Strade sporche
Strade sporche
La città

Borgo Dolcecanto vessata da sporcizia e randagismo

La segnalazione di un residente della zona

Da tempo, a Borgo Dolcecanto, a dare il buongiorno ai residenti della zona sono i resti di spuntini notturni lasciati in strada dai cani randagi, che banchettano e fanno festa rovistando nella immondizia accumulatasi in prossimità dei bidoni, per la mancata o comunque saltuaria raccolta dei rifiuti.

Una situazione indecorosa per gli occhi e disgustosa per il naso di chi quel quartiere lo vive quotidianamente e soprattutto paga puntualmente la tassa sui rifiuti. A porre all'attenzione dell'opinione pubblica il grave disagio che la mancata raccolta dei rifiuti sta provocando nel vicino Borgo Dolcecanto, è Filippo che scrive alla nostra Redazione: "Da tempo la raccolta viene effettuata a singhiozzo, per non dire settimanalmente e magari solo su segnalazione alla Polizia Municipale. La situazione già di per sé critica, è aggravata dalla presenza in loco di cani randagi che di notte fanno eccelsi spuntini, lasciando sparsi per il borgo resti e materiali non degradabili, che rimangono lì per settimane sino a quando qualcuno, armato di pazienza e buona volontà, non li raccoglie". Puntualmente poi, la storia si ripete come un circolo vizioso.

"Ora mi chiedo - scrive Filippo - quale degradante e deplorevole immagine la nostra amministrazione vuole dare al Borgo Dolcecanto? Di chi è la colpa e, soprattutto, chi dovrebbe occuparsene cosa sta facendo?". Il cittadino nella segnalazione lamenta l'operato dell'Amministrazione gravinese, ricordando che in altri paesi i borghi sono un valore aggiunto per la città e non una zona periferica a sé stante da gettare nel dimenticatoio. Al contrario, sono motivo d'orgoglio e vanto di efficienti amministrazioni, e vengono valorizzati come tali. "Il risultato ad oggi è deprimente e vanifica ogni nostro sforzo e impegno profuso per migliorare l'immagine del nostro Borgo, della nostra terra, del paese per incentivare il flusso turistico. Eppure a Dolcecanto siamo in tanti a pagare le tasse locali. Quale ritorno abbiamo per le varie Imu, Tari, Tasi? In contraccambio ci rendete una raccolta rifiuti a singhiozzo, la pulizia delle strade è inesistente, marciapiedi rotti e sepolti da alte erbacce, e della disinfestazione meglio non parlarne. E' questa l'immagine che si vuol dare alla nostra terra?".

Ciò che resta ad oggi di tutta questa situazione non è altro che la sfiducia dei residenti di Borgo Dolcecanto per le misure inadeguate o nulle messe in atto fin ora per ripristinare le gravi condizioni igienico-sanitarie già precarie di questa zona della nostra città.
Borgo Dolcecanto è in ginocchio, chiede un aiuto concreto per poter risollevare il decoro di una intera comunità.
  • Borgo Dolcecanto
Altri contenuti a tema
3 A Borgo Dolcecanto, è Festa Patronale A Borgo Dolcecanto, è Festa Patronale Iniziano oggi i festeggiamenti in onore di Santa Maria Goretti
Festa di Dolcecanto rinviata per maltempo Festa di Dolcecanto rinviata per maltempo Il comitato rinvia i festeggiamenti al 25 settembre
Dolcecanto celebra Santa Maria Goretti Dolcecanto celebra Santa Maria Goretti Quattro giorni di eventi religiosi e civili per la XXXI Edizione
Don Michele Paternoster chiede al Presidente Schittulli di non abbandonare Dolcecanto Don Michele Paternoster chiede al Presidente Schittulli di non abbandonare Dolcecanto Non dimentichiamo un pezzo di storia della nostra città
"d'AltroCanto", no-stop di musica live ed eventi "d'AltroCanto", no-stop di musica live ed eventi ... metti un sabato al Borgo Dolcecanto
"D'AltroCanto": 16 ore di musica live ed eventi "D'AltroCanto": 16 ore di musica live ed eventi Il Borgo Dolcecanto si trasforma in una piccola immensa Woodstok
© 2001-2017 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.