treno murgia
treno murgia
Trasporti

Trenino turistico delle Murge sulla tratta Gioia del Colle - Rocchetta Sant’Antonio

Diventa realtà la proposta dell’onorevole Angiola

L'intera tratta Rocchetta Sant'Antonio-Gioia del Colle, di 139,2 km, in cui sono comprese le stazioni ferroviarie di Santeramo, Altamura, Gravina, Poggiorsini e Spinazzola, è stata inserita in un elenco di 13 tratte ferroviarie italiane da valorizzare ai fini turistici, che va a integrare l'elenco originariamente previsto dall'articolo 2 della legge numero 128 del 2017. L'elenco è a firma della dottoressa Annalisa Cipollone, capo ufficio legislativo del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (Mibact), che ha scritto alla direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio, alla direzione generale Turismo e al capo di Gabinetto dello stesso dicastero, indicando appunto le linee ferrate storiche italiane da riattivare a fini turistici.

Soddisfazione da parte dell'onorevole santermano Nunzio Angiola (Azione), già Movimento 5 Stelle, che a febbraio dello scorso anno annunciava che la Gioia del Colle-Rocchetta sarebbe tornata a vivere.

"Un risultato importante per il nostro territorio e una grande opportunità per lo sviluppo delle città murgiane che premia il mio personale lavoro parlamentare", afferma il deputato Nunzio Angiola. "Già agli inizi del 2019 avevo fatto formale richiesta al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di integrazione dell'elenco della legge 128/2017 - aggiunge - con l'inserimento della tratta ferroviaria di Giustino Fortunato, infatti fu il parlamentare e meridionalista lucano, nel 18911 ad inaugurarla. Avevo fatto formale richiesta di uno studio di fattibilità - racconta - per il ripristino della stessa tratta ferroviaria, essenziale per il rilancio turistico e della mobilità delle zone interne. Nei mesi successivi avevo ricevuto da Rfi il tanto agognato studio di fattibilità. Si tratta di luoghi ricchi di fascino e di storia che vanno assolutamente tutelati. Potremo realizzare anche una "greenway" puntando alla grande attrazione dei treni storici a zero emissioni e adatti alla fruizione paesaggistica".

A maggio scorso, il parlamentare di origini murgiane con una interrogazione a risposta immediata in commissione, chiedeva che alla tratta fosse riconosciuta valenza storica, essendo tra le più antiche d'Italia,e di sapere i tempi di realizzazione a fini turistici. Il sottosegretario Roberto Traversi, sulla base degli elementi forniti da Rfi, comunicava che il ripristino e la riattivazione della circolazione potevano avvenire in circa 24 mesi con un costo di 33,5 milioni di euro.

Ora si dovrà attendere il decreto dei ministri delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Turismo e dell'Economia, in coerenza con quanto previsto nel Piano strategico di sviluppo del turismo in Italia per il periodo 2017-2022, dopo aver verificato la copertura finanziaria dei relativi oneri per rendere esecutiva la pianificazione del progetto. Il ministro Franceschini mi ha assicurato che il decreto è di prossima emanazione, rivela Angiola, e che nel Recovery Plan sono previste importanti risorse per il finanziamento delle ferrovie a uso turistico.
  • Giuseppe Massari
  • Linea ferroviaria
  • Ferrovie dello stato
Altri contenuti a tema
Quando è nata veramente la Fiera San Giorgio? Oltre nove secoli fa Quando è nata veramente la Fiera San Giorgio? Oltre nove secoli fa Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
I giudizi storici su Carlo II d’Angiò artefice della nostra Fiera I giudizi storici su Carlo II d’Angiò artefice della nostra Fiera Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Il Cenacolo di San Sebastiano è opera di fra' Giuseppe da Gravina? Il Cenacolo di San Sebastiano è opera di fra' Giuseppe da Gravina? Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
La Porta del Giorno del Signore è diventata tesi di laurea La Porta del Giorno del Signore è diventata tesi di laurea Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
L’altare di San Giuseppe nella chiesa di Sant’Agostino L’altare di San Giuseppe nella chiesa di Sant’Agostino Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Anche Gravina tra “Le Giornate Fai per le scuole” Anche Gravina tra “Le Giornate Fai per le scuole” Dall’8 al 13 marzo i luoghi raccontati in Puglia dagli studenti
Il Museo Piersanti e la sua collezione Il Museo Piersanti e la sua collezione Un legame tra Gravina e Matelica (Macerata) nel nome di Benedetto XIII
Suor Addolorata Terribile,  prima superiora generale delle suore del Sacro Costato Suor Addolorata Terribile, prima superiora generale delle suore del Sacro Costato Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.