scorie radioattive
scorie radioattive
Territorio

Deposito nucleare, decisione entro dicembre 2023

A dichiararlo il Ministro Cingolani. Non si sa ancora nulla dei siti idonei

Dicembre 2023: questa la data entro la quale si saprà quale sito ospiterà il deposito unico nazionale di scorie radioattive. A dirlo è stato il Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani.

L'annuncio del titolare del MiTe è giunto durante il question time nel quale il Ministro ha illustrato la tabella di marcia che porterà all'entrata in funzione del deposito, prevista per il 2029. Una necessità diventata impellente anche perché l'Italia deve dare risposte concrete all'Europa- ha spiegato Cingolani.

Nella prima fase la Cnapi, la Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee ad ospitare il deposito unico nazionale di scorie radioattive aveva individuato 57 aree distribuite sul territorio nazionale, concentrandole in sole 6 regioni. I siti erano così dislocati: 6 in Piemonte, 22 nel Lazio, 1 in Puglia, 4 al confine fra Puglia e Basilicata, 12 in Basilicata, 2 in Sicilia e 10 in Sardegna.

Tra questi ci sono anche il sito individuato in contrada Zingariello, a Gravina, e due siti in territorio di Altamura (ricadenti anche in territorio di Matera).

L'individuazione del sito avverrà dopo che si è conclusa la prima fase della Cnapi, con la Sogin che ha consegnato al Ministero al Cnai, ovvero la mappa delle località ritenute idonee. Adesso la procedura prevede che ci sia, a breve, probabilmente entro la prossima estate, la pubblicazione dei siti considerati idonei e l'apertura anche alle autocandidature ad ospitare il depostito.

Una notizia che detta i tempi agli enti delle comunità interessate ed ai comitati cittadini in opposizione al deposito, che dovranno ribadire le ragioni del proprio diniego all'allocazione del deposito sul proprio territorio.
  • Scorie
  • Scorie nucleari
  • Deposito Nucleare
Altri contenuti a tema
Deposito scorie: tutto ancora riservato, un silenzio che preoccupa Deposito scorie: tutto ancora riservato, un silenzio che preoccupa Tutti gli enti e i geologi ribadiscono il "no" per Gravina e per la Murgia
Deposito scorie, la Regione ribadisce il no Deposito scorie, la Regione ribadisce il no Emiliano e Maraschio: “No alla Puglia come sede del deposito nazionale di rifiuti radioattivi”
Deposito nucleare, pronta la carta delle aree idonee Deposito nucleare, pronta la carta delle aree idonee Trasmessa da Sogin al Ministero. C'è anche il sito di Gravina? Per ora è tutto riservato
Deposito nucleare, si avvicina la data delle scelte Deposito nucleare, si avvicina la data delle scelte Il 15 marzo la Sogin invierà le sue proposte al MiTe
Deposito di scorie nucleari, ribadito il "no" di Gravina Deposito di scorie nucleari, ribadito il "no" di Gravina Iniziativa del comitato in contrada Zingariello, in attesa della Cnai
Deposito nucleare, il comitato incontra il commissario Deposito nucleare, il comitato incontra il commissario Si attende la pubblicazione della Cnai (carta delle aree idonee)
Deposito nucleare, il comitato cittadino tiene alta la guardia Deposito nucleare, il comitato cittadino tiene alta la guardia Richiesta di informazioni alla Regione sulle osservazioni presentate
Deposito nucleare, Parco Alta Murgia invia osservazioni alla Sogin Deposito nucleare, Parco Alta Murgia invia osservazioni alla Sogin Plauso per l’iniziativa da parte del Comitato di consultazione popolare di Gravina
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.