randagi01-13
randagi01-13

Randagismo, ennesimo allarme da via Chopin

Cani sempre più aggressivi minacciano i residenti

"Abbiamo sempre convissuto con i cani randagi ma ora la situazione è diventata insostenibile".
L'ennesima segnalazione arriva da via Chopin a due passi dalla ferrovia e porta la firma di Francesco, uno studente costretto quotidianamente a scansare gruppi di cani aggressivi.
"Scrivo per denunciare la situazione particolarmente critica che ormai da un bel po' di tempo si é creata nel mio quartiere. Il fenomeno del randagismo é ormai noto da tempo in quanto la nostra periferia sembra essere il luogo di riparo per cani randagi, soprattutto cuccioli indifesi ed infreddoliti. Da sempre ci sono state diverse lamentele ma fino a poco tempo fa si conviveva con questa situazione".

Qualcosa però è cambiato negli ultimi mesi.
"Nel vicinato sono presenti cani di media e grossa taglia particolarmente aggressivi anche nei nostri confronti. Diversi sono gli episodi di aggressione già segnalati alle autorità. L'ultimo stamane quando un ragazzino appena uscito di casa é stato aggredito da due cani. Fortunatamente ha avuto la prontezza di distrarli lanciando lo zaino per terra e mettersi al riparo salendo su una macchina parcheggiata; solo le urla del vicinato hanno allontanato i cani".
Un episodio non isolato se si pensa che "La settimana scorsa mio padre é stato aggredito all'alba e fortunatamente é riuscito a difendersi con la sua borsa da lavoro. Alcune settimane addietro io stesso sono stato seguito da un cane visibilmente affamato attratto dalla mia borsa frigo contenente il pranzo".
A quanto pare la situazione è nota a tutti in quartiere.

"Da qualche anno nel mio quartiere eravamo abituati alla presenza di alcuni gatti totalmente innocui, che per altro ci aiutavano a tenere il quartiere libero da topi e insetti vari. Dalla scorsa estate la loro presenza è impercettibile, vivono nascosti e non fanno altro che scappare dai cani".
"La situazione di degrado della periferia è oramai evidente" conclude Francesco chiedendo un intervento immediato dell'amministrazione comunale poiché "non è a rischio solo la reputazione di una città ma anche la vita dei più piccoli che rappresentano il futuro per il nostro paese e che attualmente non sono più liberi di giocare o andare a scuola".

  • Aggressione
  • Randagismo
  • Cani
Altri contenuti a tema
10 Zona industriale: sporcizia e randagismo suscitano il malcontento negli imprenditori Zona industriale: sporcizia e randagismo suscitano il malcontento negli imprenditori Cambia la location ma la situazione è sempre la stessa
17 L'area di sgambettamento per cani diverrà realtà L'area di sgambettamento per cani diverrà realtà Approvata in Giunta una delibera per la riqualificazione del Parco di via Alfieri
34 Deiezioni canine in via Loreto Deiezioni canine in via Loreto La segnalazione della nostra lettrice Giovanna
Divella Group apre le porte agli amici a 4 zampe Divella Group apre le porte agli amici a 4 zampe Avvia l'iniziativa "Io posso entrare!"
Randagio cade in una cava Randagio cade in una cava Salvato dai vigili del fuoco e affidato ad un veterinario
Deiezioni canine e il dilagare dell'inciviltà Deiezioni canine e il dilagare dell'inciviltà Strade sporche e maleodoranti a portata di turista
Petizione dei Cinque stelle contro il randagismo Petizione dei Cinque stelle contro il randagismo Al Comune di Gravina si chiede l'approvazione di un regolamento in difesa degli animali e dei cittadini
Canile, ancora una proroga Canile, ancora una proroga Confermato l’affidamento dei cani randagi al canile di Corato
© 2001-2017 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.