Antonio Leanza
Antonio Leanza
Politica

Antonio Leanza: “Le ragioni di una scelta”

Il consigliere (ex opposizione) spiega le motivazioni che lo hanno portato ad aderire alla maggioranza

In una lettera aperta, il consigliere comunale Antonio Leanza eletto nelle fila di Anch'io, nella coalizione che appoggiava il candidato sindaco Giacinto Lagreca, ha spiegato le ragioni che lo hanno portato a lasciare i banchi dell'opposizione per aderire alla lista "Fedele Lagreca Sindaco".
Si seguito il testo integrale delle sue dichiarazioni.

Tanti si pongono e mi pongono domande su quella che è stata la mia scelta. Si aspettano una risposta "politica". Frasi intrise di politichese a cui ci hanno da sempre abituato. Lo stesso linguaggio che ha contribuito alla disillusione di tanti, soprattutto ragazzi, che guardano alla politica quasi con disprezzo. Dire, ma non dire, con il solo scopo di celare intenzioni, obiettivi e finalità che non si possono raccontare. Del resto, solo per fare un esempio, ci sono" Belle storie "che perdono pezzi: ragazzi che hanno perso l'entusiasmo e si sono allontanati.

Purtroppo, ai più interessa salvaguardare la propria personale posizione e, solo in secondo luogo, quella della collettività, e, pertanto, "da fastidio" qualsiasi scelta "politicamente scorretta" (o asseritamente tale) che può ledere la loro immagine, il loro futuro, la loro poltrona.

La nostra sfida invece sta nel cambiare la politica non farci cambiare dalla politica. Ragione per cui se qualcosa a me non va devo dirlo e agire di conseguenza, che ciò piaccia o meno ai miei colleghi. Anche agli stessi che fino ad oggi non avevo mai visto così attivi e interessati al mio ruolo da consigliere.

Comunque una cosa la voglio dire, anche per rasserenare tutti: io il linguaggio della politica non lo so parlare.
Ho imparato (proprio perché figlio d'arte, come ha tenuto a specificare il consigliere Verna) ad essere trasparente e diretto.
Sono stato eletto, alla mia prima esperienza elettorale, nella coalizione del candidato sindaco Giacinto Lagreca. Sulla base di quel programma ho chiesto il voto ai cittadini che mi hanno eletto.

Con grande entusiasmo e umiltà, seppure tra i banchi della minoranza, sono entrato nelle istituzioni. Grande era ed è la voglia di non deludere i tanti che mi hanno sostenuto. Tuttavia, sin da subito, ho purtroppo compreso che quegli obiettivi, sogni, speranze e attese, sulla base dei quali ho chiesto sostegno durante la campagna elettorale, non avrebbero trovato spazio.

La minoranza, infatti, sin da subito si è mostrata divisa, incapace di fare sintesi (spesso anche di dialogare) e - a tratti - ancorata quasi ossessivamente alle ragioni di un recente passato che non appassiona più nessuno. Ne è prova il fatto che mai nessuno mi abbia coinvolto in un una pre-consiliare, una discussione, mai un incontro per discutere quel programma scritto e immaginato da noi giovani, quegli stessi giovani che inseguivano un sogno e che per una manciata di voti non son riusciti nell'impresa.

Allora: non è per fare la comparsa che sono stato eletto. Non per questo "ho messo la faccia". Non è questa "la parte giusta". Al contrario, sono stato eletto affinché quanto raccontato in campagna elettorale potesse e possa trovare piena realizzazione. Vorrei che alla fine del mio percorso fosse riconoscibile il risultato di un impegno.

La dedizione e l'impegno verso le questioni collettive ed il disinteresse rispetto alle questioni spicciole l'ho ritrovato nell'azione del sindaco Fedele Lagreca; persona aperta al dialogo, con una missione chiara: ridare un senso all'impegno politico, perseguendo col lavoro e dedizione gli interessi della città tutta.

Ho provato a gestire i toni, ma a quanto pare l'ipocrisia è sovrana. Il gioco a squadre non m'interessa. Per maggiore chiarezza: io non ho chiesto nulla al sindaco e sono certo che saprà ben chiarire l'accaduto con trasparenza e senza fronzoli, per confermare quello che sostengo.

E allora: come immaginiamo il centro storico nei prossimi dieci anni? Cosa vogliamo fare dei contenitori pubblici recuperati e nuovamente abbandonati al loro destino? Che fare di via Genova? Quali le reali problematiche dei giovani? Io qualche idea, a tale proposito la ho e voglio realizzarla. Questi, tra i tanti, i temi che mi stanno più a cuore e rispetto ai quali vorrei dare un mio contributo.

Per concludere, il tempo è galantuomo e Come ben dice qualche mio collega: saranno gli elettori a giudicare. Ecco: io non vedo l'ora!

Antonio Leanza
  • Politica
  • Maggioranza
  • Opposizione
Altri contenuti a tema
Manada lascia la maggioranza Manada lascia la maggioranza Comunicato stampa di Salvatore Varvara
Forza Italia prende le distanze dal movimento “Voglio Fare” Forza Italia prende le distanze dal movimento “Voglio Fare” Nota stampa del coordinamento cittadino dei berlusconiani
Lagreca smorza le polemiche: “nessun problema nella maggioranza” Lagreca smorza le polemiche: “nessun problema nella maggioranza” E in mattinata il sindaco rinomina Giusy Festa nell’esecutivo
Lapolla (Gravina al Centro): “Nessuna crisi, solo un normale confronto” Lapolla (Gravina al Centro): “Nessuna crisi, solo un normale confronto” Il movimento politico chiede al sindaco la rinomina dell’assessore Festa
Il sindaco Lagreca minaccia le dimissioni Il sindaco Lagreca minaccia le dimissioni Maretta all’interno della maggioranza
Assessore Festa, “Dimissioni per motivi personali” Assessore Festa, “Dimissioni per motivi personali” Per il sindaco Lagreca “non c’è nessun tipo di problema politico”
L’assessore Giusy Festa lascia la giunta Lagreca L’assessore Giusy Festa lascia la giunta Lagreca Protocollate le dimissioni
Pianificazione urbanistica, storia di un decennio di immobilismo Pianificazione urbanistica, storia di un decennio di immobilismo L’amministrazione comunale risponde alle accuse lanciate dal PD
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.