Mappa di Puglia e Basilicata
Mappa di Puglia e Basilicata
Territorio

Deposito nucleare, pronta la carta delle aree idonee

Trasmessa da Sogin al Ministero. C'è anche il sito di Gravina? Per ora è tutto riservato

Così come previsto la Sogin, società statale incaricata del decommissioning degli impianti nucleari e della messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi, ha inviato al Ministero della Transizione Ecologica (MiTe) la carta nazionale delle aree idonee ad ospitare il deposito unico nazionale di rifiuti radioattivi e Parco Tecnologico.

La proposta di CNAI che Sogin ha trasmesso al Ministero della Transizione Ecologica è stata dunque predisposta sulla base delle oltre 600 tra domande, osservazioni e proposte, per un totale di oltre 25.000 pagine costituite da atti, documenti, studi, relazioni tecniche e cartografie, complessivamente presentate nel corso di un anno a seguito della pubblicazione della CNAPI. La mappa dei siti idonei è stata elaborata dall'azienda basandosi sugli esiti di una, se non la più grande consultazione pubblica svoltasi in Italia riguardante –sottolineano dalla Sogin- "un'infrastruttura strategica per il Paese".

La consultazione, si è avviata il 5 gennaio 2021, con la pubblicazione della proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI) e si è conclusa lo scorso 14 gennaio con il coinvolgimento di sette regioni (Piemonte, Toscana, Lazio, Puglia e Basilicata, Sicilia, Sardegna) e oltre 160 partecipanti al Seminario, che ha registrato gli interventi dei rappresentanti di Istituzioni ed Enti nazionali e locali, associazioni, comitati e singoli cittadini.

Adesso la palla passa nelle mani del Ministero della transizione Ecologica che, acquisito il parere tecnico dell'Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione (ISIN), dovrà approvare la Cnai, attraverso l'emanazione di un decreto e di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili. Fatto ciò la mappa sarà pubblicata sul portale della Sogin, dell'Isin e dei due Ministeri interessati.

L'iter prevede che – spiegano dalla Sogin- dall'atto della pubblicazione della Cnai si avvierà una nuova fase di consultazioni "finalizzata a raccogliere le manifestazioni di interesse, non vincolanti, a proseguire il percorso partecipato da parte delle Regioni e degli Enti locali nei cui territori ricadono le aree idonee, con l'obiettivo di arrivare a una decisione condivisa del sito nel quale realizzare il Deposito Nazionale".

Tra i siti idonei potrebbe esserci anche quello individuato in contrada Zingariello. 150 ettari a ridosso del bosco Difesa Grande che – secondo Gisueppe Lapolla del comitato di consultazione popolare di Gravina- potrebbero rientrare nella mappa Cnai predisposta dalla Sogin. "Un'area che risponde alle caratteristiche stabilite per ospitare il deposito di scorie radioattive" -dice Lapolla, dando ad intendere che nonostante non ci siano indiscrezioni sulle località individuate, il pericolo che a Gravina possa essere allocato il sito è ancora alto e per questo non bisogna abbassare la guardia e continuare a far sentire a gran voce le istanze di un territorio che dice "No" al deposito di rifiuti nucleari.
  • Scorie
  • Scorie nucleari
  • Deposito Nucleare
Altri contenuti a tema
Deposito nucleare, decisione entro dicembre 2023 Deposito nucleare, decisione entro dicembre 2023 A dichiararlo il Ministro Cingolani. Non si sa ancora nulla dei siti idonei
Deposito scorie: tutto ancora riservato, un silenzio che preoccupa Deposito scorie: tutto ancora riservato, un silenzio che preoccupa Tutti gli enti e i geologi ribadiscono il "no" per Gravina e per la Murgia
Deposito scorie, la Regione ribadisce il no Deposito scorie, la Regione ribadisce il no Emiliano e Maraschio: “No alla Puglia come sede del deposito nazionale di rifiuti radioattivi”
Deposito nucleare, si avvicina la data delle scelte Deposito nucleare, si avvicina la data delle scelte Il 15 marzo la Sogin invierà le sue proposte al MiTe
Deposito di scorie nucleari, ribadito il "no" di Gravina Deposito di scorie nucleari, ribadito il "no" di Gravina Iniziativa del comitato in contrada Zingariello, in attesa della Cnai
Deposito nucleare, il comitato incontra il commissario Deposito nucleare, il comitato incontra il commissario Si attende la pubblicazione della Cnai (carta delle aree idonee)
Deposito nucleare, il comitato cittadino tiene alta la guardia Deposito nucleare, il comitato cittadino tiene alta la guardia Richiesta di informazioni alla Regione sulle osservazioni presentate
Deposito nucleare, Parco Alta Murgia invia osservazioni alla Sogin Deposito nucleare, Parco Alta Murgia invia osservazioni alla Sogin Plauso per l’iniziativa da parte del Comitato di consultazione popolare di Gravina
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.