Ragazzini sorpresi sul parapetto del Ponte Acquedotto
Ragazzini sorpresi sul parapetto del Ponte Acquedotto
La città

Ragazzini sorpresi sul parapetto del Ponte Acquedotto

Tra la vita e la morte, si gioca a fare i "grandi"

In bilico, a cavalcioni sul parapetto del Ponte Acquedotto. Un piede dentro, al sicuro, e un piede fuori, nel vuoto, nell'incertezza. E per che cosa? Una dimostrazione di coraggio, di equilibrio? Vale forse una vita nel fior della sua giovinezza, la senzazione di sentirsi grandi e superiori agli altri per aver messo a rischio irresponsabilmente la propria incolumità ed esserne usciti fortunatamente salvi? Di spiacevoli episodi a Gravina, diversi se ne sono susseguiti e tante sono state le lacrime già versate per giovani che purtroppo sono stati sventurati, di cui oggi non resta che il ricordo del loro sorriso. Perché porre i presupposti per scrivere ulteriori pagine di cronaca nera?

Queste fotografie sono state postate sui social nel pomeriggio di martedì 13 giugno, e poi condivise dalla pagina Facebook "Vola Protezione Civile Gravina" con tanto di appello a tutti i cittadini gravinesi: "se qualcuno riconosce questi ragazzi e soprattutto se conoscete i loro genitori, mettiamoli al corrente di ciò che i loro figli fanno! Ricordiamo a tutti che la vita é importante e unica!".
In risposta a quanti hanno commentato il post interrogandosi sulla effettiva attivazione della videosorveglianza in zona Madonna della Stella, rassicura il Comandante della Polizia Municipale Nicola Cicolecchia: "dopo aver effettuato le dovute verifiche, grazie i video siamo riusciti a risalire all'identità dei ragazzini. Così abbiamo anche provveduto ad avvisare i genitori dell'accaduto augurandoci che non accada più".

Sui social intanto il dibattito è animato.

C'è chi ritiene sia importante il sistema di videosorveglianza ai fini di controllo, sicurezza e tutela anche del decoro urbano, ma ancor prima di questo, si dà maggior peso all'educazione impartita ai giovani d'oggi dai genitori, come Milena che commenta: "perché ciascun genitore non sorveglia e vigila sui propri figli? Perché delegare sempre agli altri (o alla videosorveglianza) la maleducazione dei propri figli? Perché non educarli alla civiltà?". I figli vanno seguiti, accompagnati alla conoscenza della vita e dei pericoli, perché è inconcepibile che un ragazzino, per pura "noia", si esponga ad un così grave pericolo, come sostiene invece Aurelia: "La cosa che mi fa più paura è che per la "noia" questi ragazzi possano essere in grado di fare qualsiasi cosa e mi preoccupa il fatto che il senso del pericolo, a quell'età, dovrebbe essere ben sviluppato. La gravità di queste foto sta nel fatto che in questo paese l'inciviltà regna sovrana".
Di tutt'altro avviso sono invece Isa e Micaela, che giustificano i ragazzini con un "anche noi da ragazzini lo abbiamo fatto e abbiamo fatto anche di peggio".

Ai posteri l'ardua sentenza.
  • Pericolo
  • Ponte acquedotto della gravina
  • Videosorveglianza
Altri contenuti a tema
1 Gravina e la sua identità turistica Gravina e la sua identità turistica Lettera alla redazione di Sergio Varvara
Bosco, assegnata videosorveglianza contro incendi Bosco, assegnata videosorveglianza contro incendi Il Comune si affida ad una società di vigilanza
11 Restauro Ponte acquedotto, il Comune affida la direzione lavori Restauro Ponte acquedotto, il Comune affida la direzione lavori A breve apertura del cantiere
1 Ponte acquedotto, aggiudicato l'appalto per i lavori di restauro Ponte acquedotto, aggiudicato l'appalto per i lavori di restauro Circa un milione di euro per rifare il look al monumento simbolo della città
Videosorveglianza: Comune si candida a progetto ministeriale Videosorveglianza: Comune si candida a progetto ministeriale “Patto per la sicurezza urbana”, approvato studio fattibilità
Un nuova illuminazione scenica per il ponte acquedotto Un nuova illuminazione scenica per il ponte acquedotto Intervento finanziato dal Fai per i "luoghi del cuore"
Promozione del turismo, il ponte acquedotto diventa un simbolo Promozione del turismo, il ponte acquedotto diventa un simbolo La parola all’assessore al turismo Paolo Calculli
Un altro fine settimana di visite guidate al ponte viadotto Un altro fine settimana di visite guidate al ponte viadotto Numerosi visitatori nel primo week-end
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.