la superba fabbrica di Federico
la superba fabbrica di Federico
Eventi e cultura

La superba fabbrica di Federico

In una mostra il castello Svevo tra presente e passato.

I rossi guantoni di Federico II, fedelmente riprodotti, tengono racchiuso il modello in scala di quello che, secondo gli studi, fu il maniero gravinese. Alle sue spalle la riproduzione di ciò che ne resta oggi, sovrastata dall'imponente corona del Sacro Romano Impero.

"La superba fabbrica di Federico" è il titolo dell'esposizione allestita presso la sede dell'Archeoclub Gravina, nata grazie alla collaborazione tra Archeoclub, Fondazione "Ettore Pomarici Santomasi", Centro Studi Nundinae, Consorzio Vie Sacre EVO e Comune di Gravina. Una vera e propria fabbrica fu infatti quella di Federico, che in pochissimo tempo fece edificare nel suo impero numerose dimore e chiese palatine.

Il perché di queste ricostruzioni, realizzate minuziosamente in pietra locale da Massimo Loglisci, viene chiaramente descritto dal presidente dell'Archeoclub Gravina, Innocente Cataldi: "Il nostro intento è quello di far conoscere alla città questo nostro bene, per far sì che lo si rispetti e lo si protegga".
Appese alle pareti, foto che ritraggono la riproduzione 3D di quello che probabilmente era il castello Svevo, studi realizzati da Pietro Masciandaro. In fondo alla sala, gli abiti e gli scarponi di Federico.

Presente al'inaugurazione della mostra il sindaco Alesio Valente: "Anche se è un momento difficile per la vita amministrativa di questa città ho voluto esserci", e aggiunge, "lunedì firmerò il disciplinare con la Regione per il concorso di idee che mette a disposizione 50 mila euro per la riprogettazione e la fruizione del castello in pianta stabile. La concomitanza tra la firma del disciplinare e la mostra è assolutamente positiva". A prendere la parola è poi il presidente del Centro Nundinae, Raffaele Ceci: "Gravina era una città opulenta, poi pian piano c'è stato il depauperamento dell'ambiente e il deperimento culturale. La nostra città deve risorgere prima culturalmente, per poi risorgere economicamente".

La curatrice scenica della mostra, Raffaella Lorusso, assicura: "Questo progetto andrà molto oltre". Fra un mese si svolgerà a Bari l'evento di Vie Sacre, di cui la stessa Raffaella Lorusso è direttore artistico per lo spaccato rievocativo Vie Sacre Evo. "L'intera vetrina verrà portata a Bari come promozione del territorio e dell'innesto che creano i contenitori vuoti, da ripristinare come bene tangibile e intangibile, con quella che è la rievocazione storica", e spiega, "quale miglior connubio quindi tra Archeoclub, Fondazione e rievocazione storica che a Gravina è esclusivamente Nundinae?". Un evento che si appresta quindi a diventare itinerante e che molto presto farà tappa anche a Jesi, presso la Fondazione Nazionale Federico II Hohenstaufen di Svevia, dove si terrà un importante convegno tecnico scientifico a cui prenderà parte lo stesso comitato scientifico del centro studi Nundinae.

La mostra intanto sarà fruibile a Gravina sino al 23 novembre, presso la sede Archeoclub in Via Matteotti.
28 fotoLa superba fabbrica di Federico
MostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostraMostra
  • Archeoclub d'Italia Sezione di Gravina in Puglia
  • Castello Svevo
  • Nundinae
Altri contenuti a tema
Bosco Difesa Grande, bene comune da proteggere e valorizzare Bosco Difesa Grande, bene comune da proteggere e valorizzare Partono iniziative di promozione turistica del polmone verde, anche in vista di Matera2019
Raduno cortei storici: un successo la XVI edizione Raduno cortei storici: un successo la XVI edizione Positivo il bilancio della manifestazione organizzata dal centro studi Nundinae
1 Gravina presa d'assalto per la XV edizione del Raduno dei Cortei storici Gravina presa d'assalto per la XV edizione del Raduno dei Cortei storici Il Centro Studi "Nundinae" firma un altro grande successo
Il XV Raduno dei Cortei Storici Medievali entra nel vivo Il XV Raduno dei Cortei Storici Medievali entra nel vivo Occhio all'ordinanza della Polizia Municipale: ecco le vie in cui è stato disposto divieto di sosta e transito veicolare
L'Unesco concede il patrocinio al Centro Studi "Nundinae" per il XV Raduno dei Cortei Storici Medievali L'Unesco concede il patrocinio al Centro Studi "Nundinae" per il XV Raduno dei Cortei Storici Medievali Soddisfazione ed orgoglio nelle parole del consigliere dell'associazione di rievocazione storica Mauro Giuseppe Rubini
Il Centro Studi "Nundinae" onora i caduti della Grande Guerra Il Centro Studi "Nundinae" onora i caduti della Grande Guerra Le immagini della mattinata tra storia e memoria
Il Centro Studi “Nundinae” riconosce onore e merito ad Onlus e personalità di spicco Il Centro Studi “Nundinae” riconosce onore e merito ad Onlus e personalità di spicco Consegnate le attestazioni di merito "Benemerito dell'Etica e Virtù Cavalleresca"
1 Il Centro studi Nundine al Carnevale di Venezia Il Centro studi Nundine al Carnevale di Venezia I figuranti gravinesi nella giornata inaugurale
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.