canirandagi2
canirandagi2
Territorio

Branchi di cani randagi per le vie di Gravina

Quasi pronto il canile sanitario. Per il canile rifugio occorre altro tempo

Era datata luglio 2010 la lettera-denuncia che un minorenne gravinese rivolgeva all'intera comunità ed in particolare all'amministrazione comunale a seguito di una aggressione perpetrata da un cane randagio ai danni dello stesso minore. L'animale che cercava probabilmente del cibo in piazzetta Cavour, nei pressi della chiesa di San Domenico dopo aver ringhiato contro il ragazzo, gli mordeva il braccio sinistro per poi scappare a seguito anche della pronta reazione del minore. "Troppi ne circolano per le vie di Gravina, malconci e a volte aggressivi, rendendo pericoloso il passeggio in alcune zone, specialmente di notte. Mi chiedo come mai non esista un canile comunale nel quale questi cani possano essere ospitati e curati!", dichiarava il sedicenne solo pochi mesi fa.

Guardando le immagini qui di seguito sembra che nulla sia cambiato, anzi quando si parla di cani è ormai difficile immaginare l'animale solitario che si aggira per le vie del paese triste ed innocuo; la legge "l'unione fa la forza" è diventata modus vivendi dell'animale per antonomasia amico dell'uomo. Ma se l'allora sedicenne si fosse fatto intimorire dalla violenza dell'animale che sarebbe accaduto? E se l'animale in quell'occasione non fosse stato solo? Pensieri negativi e moralismi: le reazioni più umane di fronte a situazioni del genere. Evidentemente non basta l'incessante lavoro di monitoraggio e affidamento dei cani randagi portato avanti con scrupolo e dedizione dalla Lega del cane di Gravina. Urgono altre misure. Urge un canile.

Era dicembre scorso quando, con parere unanime della Commissione Consiliare Ambiente presieduta dal consigliere Angelo Lapolla, la Giunta deliberava sulla costruzione di una struttura ricettiva per randagi presso l'ex mattatoio comunale. L'atto prevedeva la realizzazione di un canile sanitario con una capienza massima di 20 unità recuperate al fine di anagrafarli e sottoporli ad interventi sanitari e chirurgici di sterilizzazione. Il secondo intervento di portata più ampia prevedeva la realizzazione di un canile rifugio con una capienza massima di 200 unità di animali. Solo poche ore fa l'assessore all'ambiente Artal ci ha rassicurati in merito al primo canile, quello sanitario, i cui lavori sarebbero completi per il 70%. Il residuo 30% dovrebbe essere ultimato a breve. Maglia nera per il canile rifugio i cui lavori di esecuzione non sono ancora cominciati in quanto si attendono riscontri sulla possibilità di realizzare un project financing. La speranza è che si prenda in mano la situazione del canile rifugio per evitare nuovi episodi da manuale di drammatologia!
3 fotoBranco di cani randagi
Branco di cani randagiBranco di cani randagiBranco di cani randagi
  • Canili
  • Randagismo
Altri contenuti a tema
5 Canile sanitario chiuso da anni. L'assessore Grazia Laico: "Stiamo lavorando per la riapertura" Canile sanitario chiuso da anni. L'assessore Grazia Laico: "Stiamo lavorando per la riapertura" Nelle prossime settimane, prevista la pubblicazione del bando per l'individuazione del gestore
Dalla Regione fondi per i canili comunali Dalla Regione fondi per i canili comunali Pronto il bando per i Comuni
10 Zona industriale: sporcizia e randagismo suscitano il malcontento negli imprenditori Zona industriale: sporcizia e randagismo suscitano il malcontento negli imprenditori Cambia la location ma la situazione è sempre la stessa
Randagio cade in una cava Randagio cade in una cava Salvato dai vigili del fuoco e affidato ad un veterinario
Petizione dei Cinque stelle contro il randagismo Petizione dei Cinque stelle contro il randagismo Al Comune di Gravina si chiede l'approvazione di un regolamento in difesa degli animali e dei cittadini
Canile, ancora una proroga Canile, ancora una proroga Confermato l’affidamento dei cani randagi al canile di Corato
Randagismo, ennesimo allarme da via Chopin Randagismo, ennesimo allarme da via Chopin Cani sempre più aggressivi minacciano i residenti
Randagismo, serve un canile pubblico Randagismo, serve un canile pubblico Spesi 100.000 euro l'anno senza risolvere il problema
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.