abitazione
abitazione
La città

52 milioni per fra fronte al disagio abitativo

Gravina tra i comuni interessati. 70 i comuni pugliesi a beneficiare

Con il passare degli anni mentre in Puglia cresce il disagio abitativo acuito dalla crisi economica e dalla difficoltà di reperire case a un prezzo accettabile per tutti, parallelamente si riduce la disponibilità finanziaria per sostenere le famiglie economicamente più disagiate e per la maggior parte dei casi più numerose. E' l'allarme dell'assessore regionale alla Qualità del Territorio, Angela Barbanente che contestualmente annuncia una importante iniziativa.
52 i milioni tra fondi statali e regionali a disposizione del Programma coordinato regionale che la regione Puglia dovrà presentare al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la sottoscrizione dell'Accordo di Programma per l'attuazione del Piano nazionale di edilizia abitativa. In Puglia il disagio abitativo (un fenomeno multidimensionale che fa riferimento sia a condizioni di deficit qualitativo degli alloggi, sia a quelle dimensioni della vita delle persone che condizionano l'accesso alla casa e che comprendono la condizione familiare, economica, lavorativa e abitativa) è più elevato rispetto alle altre regioni, di conseguenza l'intenzione del Piano nazionale è di creare interventi edilizi per attenuare le difficoltà cui gli abitanti pugliesi devono sottostare.

Tra i principali obiettivi del piano:
- Aiutare le fasce sociali più indigenti; famiglie sottoposte allo sfratto, e giovani che intendono realizzare il sogno di possedere una casa di proprietà.
- Osteggiare la crisi economica e ottenere il consenso, da parte dei sindacati e delle associazioni imprenditoriali, ad aprire i cantieri ai lavoratori.
- Migliorare la situazione edilizia di alcune città che sono state abbandonate al loro destino, attraverso urgenti interventi di risanamento.
Con tali presupposti e risorse monetarie si otterrà la risoluzione di problemi, esistenti già da diverso tempo, ma mai affrontati con concretezza. Sono 70 i comuni pugliesi, definiti ad Alta Tensione Abitativa secondo la delibera Cipe del 2003, che potranno beneficiare dei fondi destinati a soddisfare la fame di case.
Tra i comuni interessati anche Gravina. 

Quanto agli altri comuni in questione, venti infatti si trovano nella provincia di Bari (Adelfia, Altamura, Andria, Bari, Barletta, Bisceglie, Bitonto, Bitritto, Capurso, Corato, Giovinazzo, Gravina in Puglia, Modugno, Mola di Bari, Molfetta, Monopoli, Noicattaro, Trani, Triggiano e Valenzano), 8 nel Brindisino, 16 nel foggiano, 12 nella provincia di Lecce e infine 14 in quella di Taranto.
  • Regione Puglia
  • Disagio abitativo
Altri contenuti a tema
1 Stanziati fondi per sistemare l'acquedotto Sant'Angelo e Fontane della Stella Stanziati fondi per sistemare l'acquedotto Sant'Angelo e Fontane della Stella Delibera della Regione Puglia per mettere in sicurezza opere di interesse pubblico o storico
Assegni di cura, protestano le famiglie Assegni di cura, protestano le famiglie Il Garante regionale dei disabili chiede adeguate soluzioni
1 Lavoro, in Puglia meno disoccupati che nel Sud Italia Lavoro, in Puglia meno disoccupati che nel Sud Italia Disoccupazione giovanile in calo del 7,8 per cento
Fondi comunitari all'agricoltura, la Regione ammette i ritardi Fondi comunitari all'agricoltura, la Regione ammette i ritardi Ma scarica le responsabilità: "Colpa dei ricorsi". La Puglia rischia di perdere 176 milioni
Museo civico, la Regione chiama a rapporto il Comune Museo civico, la Regione chiama a rapporto il Comune L'ente convocato per spiegare il perché della chiusura
"La Regione Puglia rischia di perdere 180 milioni di fondi europei" "La Regione Puglia rischia di perdere 180 milioni di fondi europei" 5 Stelle: "Per l'agricoltura, spesa relativa ai PSR ferma al palo"
Lotta agli sprechi nei Comuni della Murgia Lotta agli sprechi nei Comuni della Murgia Una rete di ridistribuzione degli alimenti e dei prodotti farmaceutici da banco
La Regione guarda all’Alta Murgia La Regione guarda all’Alta Murgia Progetti e prospettive. A confronto i consiglieri Enzo Colonna e Mario Conca
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.