salvataggio contrada san felice
salvataggio contrada san felice
Palazzo di città

Isolati in casa per tre giorni a -10 in mezzo alla bufera

Soccorsi nelle campagne di Gravina dopo 24 ore di lavoro per raggiungerli

Padre, madre e figlio di 7 anni. Erano rimasti isolati da giovedì nella loro casa ad una quindicina di chilometri dal centro abitato, in aperta campagna. Da ieri erano anche senza energia elettrica, costretti a sopportare temperature polari. Sono stati tratti in salvo solo nel pomeriggio di domenica, dopo 24 ore di lavoro, da una squadra di soccorso guidata personalmente dal sindaco Alesio Valente.

Lieto fine per una famiglia gravinese che per tre giorni è rimasta tagliata fuori dal mondo, nella sua abitazione di contrada San Felice, circondata da muri di neve in alcuni punti alti fino a due metri. Impossibile raggiungere, anche in trattore, l'azienda agricola più vicina, distante 6 chilometri. E quando nella giornata di sabato l'energia elettrica è saltata, la situazione è precipitata. A far paura il termometro, sprofondato di notte a quasi 15 gradi sotto lo zero termico. Col freddo ostacolato nella sua avanzata solo dal calore di un camino, immediata è scattata la richiesta di aiuto, prontamente raccolta dalla sala operativa di Protezione Civile comunale, coordinata dal maggiore Nicola Cicolecchia, comandante della Polizia Municipale. Sul posto si è subito diretta una squadra di soccorso, coordinata dal sindaco Valente. I primi due esperimenti di sfondamento sono andati a vuoto, vanificati dal muro di ghiaccio incontrato sul cammino e dalla rottura dei bracci meccanici degli spazzaneve inviati in missione. E solo nella tarda mattinata di domenica, al terzo tentativo, è arrivato il successo, con il salvataggio dei tre ed un tripudio di abbracci liberatori. Identico risultato è stato colto in altre due operazioni, con la Polizia Municipale che è riuscita a trarre in salvo due famiglie, una residente in contrada Pescofaliero e l'altra, composta da una coppia di anziani pensionati, rimasta confinata tra le mura domestiche della propria villetta affacciata sulla strada per Corato.

Intanto, mentre il cielo concede una tregua, in città continua incessante l'opera dei mezzi spazzaneve e spargisale ingaggiati dal Comune, che per tre giorni, nonostante la bufera, sono riusciti a garantire la circolazione all'interno del centro abitato. Prossimo obiettivo, garantire la riapertura delle scuole, fissata a mercoledì 11 gennaio con ordinanza del primo cittadino: si punta a sciogliere dalle catene del gelo tutte le scuole, attraverso gli interventi pianificati dalla sala operativa mente e braccio della battaglia dichiarata da Gravina al generale Inverno ed alle sue truppe artiche.
san felicesan felicesan felicesan felice
  • Neve
Altri contenuti a tema
Gelo, tanti animali morti Gelo, tanti animali morti La CIA: “Indennità per le imprese”
8 Emergenza neve e ghiaccio: tutte percorribili le strade della Città Metropolitana di Bari Emergenza neve e ghiaccio: tutte percorribili le strade della Città Metropolitana di Bari A Gravina, ripulite strade principali e periferiche, si passa alle vie secondarie
Sull’Alta Murgia, sotto la coltre bianca si nascondono non pochi danni Sull’Alta Murgia, sotto la coltre bianca si nascondono non pochi danni Coperti di ghiaccio i campi di grano e legumi
7 Emergenza maltempo: scuole e cimitero chiusi Emergenza maltempo: scuole e cimitero chiusi Le decisioni del Commissario prefettizio per tutelare l'incolumità pubblica. Segui gli aggiornamenti
La Puglia nella morsa del gelo. Cresce la preoccupazione della Coldiretti La Puglia nella morsa del gelo. Cresce la preoccupazione della Coldiretti "Taglio anticipato di ortaggi, consegne in tilt, a rischio frutteti, capotti ai baby vitelli"
6 Persiste il maltempo: oggi è allerta gialla Persiste il maltempo: oggi è allerta gialla A comunicarlo la Protezione civile della Regione Puglia
13 Arriva Burian, Protezione civile a lavoro Arriva Burian, Protezione civile a lavoro In azione i mezzi spargisale
1 Nessun errore nella richiesta di calamità naturale Nessun errore nella richiesta di calamità naturale Dopo le accuse l'assessore Di Gioia risponde a Conca e Damascelli
© 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.