buste plastica
buste plastica
La città

Addio buste di plastica

Col 2011 bandite le non biodegradabili. Presto controlli sul rispetto delle nuove norme

È in vigore dal 1˚ gennaio il divieto di produrre, commercializzare ed utilizzare le buste in plastica per la spesa non biodegradabili. A ricordarlo è la Confesercenti dell'area murgiana. Si tratta di una norma nazionale armonizzata, ossia di conformità alla Direttiva Europea 2004/12/CE sugli imballaggi e sui rifiuti da imballaggio. Definisce le caratteristiche che un materiale deve possedere per poter essere definito "compostabile", ovvero biodegradabilità e disintegrabilità.

Dal primo giorno del nuovo anno le aziende commerciali, artigiane e di distribuzione dovranno disporre di sacchetti con queste caratteristiche, chiedendo ai propri fornitori l'assicurazione scritta che i prodotti ordinati siano conformi a tali norme.

La Confesercenti, con altre associazioni di categoria, ha avviato trattative con il Ministero dell'Ambiente. «Ferma restando la data del 1° gennaio stabilita dal Decreto Milleproroghe – si legge nel comunicato - lo stesso Ministero è impegnato a prevedere una sorta di "doppio regime" per smaltire le scorte ancora in carico. Allo stato attuale – continua la Confesercenti - non sono previste sanzioni per il mancato adeguamento alle nuove norme perché non vi è ancora un Regolamento che le disciplini». E conclude: «Saranno eventualmente i Comuni, con loro specifiche ordinanze, a prevedere la possibilità e l'entità delle sanzioni».

I negozianti potranno esaurire le scorte, senza far pagare i sacchetti ai clienti. Il ministero dell'Ambiente e quello dello Sviluppo economico hanno già annunciato che saranno effettuati controlli per verificare «il rigoroso rispetto della normativa».

Una norma a tutela dell'ambiente. Il polietilene, materiale con cui vengono realizzati i sacchetti della spesa, richiede tempi di degradazione che vanno dai cento ai mille anni.
  • Confesercenti
  • Plastica
Altri contenuti a tema
3 A Gravina il Comune è "libero dalla plastica" A Gravina il Comune è "libero dalla plastica" Approvata mozione del M5S per l’eliminazione nelle strutture comunali
Puglia: ora c'è di nuovo il divieto di usare oggetti di plastica in spiaggia Puglia: ora c'è di nuovo il divieto di usare oggetti di plastica in spiaggia Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso della Regione e ha sospeso la decisione del Tar
Puglia: rimandato il divieto di utilizzare plastica nei lidi Puglia: rimandato il divieto di utilizzare plastica nei lidi Il Tar sospende l'ordinanza della Regione prevista già per quest'estate
1 Il sogno di una Gravina senza plastica Il sogno di una Gravina senza plastica Aumentano le iniziative e le adesioni ai progetti "Plastic free". Il sindaco prende impegni
Puglia: da questa estate stop alla plastica nei lidi balneari Puglia: da questa estate stop alla plastica nei lidi balneari Lo prevede un'ordinanza della Regione
Saldi, falsa partenza a causa del maltempo Saldi, falsa partenza a causa del maltempo Confesercenti Puglia: "Vendite a picco nella prima settimana"
Il decalogo per un "Parco libero dalla plastica Il decalogo per un "Parco libero dalla plastica L'Alta Murgia aderisce all’iniziativa del Ministero dell’Ambiente
Porta a porta, confermata la raccolta di plastica e metalli Porta a porta, confermata la raccolta di plastica e metalli Per domani (venerdì 28 dicembre), insieme all'organico
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.