regione puglia
regione puglia
Territorio

Al via le candidature per l’Avviso Inte.R.SS.eca

30 milioni per rafforzare il sistema delle infrastrutture sociali sul territorio

Da oggi per i Comuni pugliesi e le Aziende di Servizi alla Persona è possibile presentare la candidatura per l'Avviso "Inte.R.SS.eca", che mira alla realizzazione di interventi volti a rafforzare le infrastrutture adibite ai servizi sociali e socio-assistenziali, promuovendo contestualmente nuovi strumenti per l'inclusione sociale. In particolare l'obiettivo è potenziare il sistema delle infrastrutture sociali e socio-assistenziali del territorio regionale pugliese e dare impulso allo sviluppo di tecnologie innovative e nuovi modelli di assistenza attraverso la realizzazione di infrastrutture sociali a carattere sperimentale.

I destinatari finali delle proposte progettuali sono i soggetti in condizioni di fragilità espressamente indicati nel R.R. 4/2007, nonché, nel caso di infrastrutture sociali a carattere sperimentale, altre persone marginalizzate, come famiglie a basso reddito, persone con bisogni speciali, nonché cittadini di paesi terzi, compresi i migranti.

La dotazione finanziaria complessiva è pari a € 30.000.000,00 a valere sull'Asse VIII, Azione 8.3 del PR Puglia 2021-2027 e l'entità del contributo massimo per ogni singola proposta progettuale (il cui costo non potrà essere inferiore ad € 250.000,00) è di € 3.000.000,00. Ciascuna proposta dovrà avere ad oggetto lavori pubblici (restauro/risanamento/ristrutturazione e realizzazione di nuove strutture) e forniture di beni e/o servizi tecnici. La procedura di selezione è "a sportello" ed il progetto che supera le verifiche di ammissibilità formale e sostanziale sarà sottoposto a valutazione di merito tenendo conto, tra l'altro, della coerenza con l'analisi dei fabbisogni, del grado di integrazione con altre risorse/strutture insistenti sul territorio, dell'incremento dell'occupazione femminile programmata, della rilevanza della proposta con riferimento ai temi del cambiamento climatico, dell'economia circolare e della trasformazione digitale.

"Occorre - spiega l'assessora al Welfare Rosa Barone - realizzare un sistema di welfare urbano innovativo, in grado di fornire alle persone un adeguato livello di qualità della vita attraverso la realizzazione di spazi e infrastrutture che soddisfino le esigenze dei singoli e della comunità di appartenenza. È necessario quindi programmare, previa ricognizione dei fabbisogni del singolo ambito territoriale, una nuova 'infrastrutturazione sociale' orientata a garantire il miglioramento della qualità della vita e il rafforzamento degli elementi relazionali".

"Le infrastrutture sociali - continua la direttrice del Dipartimento Welfare Valentina Romano - devono essere in grado di rispondere ai nuovi bisogni sociali propri di ciascun territorio e costituiscono le leve principali con le quali agire per la coesione e l'inclusione. Particolare attenzione dovrà essere posta nel riconoscimento di quelle modalità di infrastrutturazione sociale che, coordinando diverse tipologie di servizi ed utilizzando modalità di governance partecipative, siano in grado di costruire nuovi legami sociali, recuperare beni comuni e generare welfare di comunità, abilitando nuove capacità imprenditoriali e lavorative".
  • Regione Puglia
Altri contenuti a tema
La Regione presenta il protocollo Itaca Puglia 2023 La Regione presenta il protocollo Itaca Puglia 2023 Valutazione della sostenibilità ambientale per edifici residenziali e non residenziali
Legge regionale 36, al Comune ultimo incontro Legge regionale 36, al Comune ultimo incontro Ristrutturazione edilizia e pianificazione urbana in primo piano
In arrivo i MiniPia, pubblicato l’avviso da 40 milioni di euro In arrivo i MiniPia, pubblicato l’avviso da 40 milioni di euro Bando per le Micro e Piccole Imprese. Dal 29 febbraio le domande
Capitale cultura 2027, Alberobello alla Bit presenta la candidatura Capitale cultura 2027, Alberobello alla Bit presenta la candidatura Verna (UnaBellaStoria): “Gravina e Altamura che fanno?”
Nel 2024 la Regione Puglia assumerà 152 unità Nel 2024 la Regione Puglia assumerà 152 unità Commento dell’assessore Stea sul Piano Triennale del Fabbisogno di Personale
Il Comune partecipa al Bando Inte.R.SS.eca Il Comune partecipa al Bando Inte.R.SS.eca Per realizzare interventi su infrastrutture adibite ai servizi sociali e socio-assistenziali
Comitato Idonei contro Regione su proroga  graduatorie Comitato Idonei contro Regione su proroga graduatorie Non condiviso il parere negativo del Governo Regionale
Regione Puglia, assunzione funzionari per le politiche di coesione Regione Puglia, assunzione funzionari per le politiche di coesione L’amministrazione regionale partecipa al bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.