Lopalco e Emiliano
Lopalco e Emiliano
Scuola e Università

Riapertura scuole, Emiliano pronto al rinvio

Sindacati chiedono posticipo di una o due settimane

Ieri le rappresentanze sindacali pugliesi della scuola, all'unanimità, hanno chiesto al presidente di rinviare l'avvio delle lezioni in presenza di una settimana o 15 giorni, e di stabilire per tutti gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado la didattica a distanza. Alla luce delle previsioni nazionali di un innalzamento dell'indice Rt, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. intende "andare proprio in questa direzione con il suo provvedimento". Queste parole, riportate in un comunicato, anticipano le intenzioni del presidente pugliese sulla riapertura delle scuole, in programma il 7 gennaio. Quindi è possibile un posticipo.

"Il Consiglio dei Ministri - dichiara - si riunisce questa sera alle 21, attendiamo quindi l'esito dell'incontro per capire quali misure intendono emanare a livello nazionale dal 7 gennaio, in particolare in tema di scuola. All'interno della cornice normativa che traccerà il governo, vedremo se sarà necessario intervenire domani con una ordinanza regionale più restrittiva. Di sicuro, la Puglia in questa fase così incerta sulla evoluzione della curva epidemiologica e dell'indice Rt, intende tutelare la salute pubblica e ridurre al minimo i rischi di contagio".

Per gli esiti dell'incontro tra Regione e sindacati, protestano i Cobas Scuola Puglia. "Le scuole pugliesi devono riaprire perché non è più accettabile - sostiene la sigla sindacale - che vengano ancora immolate sull'altare delle inefficienze della sanità territoriale. Questo è un punto per noi dirimente, anche a costo di perdere una parte di consenso sindacale nella categoria. La lotta per la sicurezza si deve combattere nei luoghi di lavoro (e ovviamente con le scuole aperte) a partire dalla richiesta di un sistema di tracciamento efficace e di servizi sanitari nelle scuole, che gestiscano in modo diretto i tamponi rapidi sul posto. Gli interventi del governo nazionale e regionale non sono stati adeguati e per questo dobbiamo continuare a batterci, ma le nostre rivendicazioni non possono giustificare la chiusura delle scuole, a meno che l'emergenza porti a chiudere anche le attività produttive".
  • Scuola
  • Ordinanza
Altri contenuti a tema
On. Sasso: “alle scuole dell'infanzia di Gravina 375.000 euro” On. Sasso: “alle scuole dell'infanzia di Gravina 375.000 euro” Fondi ministeriali per realizzare ambienti didattici innovativi
On. Sasso: “Alle scuole di Altamura e Gravina 4,3 milioni per l’innovazione” On. Sasso: “Alle scuole di Altamura e Gravina 4,3 milioni per l’innovazione” Fondi per trasformare le classi in ambienti di apprendimento moderni
Chiusa una residenza per anziani a Gravina Chiusa una residenza per anziani a Gravina Emessa ordinanza del sindaco dopo controllo dei carabinieri del Nas
Approvato il piano per il diritto allo studio Approvato il piano per il diritto allo studio Provvedimento regionale su mensa, trasporto scolastico e altri interventi
Cambiano le dirigenze scolastiche in due scuole di Gravina Cambiano le dirigenze scolastiche in due scuole di Gravina Per effetto dei trasferimenti
Caldo: divieto di lavoro agricolo nelle ore a rischio alto Caldo: divieto di lavoro agricolo nelle ore a rischio alto Ordinanza del presidente della Regione
Fissato il calendario scolastico dell'anno 2022/2023 Fissato il calendario scolastico dell'anno 2022/2023 Le date di inizio e termine delle attività didattiche
Report Covid scuole, continuano a diminuire i contagi Report Covid scuole, continuano a diminuire i contagi A Gravina solo 8 nuovi casi negli ultimi sette giorni
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.