zona pip2
zona pip2
Territorio

Asso.T.IM.: “Grazie commissario per aver sbloccato il commerciale in zona PIP”

“Un Commissario prefettizio in soli due mesi, ha prodotto quanto in otto anni la politica non è stata capace di fare”

Un grazie acclamato al Commissario Prefettizzio è stato rivolto dal Presidente dell'associazione territoriale imprenditori nonché di Confcommercio, Michele Capone.
Grazie perché "Un Commissario prefettizio in soli due mesi, sentito e consigliato dall'Asso.T.IM. - Confcommercio, ha prodotto quanto in otto anni la politica non e' stata capace di fare".
Quale il merito del commissario? Quello di aver sbloccato il commerciale in zona P.I.P: da ora in poi si potrà autorizzare la divisibilità delle aree assegnate alle aziende artigiane nella zona destinata ad insediamenti produttivi.

Grazie alla Delibera del Commissario prefettizio con i poteri del Consiglio Comunale n. 51 sono state apportate le modifiche allo schema generale di convenzione che regolamenta la zona PIP.
"Nello specifico si chiedeva da anni di consentire la divisibilità degli opifici per diversi motivi tra cui:
1. Scioglimento della società originariamente assegnataria, che peraltro consente l'insediamento di più imprese attive e l'eliminazione di imprese ingessate.
2. Donazione dell'opificio a più eredi per creare più attività imprenditoriali distinte;
3. Cessione di una parte dell'opificio a terzi per sopraggiunti motivi di ridimensionamento aziendale;
4. Altri casi specifici".

"Altri comuni hanno "sfruttato" questa opportunità che veniva offerta dalla legge per sollecitare e accompagnare gli imprenditori in un percorso di riconversione delle loro attività artigianali per assicurare loro e alla cittadinanza la congrua vitalità economica e di sviluppo…Adesso si può cominciare a dare risposte a quanti hanno la necessità di insediarsi in strutture idonee a far arrivare lunghi camion e porta container per acquisire merce direttamente dai produttori, spesso residenti all'estero", ha rilevato Capone.

I vantaggi di questa operazione sono a quanto pare molteplici: maggiore presenza di imprese, disponibilità anche per altri imprenditori che fino a questo momento non potevano spostarsi nella zona artigianale perché non vi era disponibilità di spazi piccoli adeguati alle loro necessità; e ancora "Il commerciale in zona PIP eviterà anche l'ingorgo del traffico cittadino oggi causato dagli artigiani che si recano numerosi con furgoncini a ritirare giornalmente le merci presso i pochi distributori presenti in città".

E nonostante i documenti che Capone allega a fondamento dei propri ringraziamenti, l'imprenditore gravinese pare voler dire una sola cosa: tante le opportunità che sono state perse sino a questo momento dal nostro Paese, eppure ci voleva ben poco per ottemperare alla nostra richiesta, che non era altro che una richiesta volta a favorire gli imprenditori... e quindi lo sviluppo e l'occupazione.

© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.