Bosco Difesa Grande. <span>Foto Carlo Centonze</span>
Bosco Difesa Grande. Foto Carlo Centonze
Territorio

Domani “Abbracciamo il Bosco”

Iniziativa di sensibilizzazione a favore del Bosco Difesa grande

Al motto "Gravina abbraccia il bosco Difesa grande", coniato per l'occasione da Giovanni Silvestri, del Comitato per la difesa del bosco, domani associazioni ambientaliste e sportive, insieme concorreranno a rendere speciale la giornata dell'area verde gravinese.

Sport e ambiente sono un connubio vincente per riuscire a vivere al meglio il bosco Comunale Difesa Grande. Per questo l'amministrazione comunale ha accolto con grande entusiasmo la proposta della associazione sportiva "Festina Lente" di dedicare una giornata al bosco comunale, attraverso l'iniziativa "Abbracciamo il Bosco".

Per la mattinata di domenica 9 dicembre l'invito è rivolto all'intera comunità gravinese, affinchè partecipi all'evento di sensibilizzazione a favore del polmone verde cittadino, proprio nell'area Difesa Grande, sconvolta nell'estate del 2017, ed ancor prima, nel Luglio del 2012, da un devastante incendio doloso.

Ecco allora come l'iniziativa "Gravina abbraccia il bosco" diventa di fondamentale importanza per tutelare un bosco "ferito, ma vivo- sottolinea Giovanni Silvestri, tra i promotori dell'iniziativa-. c'è bisogno di curarlo, difenderlo e tutelarlo per le future generazioni. E' un compito che grava su tutti noi cittadini gravinesi, insieme all'amministrazione comunale".

L'appuntamento per tutti è alle 08,30 al Rifugio (meglio noto come "Marcuccio"). Alle 09,00 il programma della giornata prevede la piantumazione simbolica di due querce; una gara sportiva di orienteering organizzata dall'Asd "S. Gramegna" aperta a grandi e piccini ed un Trail-O destinato ai diversamente abili.

Scelte non casuali, visto che le querce simboleggiano "la rinascita dei luoghi devastati dal fuoco"- hanno sottolineato I portavoce dell'amministrazione comunale, l'assessore al verde pubblico, Felice Lafabiana e quello delegato al bosco, Giovanni Cavallera.

Inoltre,- continuano i due assessori- "al valore simbolico della messa a dimora di piante giovani, si aggiunge una manifestazione sportiva che dimostrerà come l'ambiente possa diventare palestra a cielo aperto, capace di migliorare la coscienza ecologico-ambientale e la condizione psico-fisica, a livello individuale come in chiave collettiva".

"E la speranza è proprio quella di vedere fiumi di persone, in modo da sensibilizzare la società civile e le istituzioni a valorizzare quanto più possibile questo enorme patrimonio cittadino"- confessa Giovanni Silvestri. Insomma, il bosco è vivo e vive attraverso le sue piante e le persone che amorevolmente si vorranno prendere cura di esso.

    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.