agibile. Finalmente non si vedrà più quello sconcio di strada smottata, mangiata dalle erbacce e recintata alla meno peggio, per evitare che il transito di veicoli la facesse sprofondare ulteriormente.

Da ieri si è a lavoro per il risanamento e il rinforzo strutturale del muro di confine del liceo scientifico "Tarantino", con il conseguente ripristino della sede stradale.

I lavori sono stati progettati e commissionati dalla Città Metropolitana di Bari, più volte sollecitata in questi anni ad intervenire, per risanare una situazione diventata pericolosa.

E' dal 2013, infatti, che a seguito del cedimento della recinzione muraria della scuola, su Via Quasimodo si è dovuti procedere ad un restringimento della carreggiata per ragioni di sicurezza.

Una limitazione su un arteria stradale della città interessata da un traffico non indifferente, proprio a causa della presenza della scuola, con notevole disagio per gli automobilisti.

Soddisfatto il sindaco Valente. "Finalmente si pone rimedio ad una questione trascinatasi per lungo tempo, la cui risoluzione - afferma - è stata rallentata sia dalla riforma delle province, che ha pesato e non poco sulla vicenda, sia dalle immancabili difficoltà di ordine burocratico. Negli anni, più volte, abbiamo fatto sentire la nostra voce, anche con diffide e proteste formali, senza però mai chiudere la porta del dialogo istituzionale". Valente ha ringraziato i due consiglieri metropolitani, Antonio Stragapede e in particolare Mimmo Cardascia, per la tenacia con cui hanno perorato la causa.



    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.